La Verità

18 ottobre 2016
Altra penna (scomoda) spezzata

Fuori un altro. L’ ultimo giornalista che se ne va, nel tempo del renzismo reale è Alessandro Giuli. Fino a pochi giorni fa era il vicedirettore del Foglio, un collega stimato dagli interlocutori con le idee più disparate, l’ autore di pamphlet sulfurei, il volto televisivo (come ospite) di decine di programmi di informazione, una penna della destra incasellabile e buttafuochiana, un irregolare, e – da ultimo un pupillo cresciuto da Giuliano Ferrara. Eppure (evidentemente) il nuovo corso del Foglio ha un altro segno, meno corsaro: l’ Elefantino era un ex ministro che poteva permettersi di fare la fronda a tutti; il suo successore è un trentenne che si è (legittimamente) convinto che il suo giornale debba accompagnare e sostenere la battaglia di Matteo. Quello che sorprende però – è la durezza della comunicazione che arriva al comitato di redazione («Si è interrotto il rapporto di fiducia»), accompagnata da un preannuncio informale di licenziamento. In un giornale in cui, nei primi anni, i pezzi venivano pagati (anche) in bottiglie di champagne, in un giornale così eterodosso da rivelare ben tredici diverse intenzioni di voto da Rifondazione (Marianna Rizzini) all’ala ciellina del Pdl (Ubaldo Casotto). In un giornale così si può essere cacciati per incompatibilità politica? Si dirà: la storia di Giuli è un caso a sé. Anche la storia del direttore di questo quotidiano, cacciato da Libero senza che nessun giornale (tranne Il Fatto) raccontasse perché, era una storia a sé. Anche la vicenda di Bianca Berlinguer, cacciata dalla guida del Tg3 per metterci il curatore di un programma che si era dimesso per un editoriale critico di Massimo Giannini contro il premier, anche quella è un caso a sé. Anche la storia di Massimo Giannini, cacciato da Ballaró con la scusa che faceva il 6% (ma sostituito da uno gradito a Palazzo Chigi, che fa il 3%, però non si tocca) è un caso a sé. Anche l’ allontanamento di Nicola Porro da Virus deve essere un caso a sé. Anche la fine della satira di Francesca Fornario a Radio2 è un caso a sé. Anche chiudere Lillo e Greg è un caso a sé. Anche la vicenda di Massimo Franchi minacciato di un provvedimento disciplinare a l’ Unità per un tweet (fuori orario di lavoro) contro l’ alleanza tra il Pd e Verdini è una storia a sé. Ma diceva Agatha Christie che tre coincidenze fanno una prova. Qui son troppe, le coincidenze. Forse il filo comune di queste storie «a sé» è che non essere giornalista amico di Renzi nell’ Italia di oggi non aiuta a fare carriera.

LUCA TELESE

Condividi:

 

5 commenti »

  1. A tutte le penne spezzate: riunitevi e rimanete indipendenti.

    Avete provato a vedere se a http://theintercept.com interessa aprire un’edizione italiana? Ne hanno già una per il Brasile e gli USA (principale). Sono proprio pungenti con i rispettivi governi. Magari vi capiscono :)

  2. se solo il fronte del no avesse la metà del cervello di de Luca , erogan o là boschi , potrebbe aprire una bella macelleria vegana

  3. Sono i poteri forti quei cattivi che non fanno diventare brunetta un grande statista o Grillo un produttore di apriscatole?

  4. Se vince il no faccio carne di porco

  5. egregio signor telese , quando scrive la leggo sorridendo . come questo articolo . un caso a sé , vero ? oggi sono stata stomacata nel leggere alcuni twitter , ma non perché mi tacciavano per vecchia cialtrona , ma solo perché la gente non sa leggere e quando legge non capisce . tenga duro signor telese e scriva tanto , vedo poco la tv , ha il potere di farmi addormentare . a presto

Lascia un commento