Il Fatto Quotidiano

25 Marzo 2012
“Nelle fabbriche ora c’è un clima di paura”

di LUCA TELESE

Viviamo ancora in una Repubblica democratica. Mi auguro che chi ha il dovere di far rispettare la legge adesso si muova”. Nello stesso giorno in cui si discute la riforma del mercato del lavoro che dovrebbe depotenziare l’articolo 18, una singolare coincidenza ha fatto sì che il giudice rendesse note le motivazioni della sentenza con cui ha chiesto il reintegro dei tre operai Fiom di Melfi. Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli erano stati licenziati dalla Fiat quasi due anni fa con l’accusa di “sabotaggio”. Il giudice ha spiegato che il licenziamento disciplinare era stato usato dall’azienda per mascherare un licenziamento politico. La Fiat, ancora oggi, si rifiuta di eseguire la sentenza. Un atteggiamento che ha fatto dire ieri ad Antonio Di Pietro: “Bisognerebbe mandargli i carabinieri”. Giovanni Barozzino avrebbe preferito non parlare: “Siamo felici, ma l’emozione, per certi versi è troppo grande”. Barozzino, da dove cominciamo? Da come siamo stati dipinti dai media. Io all’azienda ho dato tutto: in dieci anni ho fatto solo dieci giorni di malattia per un intervento. Cosa è successo quando avete avuto la notizia? Ci siamo abbracciati e abbiamo pianto per due ore. Spiega che cosa avete passato. Non voglio parlare di me. Ma di Antonio, che è stato licenziato quindici giorni prima di sposarsi. Un bel regalo. Siamo stati riammessi la prima volta quando doveva partire per il viaggio di nozze. Era felice di rinunciare, prenotazioni in fumo, ma gridava: “Torno a lavoro”. Ma subito dopo anche il telegramma dell’azienda, che non ci voleva. Che cosa è stato per voi questo calvario? Quasi due anni di processo. Nove mesi li abbiamo passati solo con il sussidio di disoccupazione. Voi volete il reintegro. Certo. Noi abbiamo chiesto di tornare al nostro lavoro che non è la cura del prato, ma la catena di montaggio. Tu cosa fai? Monto quel mobiletto nero portaoggetti del cambio che sta fra i sedili della Punto. Noi della Fiom abbiamo l’abitudine di restare al lavoro anche quando diventiamo delegati. Cinque ore di lavoro e due di attività sindacale. E cosa pensi di quel giorno? La notte tra il 6 e il 7 luglio del 2010? Era uno sciopero unitario, di tutti i sindacati. Perché quella lotta? Era una protesta contro i carichi di lavoro. C’era un turno intero in cassa integrazione, ma l’azienda aveva aumentato il carico del 10 per cento a quelli che erano al lavoro. Siete stati reintegrati con l’articolo 28, sui comportamenti antisindacali. Sì. Ma con la nuova legge potevamo essere tranquillamente licenziati per motivi economici e in fabbrica non tornavamo più. Niente reintegro, solo indennizzo. Che clima c’è tra i lavoratori, sulla riforma? Nelle fabbriche c’è paura. In questi giorni gli operai ci chiamano e ci chiedono loro di fare le riunioni per capire. Le avete fatte? Certo. Lo stabilimento è chiuso, e allora sono venuti da noi. Noi della Fiom non abbiamo più permessi sindacali e agibilità in fabbrica. Ma anche di questo non si preoccupa nessuno. Fate riunioni carbonare fuori dall’azienda. Sì, ma non ci piangiamo addosso. Non voglio proprio immaginare come si può difendere un lavoratore che non ha protezioni, un sindacato, o che è in una piccola ditta. Chi glieli dà 10 mila euro di avvocato? Dicono che i sindacati fanno il bello e il cattivo tempo? Ma dove? Siamo uomini, come tutti. Se tu a uno che ama il lavoro gli togli la dignità e il diritto di alzarsi la mattina e andare a lavorare con i tuoi compagni è come se lo avvelenassi. Alcuni dicono: “Ma che vogliono? Li pagano senza lavorare”. Sono dei pazzi. Siamo stati male. È stato un massacro psicologico. La cosa più dura da sopportare? Vivere sapendo che i tuoi figli si preoccupano per te. Per un padre è una tortura, un senso di impotenza che ti distrugge. E la solidarietà degli altri operai? Non si può descrivere. Per otto giorni tutti gli operai scioperarono per noi, tutti. Sai che la gente per te sta rinunciando a una parte dello stipendio. Io tornavo a casa e piangevo: di gioia e di rabbia insieme. Ma quella immagine mi ha dato forza per due anni. Non ci avevano piegato. Quando leggi sui giornali quelli che vi definiscono fannulloni che cosa pensi? Non ho mai detto alle persone che volevamo il tifo. Vogliamo solo che si informino. E chiediamo rispetto: almeno questo, anche quelli che ci odiano di più devono saperlo, ce lo siamo guadagnato. 

twitter@lucatelese

Condividi:

 

2 commenti »

  1. è naturale, umano che ora si abbia ancora più paura nelle fabbriche e non solo. Con la nuova riforma e con l’abolizione dell’art. 18 In barba a ciò che dice Fornero, non ci sarà più nessuna tutela. Potranno licenziare con la motivazione economica, nascondendo dietro di essa, l’antipatia, l’appartenenza ad un sindacato ad un partito, insomma qualsiasi cosa possa non piacere alle imprese e alle fabbriche. Ora il partito democratico non può più mettersi al di fuori della cosa, deve darsi una mossa, anche potente. Chi di noi potrebbe pagarsi un’avvocato? penso che la maggior parte di noi non se la possa permettere questa spesa, e quindi la Fornero ha poco da parlare. Dovrebbe non solo teorizzare ma provare sulla sua pelle cosa voglia dire lavorare. Il fatto che suo padre sia stato un’operaio non le ha insegnato nulla. I sacrifici per farla studiale li hanno fatti i suoi genitori magari privandosi del necessario ma dando la possibilità alla figlia di emergere, ma erano tempi in cui la lira valeva qualcosa, ora con gli stipendi e le pensioni attuali, per andare avanti si deve vendere l’auto, oppure la casa.
    Grazie per avere permesso di esprimermi e di esprimere a quegli operari reintegrati, un augurio di tutto cuore. Che possano lavorare. In fondo ciò che si desidera tutti è vivere dignitosamente e onestamente avendo un lavoro che ci permetta di mantenere la famiglia.
    Anna

  2. E non solo nelle fabbriche, caro Luca. Venite un po’ a vedere cosa accade in Telecom Italia. Dico, un’azienda da 7 milioni di eruo di ricavi anno, con utile netto da 648 milioni.
    Si parla di 9.000 esuberi (ben oltre i 3.900 annunciati a luglio 2010 e per i quali abbiamo sottoscritto accordo di solidarietà. Hanno iniziato le “liste di proscrizione”… e le relative “deportazioni” (per ora). Ma il passo verso il licenziamento “economico” sarà breve. le RSU di CISL e UIL praticamente sparite !
    In un’azienda dove l’età media è 45 anni è facilissimo immaginare come andrà a finire.

Lascia un commento


resource