Dicono di me

27 settembre 2010
Scontro di opinioni da Lilli Gruber

Alcune sere si passano la linea, altre no (nel secondo caso si deve presumere che la trasmissione sia stata registrata). Non sembra però esserci molto feeling tra Enrico Mentana e Lilli Gruber. Quando Mentana ha preso in mano il tg de La7, a seguire c’erano Luisella Costamagna e Luca Telese. Non che fra i due conduttori di «In onda» fosse tutto rose e fiori, anzi. Però Mentana era bravo a giocare su questi veri o presunti contrasti e a stabilire un ponte diretto con il tg e «In onda » (la mia idea è che se ci fosse ancora Giuliano Ferrara, La7 avrebbe ora il più formidabile nucleo informativo della tv italiana; ma, essendo un’idea personale l’ho messa doverosamente fra parentesi).
La Gruber rappresenta un vecchio modo di fare giornalismo: nel suo programma non c’è mai un percorso di conoscenza, ma solo uno scontro di opinioni, una parata di idee contrastanti. Il più delle volte avvolta da un’atmosfera monocorde e anche un po’ noiosa. Quando uno segue un dibattito di «Otto e mezzo» non riesce mai a mettere in discussione le proprie opinioni perché, dalla trasmissione, riceve solo ciò che si aspetta. Le schede di Paolo Pagliaro, poi, ricordano molto quelle di Carlo Nesti al «Processo del lunedì» di Aldo Biscardi. Che non è proprio il format ideale cui rifarsi per una rete in crescita come La7. Il modo di condurre della Gruber, fatta salva la diversità ideologica, è molto più simile a Bruno Vespa che a Mentana. Se è vero che, per ingaggiare Mentana, Telecom ha dovuto attendere per un anno il placet del premier (ma ci rendiamo conto in che Paese viviamo? e ci sono stati altri più recenti divieti?), forse per la Gruber ha fatto più in fretta. Certo, il compito dell’amministratore delegato di Telecom Italia Media, Gianni Stella, è quello di migliorare il palinsesto senza sballare i conti, per rendere vendibile la rete. Ma con Lilli o senza Lilli?

Aldo Grasso – Corriere della Sera

Condividi:

 

20 commenti »

  1. Nessuno tocchi Lilli.

  2. Cioè Mentana ha dovuto aspettare un anno per poter lavorare a La7??? questa mi mancava.
    TELESE MA SEI SICURO DI QUELLO CHE DICI?? TE LO HA DETTO MENTANA???

    Ps: Riguardo alla Gruber e talmente Piddina da far fin schifo..!! mi viene in mente l’intervista con Enrico Letta “nipote di Gianni Letta” e Davide Bono dopo la sconfitta del Pd in Piemonte da brividi.

  3. ehi, ma sei capace di leggere, Alex?
    l’articolo è a firma di Grasso, non di LT!
    inoltre è già piuttosto vecchio e postato da un lettore alcuni giorni fa.

  4. lilli Gruber : il difetto ‘? Massimo Franco

  5. la mia idea è che se ci fosse ancora Giuliano Ferrara, La7 avrebbe ora il più formidabile nucleo informativo della tv italiana..

    Con tutto il rispetto dovuto. Ferrara?? Grasso è sicuro di quello che ha scritto? Nucleo formativo e Ferrara possono stare nella stessa frase? Quello che in tempi recenti ha fatto la più patetica sceneggiata ad oggi che il giornalismo possa annoverare?

    Bisogna dire che sulla Gruber ci ha preso però, è di una noia pazzesca, io l’ho già scritto in un commento precedente, e lo disco spesso per cacchi miei quando capita l’argomento. Noia, noia e ancora noia.

  6. concordo con aldo grasso nella maniera piu’ assoluta. la “plastica” lilli gruber e’ la rappresentazione di un giornalismo “vecchio” e consumato. non e’ che mandandola in onda la7 intenda fare concorrenza a rai1 (cfr. bruno vespa)?

  7. “occhio malocchio Montezemolo è finocchio”…..

  8. la definizione della tulliani: “tu lecchi liscivi ani”….

  9. Che per un anno Mentana sia rimasto senza lavoro, prima di essere scritturato dalla Sette non è una opinione, ma un fatto. E che stia terremotando il bipolarismo pataccone è un altro fatto.

  10. Gad Lerner ieri sera : ho potuto avere Gaucci per intercessione di Libero : orrore

  11. questi sono spunti giornalistici 1.300.000-euro per 55 metri sono circa 24.000 mila euro al METRO QUADRO ma perchè la gente non ragiona .si parla di questo e non di 75.000 euro alla lega da scarpellini romano di roma doc( MILANO90 srl con decreto di fallimento di 11 milardi v lire) ..il questore della camera della lega BALLAM ( italosvizzero – esperto di conti svizzeri- premiato presidenza della REGIONE FRIULI ).sai cosa ha avallato ?al romano de roma ladrona 1110 MILIARDI ( solo a maggio 2010 ) di vecchie lire di contratti di fitto DELLA CAMERA … e poi perché la lega fa un BONIFICODI 679.384,00 euro al MPA … e le compravendite – VOTO DI SCAMBIO con contratti e promesse per sottosegretariati storace santachè …. ( 420 voti Italo Tavoschi, ex vicesindaco di Udine, centrista eletto con una lista civica. Nel documento stilato c’è pure il prezzo. Senza troppi giri di parole: 210 mila euro, in tre anni. ) …… e noi ed i nostri giornalisti siamo da TRE MESI a parlare di un monolocale in un CONDOMINIO donato ed io che conosco il posto a 7.000 euro è già caro ( ce lo fanno passare come UNAREGGIA ) INFORMATEVI Volete comprare 1 Appartamento Montecarlo in vendita: Appartamento in collina in vecchio casale ristrutturato di mq. 90 posto al piano terra composto da ingresso – (se lo volete ), casa di Mq. 90, € 260.000 ………2 Appartamento recentamente ristrutturato a MONTECARLO, di circa 90 mq al piano terra, composto da ampio soggiorno, (…), casa di Mq. 90, 4 locali, € 210.000
    ormai tra bossi e silvio ….. sono SICURI CHE NOI SIAMO RINCITRULLITI …… meditiamo meditiamo

  12. Lilli Gruber è noiosa. certe domande ha paura a farle. Assomiglia a Bruno Vespa.

  13. http://www.cambiocasa.it/residenziale/vendita/toscana/lucca/montecarlo/appartamenti

    VEDETE QUANTO COSTANO APPARTAMENTI A MONTECARLO NESSUNO LI VLE PIU

  14. Con la Gruber mi faccio due palle di marmo, ridateci Telese e la Costamagna tutti i giorni, rispetto ad otto e mezzo era una trasmissione avveniristica

  15. Sono anni che montecarlo è OUT si compra di tutto ed i prezzi sono dal 10 anni in calo ….ed i mercato dei monolocali non è mai stato importante e nei condomini il prezzo è molto basso perchè ci vivono i poveri e poi chi vive in 50-60 metri ….non è cosi cretino e si fitta o compra una villa con giardino ai confini . Quei prezzi indicati hanno riferimenti prestigiosi non condomini o vicinanze al centro

  16. Aldo Grasso, la banalità in persona.

  17. Spiegate ad Aldo Grasso (tipico esempio di critico televisivo di regime, pelosamente berlusconiano) che Ciccio Ferrara faceva ascolti ridicoli e che, piaccia o no, la Gruber ha sempre fatto e continua a fare ascolti più alti di quelli che faceva Ferrara ormai in caduta libera. Ridicolo poi indicare Ferrara come modello. Se c’era uno monocorde e che forniva un programma già schierato a priori (anche nella scelta degli ospiti) era lui.

  18. La Gruber a volte, evidentemente per timore di apparire “di sinistra”, lascia impunite le bestialità della cricca berlusconiana, senza replicare. I difetti principali della Gruber sono la mancanza di personalità e l’incapacità di intervenire tempestivamente quando i vari Carlo Rossella e soci dicono oggettive stupidaggini (cioè FATTI FALSI, non parlo di opinioni). Spesso non sa tenere in mano la trasmissione e si fa sopraffare dai professionisti della menzogna (Rossella, Quagliariello, ecc).
    In questo è inferiore a Ferrara. In tutto il resto, ovviamente, Ferrara era impresentabile e spesos ridicolo (per esempio nel tentativo, ovviamente comico e fallimentare, di dare a bere che il Vaticano dice cose sensate, quando tutti sappiamo che non è così).

  19. Concordo pienamente con Aldo Grasso, la Gruber non riesce a portare il programma ad un livello culturale alto. Le sue domande sono quasi sempre le stesse e sempre molto scontate. Beh… certo x lei la cosa più importante è APPARIRE! decisamente RADICAL CHIC!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Ps. Un consiglio alla Gruber… impara a confrontari con le persone!!!! mi riferisco ai social Network e blog. Non ti nascondere!!!

  20. Sono perfettamente d’accordo con Aldo Grasso. Anzi, io non definirei neppure una giornalista la Gruber. Una che usa l’auricolare per lavorare non è giornalista. E’ Ambra Angiolini, semmai

Lascia un commento


download-jet