Blog

24 ottobre 2010
Io, la Zanzara e la Marcegaglia

Per quasi due anni, tutti i giorni, sono stato un cliente fisso de “La Zanzara”, il programma di punta di Radio24. Per due anni, insieme con Giuseppe Cruciani e David Parenzo, mi infilavo in questo spazio di etere un po’ anarchico e fuori dalle regole, che, come diceva un ascoltatore che poi è finito persino nella sigla, “è come sedersi al bar dopo il lavoro con gli amici”. “La Zanzara” non ha regole, va in onda accompagnato dal grido ribelle di Rita Pavone, animato da un conduttore liberale con qualche simpatia nel centrodestra, a cui facevano da contrappunto voci diverse come la mia.
Per due anni ne abbiamo dette di tutti i colori e su tutti. Un mese di dibattito, solo per l’epiteto “orchicefalo” che avevo rifilato al sindaco Oscar Lancini, quello che marchiava i bimbi con il Sole delle Alpi e ci voleva raccontare che era un simbolo druidico. Per quasi due anni io e Giuseppe discutevamo di tutto, dividendoci quasi su tutto, ma poi ritrovandoci come nel terzo tempo del rugby. “La Zanzara” mi inseguiva nel mio mestiere di inviato, in Sardegna dietro ai cassintegrati, nei cortei che raccontavo, nelle sedute cruciali di Montecitorio, persino nel gabinetto di un treno, dove Giuseppe in un empito di radio-reality, mi chiese di mandare in onda anche lo scarico dello sciacquone. La sera, quando scrivevo in redazione, combattevo tra le necessità della scrittura e il piacere del cazzeggio meta-giornalistico, Cruciani scherzava sul fatto di avere un orecchio al “Fatto”, qualche volta mi chiedeva persino di intervistare i colleghi avvicinando loro il telefonino.
Da due settimane, invece, stop coi Beatles stop. La radio non mi chiama più, mi dicono che sono finito in “Purgatorio”. Con affettuoso amarcord Cruciani manda frammenti di registrazioni d’epoca, litigi memorabili, cazzate dal sen fuggite e, persino una mia non memorabile performance in cui da Victoria Cabello canto Eros Ramazzotti.
Se è una penitenza, ha qualcosa di bello e terribile, l’affetto che si riserva agli amici, ma anche la spettralità che si ritrova nei necrologi. Mi hanno raccontato perché e, quasi non ci volevo credere.
Pare che Johnny Raiotta – quello che ha fatto perdere il 10 per cento al Sole 24 Ore in un anno e che quando fa la rassegna stampa su Radio Tre mette i voti ai colleghi come se fosse a scuola, definendo Marco Travaglio un “collaboratore di Michele Santoro ” – abbia chiamato il direttore di Radio 24 per dirgli che era accaduto un fatto vergognoso, che la radio non poteva far finta che non fosse successo nulla. E cos’era successo? Io, il reprobo, avevo commesso un peccato di lesa maestà, avevo detto, in un programma che va in onda sulla radio della Confindustria, che “Emma Marcegaglia è una cretina”. Ora, se il signor Riotta avesse chiamato me, gli avrei spiegato anche perché. Trovavo incredibile, infatti, che la presidente della Confindustria e il suo geniale portavoce (che poi infatti è stato licenziato), invece di rivolgersi al direttore de Il Giornale o alla polizia, credendo di essere stati minacciati da quella testata, si appellassero a Fedele Confalonieri. Avendo detto peste e corna di chiunque, in questi anni, mi sembrava assolutamente ragionevole che una radio liberale mi consentisse di dire altrettanto della sua proprietà. Ma siccome l’Italia è un paese in cui i liberali sono alle vongole e i democratici all’amatriciana, le regole del gioco le decidono i Gianni Riotta, quelli che negli anni Settanta sul Manifesto insultavano la polizia quando arrestava i terroristi.
Ecco perché al pari di uno degli idoli della “Zanzara”, Carletto Mazzone, non faccio la vittima e non mi strappo i capelli, ma sono contento di prendermi la squalifica, se questo è il prezzo da pagare per dire quello che penso di una delle signore più sopravvalutate dall’informazione italiana.

Luca Telese

 

137 commenti »

  1. Egregio Luca,
    Complimenti per la chiarezza del tuo pensiero.
    Ascolto (ascoltavo) con piacere i tuoi interventi a Radio24, così come seguo con attenzione In Onda (che mi piacerebbe fosse quotidiana come lo è stata nella scorsa estate)
    E’ davvero incredibile come in Italia si riescano a tarpare le voci libere, additandole di lesa maestà.
    Purtroppo il tuo caso non è il solo: per fortuna ormai le informazioni circolano liberamente via web dove i vecchi parrucconi di stato non sanno come muoversi !

    Ti saluto cordialmente con stima,

    Andrea Giai
    Imprenditore – Milano

  2. E PER FORTUNA CHE LA ZANZARA, COME DICE CRUCIANI, E’ UN “CONTENITORE” DOVE CHIUNQUE PUO’ DIRE QUALSIASI COSA. ASCOLTO PRATICAMENTE SEMPRE IL PROGRAMMA, MA MI SEMBRA CHE – IN MANIERA ESPRESSA – CRUCIANI NON HA MAI DETTO NULLA RIGUARDO LA TUA EPURAZIONE. ASCOLTAVO LA ZANZARA ANCORA PRIMA CHE TU NE FOSSI CO-PROTAGONISTA, MA – E LO DICO SENZA PIAGNERIA – IL TUO INGRESSO HA DECISAMENTE RISOLLEVATO IL LIVELLO. E ADESSO APPRENDO ANCHE CHE CRUCIANI E’ D’ACCORDO CON TAMBURINI RIGUARDO LA TUA EPURAZIONE. BEH, SE LE COSE STANNO COSI’, LA ZANZARA E CRUCIANI NON TI MERITANO. IO AL MASSIMO CERCHERO’ DI INTERVENIRE IN DIRETTA, GIUSTO PER SPALARE UN PO’ DI M…. A QUELLO PSEUDO-LIBERALE!

  3. Leggo il papello di Papillo: # paolo papillo – 26 ottobre 2010 @ 19:36
    @FABRIZIO SPINELLA
    LO STRONZO TE LO FACCIO MANGIARE…CIAO

    Rispondo: gradirò che sia in salsa rossa. Una raccomandazione: làvati, poi.
    (Ma guarda un po’ che amanti della coprofagia tra i fans di Telese…).
    Fabrizio

  4. Certo, leggere quel gentlemen di Facci parlare di educazione è davvero eccessivo.
    In fin dei conti è la stessa persona che ha detto che non ha mai incontrato un lettore del “Fatto” che non fosse un cretino.
    E il “cretino” non era parte di un discorso più ampio.

  5. ho aspettato invano che Floris ieri sera chiedesse a Belpietro notizie sul suo attentato

  6. Che Cruciani sia d’accordo con Tamburini non mi sorprende. Egli è infatti maestro dell’arroganza coi deboli (o gli assenti) e le sue risate sforzate mentre intervista i potenti….
    Volevate che andasse contro ‘el Paron’ per difendere la libertà? Intendiamoci, dare del cretino non è mai cosa bella. Ma censurando Telese si è ottenuto l’effetto di equiparare la Marciagaglia a Mr B. Entrare nella cricca deli intoccabili non genera un buon ritorno d’immagine. E fa’ pensare… QUANTO è potente Emma?
    Ascoltavo la Zanzara con regolarità. Ora mi sintonizzo raramente e quelle poche volte che lo faccio provo fastidio. Tipo inquinamento acustico. D’altronde mentre tanti programmi di radio24 si occupano (bene) di approfondimento, la “Zanzara” si occupa (benissimo)di politica italiana , che fa notoriamente schifo. Sillogismo.

  7. Dimenticavo. Il dottore Fabrizio Spinella è raccapricciante!!!!!

  8. a noi il pugno in faccia non lo avrebbero mai dato…noi siamo la crem della crem!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  9. @luca telese:
    Al di là di tutto, una cosa proprio non capisco. Lei dice che il suo direttore le ha chiesto il pezzo sull’affaire Zanzara e ci stà che l’abbia scritto magari un po’ controvoglia. Ma dare un colpo di telefono a Cruciani e informarlo dell’articolo domenicale non era doveroso?
    A quel che mi par di capire, invece, il buon Cruciani era all’oscuro del suo articolo Flit….

  10. sinceramente mi manca, caro telese, io ascolto la zanzara in replica prima di dormire, e la sua ironia e provocazione mancano anche un po’ alla trasmissione. ma al purgatorio c’è fine prima o poi..
    hasta siempre….
    saluti massimo

  11. Caro Telese, ascoltavo la zanzara, e avevo la netta sensazione che il progamma stava in piedi per il tuo sostegno. Cruciani è uno che non scalda, fa’ solo incazzare. Mi ero permesso, ben prima del ‘cretina’ di chiederti di mollarlo. Se Cruciani avava un evidente interesse a tenerti in trasmissione, ai piani alti eri mal sopportato e al primo incidente………….

  12. a me di telese licenziato non interessa assolutamente nulla . mi interessa sapere l’evoluzione delle indagini sull’attentato a belpietro. grazie

  13. Margherita, stamattina hai dimenticato di chiedere del libro sul ponte? che e’ successo? svegliata male?

  14. Ciao Luca, da quando non vai più in onda la zanzara è diventato un programma noiso e troppo berlusconiano! Il povero Gian Burrasca/Parente non riesce a reggere il tuo confronto e Cruciani è meglio che commenti le partite la domenica sera!
    Continua così sei un grande!!!!

  15. La Zanzara è un programma di livello davvero basso,prima di Telese,con Telese e dopo Telese.
    Io lo sento di rado con lo stesso spirito con cui si guarda un film splatter o un talk show da due soldi:un misto di repulsione temperata da una vaga quanto insana attrazione verso il peggio,rappresentato in questo caso da cazzeggio fine a se stesso,quasi mai divertente (da qualche parte ho letto addirittura paragoni con Alto Gradimento,ma stiamo scherzando?) ,stucchevole parlarsi addosso autoreferenziale,gerarchia delle notizie grottesca e approfondimento zero;e non mi si dica che quel tipo di contenitore non è adatto,si potrebbero benissimo fare trasmissioni al contempo brillanti,intelligenti ed informative,ovviamente questo presuppone anche la capacita di stabilire un rapporto di empatia con chi ascolta,l’aver voglia di documentarsi e il mettere in conto di urtare diversi interessi.
    La frase incriminata l’ho ascoltata in diretta,a prescindere dal fatto che della Marcegaglia,e più in generale di buona parte dell’imprenditoria italiana penso malissimo la mia reazione è stata di autentico divertimento nel sentire Cruciani che,sudando freddo,cercava di chiarire in ogni modo che lui si dissociava totalmente (al confronto Fantozzi al cospetto del famigerato direttore megagalattico pareva Braveheart).
    Ho fatto il militare a Vercelli e non a Cuneo ma una minima nozione di come funzionano certe cose ce l’ho persino io e quindi non mi stupisce più di tanto nè questo nè la conseguente” messa in castigo”;quello che mi fa cadere le braccia è che molta gente non dico se ne indigni (figuriamoci,in fondo è un episodio abbastanza banale anche se rappresentativo e comunque Telese e Cruciani a dispetto delle apparenze sono due facce di una identica medaglia) ma la trovi addirittura giusta perchè “bisogna comportarsi correttamente col padrone di casa”.
    Praticamente,essendo la radio di Confindustria,ciò significherebbe,a prescindere dagli aggettivi usati chè solo gli ingenui possono pensare il problema sia quello,autocensurarsi su una miriade di argomenti che possono rivelarsi scomodi per l’editore (dall’immigrazione alla sicurezza e salute dei lavoratori dalla corruzione ai ritmi di lavoro ecc.) ed in effetti è proprio quello che succede,a Radio24 come nel 95% degli altri media italiani con la conseguenza che la disinformazione impera.
    Purtroppo anche nei rari casi in cui la proprietà non rappresenta un ostacolo il conformismo, i pregiudizi e l’opportunismo della casta giornalistica spesso emergono riguardo una varietà di temi,ad esempio su armi e pena di morte nel circuito informativo del nostro paese è difficilissimo trovare un parere eterodosso a dispetto del fatto che l’opinione pubblica abbia in proposito posizioni variegate;per fortuna Internet da questo punto di vista aiuta anche se per togliere certe incrostazioni serviranno tempi lunghi e sempre che nel frattempo chi ha le leve del potere in mano non cerchi di agire ancor di più contro la libertà di espressione.
    P.s. vero che,per quel poco che sento,molti interventi degli ascoltatori della Zanzara sono di scarso spessore o peggio sconclusionati,altrettanto vero che quando qualcuno tocca temi scomodi e lo fa con cognizione di causa oppure è in grado di sviscerare una questione andando oltre la superficie Cruciani,anche per i motivi esposti prima,assume lo stesso atteggiamento un vampiro con l’aglio.

  16. ascolto tutte le sere la zanzara e devo dire che. mi manca tanto il contrappunto di Telese.

  17. Dal BLOG di Peppe Crusciani, il filosofo padre della teoria del crucianismo comunicativo

    perché non si parla di Telese

    Matteo mi chiede di parlare di Telese.

    Non posso parlare del purgatorio di Telese e vi spiego perché.

    Telese è stato fatto fuori per le frasi sulla Marcegaglia, in una radio che ha a capo – in un certo senso – la Marcegaglia.

    Se io adesso parlo di Telese, confermo il fatto che dentro un organo di informazione non è possibile parlare male del capo.

    Se io confermo questo (in un organo di informazione non è possibile parlare male del capo) allora implicitamente confermo che Belpietro e Feltri in pratica non possono parlare male di Berlusconi. Del loro capo.

    E io Belpietro e Feltri gli voglio tanto tanto bene. E dovete pure capire che tengo famiglia: se mi fanno fuori da Radio 24 chi mi assume? Chi mi può assumere oltre a Panorama? E’ vero che la mia massima aspirazione è diventare televisivo e superare Travaglio in celebrità. Se così non fosse, l’unico paracadute è – appunto – Belpietro e Feltri.

    Capito?

  18. http://comitatoambientalemontemurlo.blogspot.com/2008/05/chi-la-marcegaglia.html

    Ci sta avvelenando.
    bravo luca.

    by ordo otis.

  19. Ascolto la zanzaa tute le sere. Per mia figlia è un incubo perchè vuol vedere i cartoni. Senza Telese ha perso molto, Parenzo non è una riserva compensativa. Scriverò una mail a Cruciani pe annunciargli che non l’ascolterò più. Due piccioni con una fava; mi figlia felice e Radio24 con un ascoltatore in meno. Rammento che avevo fatto lo stesso con Ferrara, lamentandomi della deriva di destra della mattina di radio24 veramente inascoltabile, con la Binetti ospite un giorno sì e l’altro no. Speriamo che mi ascoltino…

  20. Caro Luca,
    hai fatto bene a scrivere questo articolo: anche a me, da ascoltatore, un mese di purgatorio aveva rotto i coglioni. Credo sia sbagliato giudicare una trasmissione basandosi soltanto sulle proprie idee politche. Mi sembra che in tanti commettano questo errore: quello di giudicare male “la zanzara” solo perchè Cruciani non è l’uomo di sinistra che vorremmo sentire e per il fatto -di certo più grave- che non è libero come dice di essere. Detto questo, è vero che senza di te la trasmissione ha perso molto: c’è un incremento di cazzeggio fastidioso, ed è un po’ deprimente pensare che abbia tolto spazio agli ascoltatori. Parenzo è sicuramente un valido professionista, ma a volte pare quasi che si contrapponga a Cruciani più per “ruolo” che per reale convinzione. Era interessante ascoltare i dibattiti tra te e Cruciani, sentire gli avvenimenti analizzati sotto prospettive critiche complete e argomentate. E’ davvero un peccato. Adesso, spesso, anche io cambio canale. Non penso assolutamente che tu sia un paraculo, nè che tu viva nel paese di Alice nel paese delle meraviglie (e che immagine nuova! che palle..).
    Dovremmo tutti raccoglierci in meditazione e riflettere su quanto sia grave il riottismo, il fatto che non si possa essere liberi di dare della cretina alla Marcegaglia solo perchè siamo a casa confindustria. E per usare una formuletta famosa negli ultimi giorni: “meglio telese che schiavo”.

  21. Caro Luca, Mi spiace di quanto Le è capitato. Si consoli, era già successo a Santalmassi. Sono di destra, ma questo non significa che io non la apprezzassi come giornalista e come scrittore. Mi piace meno lo show che sta diventando la Zanzare. Ai tempi di Santalmassi era meglio. Si parlava di cose serie…. ora resta solo lo show, la satira spesso fuori luogo, ecc. Cosa vuole farci? A 60 anni vedo l’Italia che va a rotoli e vorrei che qualcosa venisse fatto. Ciao e auguri (anche se io non leggo Il Fatto, ma l’ho letta varie volte quando era al Giornale e ho l,etto (da ex-missino) il suo libro Cuori Neri). Leonardo

  22. Oramai la Zanzara è un programma che peggiora giorno dopo giorno, preferisco la sera collegarmi su Radio Classica, almeno mi rilasso. Cruciani ha un modo di trattare la gente che mi irrita molto e a volte usa un tono di voce che mi viene voglia di prenderlo a ceffoni.

  23. Cruciani è semplicemente vomitevole! Quotidianamente sa fare solo il solito compitino. Quello che sta svolgento anche ora con l’agitatore di turibolo, il chierichetto(anche se ebreo come lui spesso sottolinea) David Parenzo. Quello di ricoprire di zucchero e miele la montagna di merd.a che Berlusconi produce quotidianamente in quantità sempre crescente ! E fa questo per convincerci a mangiarla noi quella merd.a, sicuro, come solo un arrogante e presuntuoso come lui può fare, che qualcuno, diverso da lui, ci possa cascare!
    Se ti manca quel tipo di compagnia significa che non ne sei molto dissimile caro Telese. Mentre ti scrivo sto ascoltando la “campagna” denigratoria che il dittero fallocefalo sta facendo da tre giorni contro Saviano. E lo fa nel più tradizionale metodo Sallusti, invitando chiunque possa gettare fango su di Lui. In questo preciso momento sta blaterando che Saviano era dalla parte di Cesare Battisti! Ma lo sta dicendo senza raccontare quei particolari che farebbero diventare la questione ben diversa! Comunque fa come ti pare! La nostra stima(nostra perchè ho almeno dieci amici che la pensano come me) non è in vendita. Se ti interressa te la devi meritare!

  24. La formula del programma La Zanzara come anche Zapping è una formula che in qualche modo attrae e questo è il motivo per il quale Cruciani (che secondo me è gay, senza offesa per i gay…) questo è il motivo per il quale continua ad avere sicuramente un buon seguito. E’ buono il format fa schifo il conduttore non perchè sia di destra o di sinistra ma per come tratta la gente. Se ci fate caso quando qualcuno non gli va a genio manda la pubblicità o comincia con la tiritera irritante del tipo: ; finita la tiritera chiede alla regia di mandare la pubblicità dicendo all’ascoltatore che ci si risente dopo, ma dopo la conversazione per la maggior parte delle volte comincia con un nuovo ascoltatore.
    Allora, dato che la formula è buona e che non esiste alcun copyright il nostro Luca Telese potrebbe benissimo riproporlo presso qualche radio disposta ad aprirgli la porte, ad esempio Radio Capital o Radio Classica che appartiene al gruppo editoriale più diretto concorrente del Sole 24 Ore.

  25. E’ saltata la tiritera che in genere è del tipo : ah…ah…si…si….sèeee….seeee……vabbè…vabbèè…vabbeee….si…siiiiii…….ma che sta dicendo…che sta dicendoooo…non è così…non è così….basta la prego…la prego…mandiamo la pubblicità…..

  26. Purtroppo in questa storia non hai fatto una bellissima figura, capisco che passare per perseguitato sia molto chic, molto santoresco per intenderci, ma prova a scrivere un articolo sul tuo giornale intitolato i soci del Fatto sono dei cretini e poi vediamo se qualcuno perde la pazienza. La Zanzara è un programma straordinario e Cruciani è un mito, appuntamento imperdibile per chi si diverte a sbeffeggiare il teatrino della politica e i suoi degni rappresentanti, imperdibili le spernacchiate a di pietro e beppe grillo e la loro demagogia da detentori della verità, sinceramente non soprende che i tuoi lettori non apprezzino, a volte guardarsi allo specchio fa un po’ impressione. PS a noi affezionati ascoltatori cii manchi, te lo dico con molta stima, saluti. Aldo

  27. Caro Telese,

    spero di risentirla presto, perchè sono un fan della Zanzara e lei manca. Manca terribilmente quel pizzico di irriverenza che dava più pepe al programma che, pure, rimane ottimo. Pur non essendo mai (o quasi mai) d’accordo con lei, devo proprio ammettere che lei stava alla Zanzara, come un numero 10 sta in una squadra di calcio: Cruciani e Parenzo sono la solida impalcatura della trasmissione; lei era il “Fuoriclasse”, in grado di dare la velocità, il cambio di passo, la fantasia.

    Ora la Zanzara è un’ottima torta; perccato le manchi la “Ciliegina!”

    Detto da uno che è stato, è e sempre sarà in disaccordo con lei (ma non sulla Marcegaglia…su quello ero d’accordissimo).

  28. CRETINO SARAI TU, LUCA!

  29. Buonasera Telese,
    questo è l’editore che la ospitava:
    http://www.affaritaliani.it/economia/il_sole_24ore_lettera_azionista291110.html

  30. Carissimo Luca Telese,
    Ti stimo e ti seguivo con estremo piacere tutte le sere alla zanzara e apprezzavo il modo in cui davi il tuo contributo al programma.
    Il programma senza di te ha perso in qualita’ senza alcun dubbio.
    Ma mi permetto rispettosamente di dirti che una persona intelligente come te, non ha bisogno di mostrare cosi’ ingenuamente il fianco definendo “una cretina” la presidentessa di Confindustria, senza poi aspettarsi una reazione piu’ che normale, secondo me, cioe’ l’estromissione dal programma stesso.
    Se tu ti fossi limitato a criticarla sia pure aspramente, senza pero’ utilizzare quel termine, nessuno si sarebbe permesso di toccare la tua collaborazione con radio 24, e soprattutto gente come me avrebbe ancora il piacere di ascoltarti tutte le sere.
    Un saluto affettuoso,
    Quindi… ne valeva la pena ???
    Daniele.

  31. Ascolto spesso la Zanzara e prima ancora tutte le rubriche di quelo spazio radiofonico che va dalle 18.30 alle 21,00. Bei tempi quelli di Santalmassi dove con serenità, pacatezza ed equilibrio ogni sera imparavi qualcosa e ti confrontavi con i problemi del mondo e ti andava bene anche chi la pensava diversamente da te. Non posso dire altrettanto della Zanzara e dell’odiosissimo Cruciani, am non perchè è o non è berlusconiano, ma semplicemente perchè questa trasmissione vive soprattutto degli interventi degli ascoltatori e lui li “maltratta” con un fare a dir poco indisponente: direi che lui potrebbe sopportare anche chi non è intelligentissimo e sapientissimo come lui.
    Apprendo solo ora, quindi per caso (ecco l’informazione di oggi!) del fatto che tu Luca sei stato fatto fuori, proprio come l’amico Santalmassi. Ed era solo per te che mi ero riavvicinato alla trasmissione, finalmente qualcuno che gliene cantava quattro a tutti senza peli sulla lingua. Me ne dispiace veramente tanto e, per quello che posso fare, porterò le mie proteste a tutti i livelli………….. Credo che siamo in una sitruazione davvero disastrosa……..
    Un abbraccio e tantissimi auguri per un miglior 2011 (ma non ne sono tanto convinto che sarà così!)
    Maurizio

    movie downloads

  32. Ma davvero il 24 Ore, che dovrebbe saperla lunga in fatto di economia, fa fuori uno come te, che rendeva credibile ed ascoltabile la Zanzara, riequilibrando l’esagitato (e callido) Cruciani?
    Contano di più la qualità (e gli ascolti) o la deferenza nei riguardi della Padrona?
    Adesso il programma è inascoltabile: la volontà di abbattere il confine fra informazione e spettacolo ha prodotto informazione screditata e spettacolo stucchevole.
    Speriamo di ritrovarti presto in onda, ma va benissimo anche se ti trovi un’altra casa. Magari potresti risollevare le sorti dell’appannato programma concorrente su radio Rai 1.
    Certo, anche lì ci sono Padroni che non scherzano, ma non si sa mai…
    Un saluto cordiale e tanti auguri per il 2011.

  33. dopo aver ascoltato la telefonata Telese-Cruciani, non riesco a vedere la ragione della “squalifica”, magari non avrei definito la Marcegaglia come una cretina, certo anche il comportamento del presidente di Confindustria fa pensare ( la domanda di Telese è del tutto legittima: perchè andare da Confalonieri e non da un un magistrato), comunque, caro Luca, la vita va avanti lo stesso per chi sa fare e bene il suo mestiere, in più, parere personale, la virata in senso gossiparo della Zanzara va a scapito della propria credibilità e fa perdere molto all’originalità del programma, in conclusione, lei non ha perso molto, qualcosa in più, con la sua scomparsa da Radio 24, perdono gli ascoltatori, come me.
    in bocca al lupo
    p.s. anche io rimpiango lo stile di Gian Carlo Santalmassi…

  34. Vendetta è fatta: Riotta ha lasciato il Sole 24 Ore.
    Sicuramente è stato in assoluto il peggiore direttore degli ultimi 30 anni.

  35. Come dice Carlo al post 125 …. è proprio vero !!! Cruciani fa proprio così :-))
    Però anche se questo atteggiamento è irritante per me rimane un grande !

    Telese, se Riotta ha fatto le valigie … quando torni ?

  36. Very efficiently written post. It will be valuable to anyone who usess it, as well as myself. Keep doing what you are doing i will definitely read more posts. dabgeeecekcd

  37. Gentile Telese,
    a me della Marcegaglia non importa nulla, ma le notifico che sono in tantissimi, ma davvero tanti in Italia, a pensare la stessa cosa di lei e di Cruciani (ossia che siete due cretini boriosi e soprattutto molto rozzi…che non sanno neppure cosa sia fare il giornalista serio.
    La cosa che vi accomuna sono i vostri inutili ego ipertrofici, una grande superficialità e la slealtà che usate con i vostri ospiti (approfittate della vostra squallida padronanza del mezzo per ridurre il “contraddittorio3 a una fioca voce di sottofondo). Inutili entrambi.

Lascia un commento


free software