Il Giornale

11 Ottobre 2008
Morando e quel titolo del Giornale

Fin dalla prima mattina il suo telefonino inizia a squillare a raffica. Dubbi,incredulità richieste di chiarimento. Perché proprio ieri mattina, in una intervista al nostro giornale, Enrico Morando – coordinatore del governo ombra, dirigente prestigioso dell’area riformista – aveva detto una cosa «eretica» sulla manifestazione del Partito democratico del 25 ottobre: «Non è e non sarà una manifestazione antigovernativa».Roba da far saltare sulla sedia i suoi compagni di partito (e non solo loro). Ma ancora più dirompente per il seguito del ragionamento: «Anche perché – spiegava ieri Morando- l’intervento messo a punto dal governo per rassicurare i risparmiatori è giusto, è quello che avevamo chiesto noi, e dunque merita un giudizio positivo». Quindi, a ben vedere, due grosse «eresie». Perché, proprio nel momento di massimo distanziamento del Pd dalla linea del «dialogo», Morando dice anche che sul tema più delicato di politica economica, Palazzo Chigi si è mosso bene. Infine l’ultima riflessione fuori da ogni schema:«Dobbiamo fare due cose. Intanto sostenere il governo nello sforzo che sta facendo per fronteggiare l’emergenza. E devo dire chel’iniziativa che è stata presa col decreto varato la sera scorsa, per dare una risposta immediata, mi sembra condivisibile». In sintesi, tre affermazioni così nette e controcorrente, da suscitare la passione dei nostri titolisti, che vincolati dallo spazio a disposizione arrivavano a una sintesi tanto logica quanto estrema. Le parole di Morando, infatti, nel titolo erano riassunte così: «Il 25 ottobre Pd in piazza, ma a sostegno del governo». Così, quando ieri è arrivata una precisazione di Morando, prima in redazione, poi sulle agenzie, la notizia era ancora un’altra. Quella che pur censurandolo scarto di quel titolo con il senso esatto del pensiero, il leader dei riformisti diessini, in realtà tornava a confermare le due affermazioni cardine del ragionamento consegnato alla sua intervistatrice, Laura Cesaretti: «La giornalista ha Riportato correttamente ilsenso delle mie parole. Il titolo lo travisa completamente. Capisco le esigenze della propaganda di parte, ma questa volta si è superato davvero il segno». La propaganda ovviamente non c’entra. Dato che è impegnato in una seria battaglia politica con gli esponenti della linea di «opposizione dura», Morando considera «grottesco » il fatto che gli si attribuisca l’idea che il Pd sfilerebbe «a favore del governo».Ma ribadisce il fatto che «il governo va sostenuto nello sforzo che sta facendo per fronteggiare un’emergenza». È solo una differenza sottilissima, questa, e impercettibile a chi è estraneo alle sottigliezze del politichese? Questa volta non è così. Perché la linea che Morando vuole imporre al suo governo ombra e al partito, è in realtà una interpretazione molto fair del modello britannico: l’opposizione può anche collaborare con la maggioranza per risolvere le emergenze di interesse nazionale. Mentre una grossa parte del partito, invece, è intenzionato a recuperare un’idea più classica e più italiana: l’opposizione non deve affatto agevolare l’azione di governo ma anzi contrastarla il più possibile. È un’idea che sta dentro il Dna dei radicali, per esempio (storici furono i record ostruzionistici fissati da Marco Pannella, Gianfranco Spadaccia ed Emma Bonino nella legislatura del 1976, ma anche da un pezzo di tradizione del Pci (che fece grandi battaglie parlamentari contro il Patto Atlantico e nell’84, contro il decreto sulla scala mobile). Dove si colloca il gruppo di comando del Pd, chiuso fra la tenaglia di queste due posizioni inconciliabili? Qui l’analisi si fa interessante. Perché il numero due del partito, Dario Franceschini, ieri rilasciava, sul caso Morando,dichiarazioni molto anodine, senza prendere una posizione netta: «La piattaforma della manifestazione del 25 ottobre – spiegava ieri – non cambia: ed è la piattaforma di un partito che fa protesta ed anche proposte ». Mentre l’opposizione al ragionamento di Morando (titolo o non titolo) arriva da un ulivista doc come l’ex capogruppo della Margherita, Franco Monaco: «Secondo Morando,coordinatore del governo ombra del Pd, quella del25nonèunamanifestazione antigovernativa. Di più: l’opposizione deve incoraggiare e sostenere il governo nel suo sforzo teso a fronteggiare l’emergenza. Francamente non capiamo». Ovviamente un uomo di maggioranza che osserva attentamente il centro sinistra come l’azzurro Daniele Capezzone (già protagonista dell’iniziativa dei volenterosi nella passata legislatura) dava sponda al leader diessino: «Sono importanti e sagge le dichiarazioni di Enrico Morando a Il Giornale sulla manifestazione del 25 ottobre. Veltroni farebbe bene a riflettere sulle osservazioni contenute in quella intervista». Chi vincerà nel Pd, passata la data fatidica del 25 ottobre?

Condividi:

 

4 commenti »

  1. Più che in attualità il Governo ombra o Stato ombra chiamata prima p2 p3 ora P4 chissà i..che fanno certi maestri venerabili di tal loggia.. massoni illuminati nel NWO..e sempre certi nomi presenti ed operanti su lista massoni sul sito: http://www.uominiliberi.eu
    Sergio Morando

  2. Quite a few thanks you pretty a great deal for this good and really instructional write-up. Almost everyone could get extremely great data from this informative article.fantastic perform maintain it up. I am likely to bookmark this internet site for arrived back in prospective.

  3. Governo ombra massoni riti satanismo propaganda p1 p2 p3 P4 ..A Saluzzo Cuneo Piemonte Italy nelle vicinanze sembra che ci sia una scuola di ” certa loggia..” con varie diramazioni praticamente in tutto e non mancano gli allieve ma neppure le alunne..Comunque sono apparsi degli articoli di giornale purtroppo usciti in edizione locale che descrivono bene quanto è stato scovato di riti simboli massonici ecc. nella piscina Comunale di Saluzzo si vedano gli ampi articoli a riguardo su il mensile : LA STRADA del 09-10-2007 e su il quotidiano LA STAMPA di Cuneo del 13-11-2007 bisognerebbe saperne poi però il seguito.. forse qui a Saluzzo e dintorni si potrebbe fare un documentario inchiesta con la famosa trasmissione televisiva di Mistero con Adam Kadmon.. o David Icke famosi per scovare certi enigmi certe cose occulte.. certe cose abilmente nascoste allo stile dei vari massoni il secondo stato ha di fatto fratelli..ma anche molte sorelle..di propaganda in grande attività e la crisi dell’Italia e del mondo intero non è da escludere per il loro fare..creare problemi e poi offrirsi di risolverli..così guadagnano più volte sopra ..potere e guadagno ben differenti comunque i massoni di oggi da quelli antichi storici..quelli di oggi sono assai in negativo .
    Morando

  4. MA VA’ A MORIRE AMMAZZATO CON TUTTA LA TUA FAMIGLIA!!!

Lascia un commento