Blog

2 maggio 2011
Lazialità
vignetta_spk

“Le dichiarazioni che lei ha fatto sui laziali sono da ignorante che dimostra di non conoscere la città. basta poco per venire smascherati, anche un minimo dettaglio”.

Valbosky

“Complimenti per quello che ha detto sui tifosi laziali, dimostra di non conoscere profondamente questa città oppure parla sapendo di mentire. avrebbe fatto più bella figura a dire che era tifoso del Cagliari, invece vi vendete per un piatto de lenticchie.

Buone rosicate!

Valerio De Angelis

“CAFONE ci sarà lei! io sono laziale da sempre, nata a GARBATELLA, il rolex non ce l'ho e non mi interessa averlo, E FACCIO PARTE DEL POPOLO… certo,magari non del "magnifico popolo" gioallozozzo come il vostro, ma sempre popolo… PENSI a fare il giornalista invece di offendere la prima squadra della capitale e i suoi tifosi… distinti saluti”.

Chiara

“Giornalista : 'Beh, si puo' dire pero' che sei giallorossoBlu, dato che tifi anche la Roma. Telese : 'A Roma si deve scegliere, o Roma o Lazio..e spero tu non insinui che io abbia qualcosa di Laziale dentro di me. Giornalista :'No, non mi permetterei mai di offendere' Altro giornalista : 'Non possiamo neanche pensarlo' Telese : 'Si , perche' la Lazio e' la squadra dei cafoni, di quelli con il rolex falso sopra il polsino della camicia, invece la Roma e' la squadra del popolo…'. Proprio la figura del coglione romanista, che non conosce neanche la sua storia (poi la citazione dei rolex è un autogol clamoroso). Sai cos'è la Roma? Il panem et circenses creato da Mussolini, sciogliendo diverse società sportive per crearne una sola, forte, che competesse con quelle del nord. Etica sportiva, sudore di chi si guadagna con la fatica dei risultati, rispetto, umiltà….cose sconosciute! Continuiamo a farci del male, eccone un altro di quelli che stanno affossando la Sinistra e l'Italia. Complimenti Telese, avevo il sospetto che tu fossi un cretino, ma ti ritenevo un giornalista interessante. Macchè. La solita cricca alla Veltroni. Parlate di un mondo che non conoscete, rimediando figuracce (magari pure con l'intento di fare i simpatici), Ma non mi fai pena tu, la pena è la nostra che ci dobbiamo affidare a menti talmente illuminate, Se almeno fossi in grado di fare il tuo mestiere. Vabbè, sei un romanista, ma non nell'accezione di tifoso calcistico (perchè c'è gente rispettabile tra questi), bensì nell'accezione politica del termine”.

Carmelo

Insomma, oggi è successo questo: sta andando in onda una mia intervista a Sky inside, in cui, in un tono davvero scherzoso ho detto questa cattiveria sui laziali, tratteggiando un ritratto volutamente parossistico ed ironico. Perfido? Sicuramente. Lo ammetto, faccio mea culpa. Ho sparato una battutaccia, assecondata dai miei intervistatori (ma è ovvio che la responsabilità è tutta mia) e a quanto pare molte persone si sono offese, se è vero che per questa macchietta del “laziale-supercafone-con-il -rolex-(falso)-sopra-il-polsino”, (per ora) ho ricevuto 46 messaggi di ululante protesta. Però, ovviamente, c'è un però: la maggior parte delle persone che scrivono non hanno visto direttamente la mia intervista. E quindi non hanno capito che cazzeggiavo come si può fare al bar, con la stessa dose di malizia provocatoria che solitamente uso con il mio adorato collega Malcom Pagani, che è coltissimo, assolutamente sobrio, e ovviamente… laziale. Insomma, la rete ha prodotto l'ennesimo effetto rifrazione per cui il primo che ti ha visto si incazza (magari giustamente) e tutti gli altri – che non hanno visto l'ironia – si convincono che io sia andato a insultare un intero popolo. Allora vorrei dire questo: ho una grande passione per il calcio, ho un grande affetto per la Roma (nel 1982, quando avevo dodici anni la città si tinse magicamente di giallorosso in una notte, e così il mio cuore) e ho addirittura trovato ex post molte giustificazioni al mio tifo giallorossoblù, su cui svetta la parentalità della famiglia Conti: Daniele, il grandissimo capitano Daniele, è romanista transitato da Roma a Cagliari, e ama segnare alla Lazio. Si può sottrarre questo sano senso di competizione, e questa legittima ironia al tono bellicoso da scontro di curva. Che fra tifosi ci si sfotta, mi pare il minimo. Per questo, quando leggo chiara che mi da del “giallozzozzo”, e rivendica con orgoglio il suo tifo popolare, mi viene voglia di abbracciarla. E per un attimo mi illudo che tutti i laziali siano come lei. Ma ovviamente è una pia illusione. I romanisti sarebbero sicuramente stati al gioco, perché sono più spiritosi.

Luca Telese

 

340 commenti »

  1. La squadra di calcio non si tocca . In italia siamo divisi su tutto .

  2. il calcio è l’oppio degli italiani

  3. Gradirei gentilmente di ricevere il suo indirizzo per poterle inviare via posta il suo libro Cuori Neri, libro che mi è molto piaciuto per la verità. Ma una merda come lei non merita di trovarsi nella mia libreria. Ovviamente lei non si offenderà perchè l’ho definita una merda del resto è romanista e quindi essendo più spiritoso sarà stare al gioco

  4. ce dovresti ringrazia’ che t’avemo ospitato nella nostra citta’ visto che sei venuto con la valigia de cartone e il pecorino sotto braccio…continua a di’ le cazzate in televisione ma lascia perde i Laziali…

  5. Fà pena sia come uomo sia come giornalista,sempre se si può difinirla tale…una persona cosi’ giusto della roma poteva essere !

  6. vede caro telese, le mancano proprio le basi storico/sociali per quanto riguarda la composizione del tifo nella capitale.
    il laziale è storicamente elitario e vive nei quartieri “bene” di roma ed è particolarmente difficile vederlo con un rolex falso al braccio, perchè notoriamente se lo può permettere originale, per via della condizione economica.
    discorso diverso se si parla del romanista, che come ha suggerito lei nel suo post, è “popolare” e abitualmente è larga maggioranza nelle periferie romane, che come credo saprà, non godono sicuramente di agio e possibilità economiche elevate e una spesa di un rolex sicuramente inficierebbe non poco in un bilancio familiare già di per sè molto delicato.
    esistono le eccezioni, ovviamente, ma le consiglio vivamente di studiare roma e chi la abita.

  7. Ma torna da dove sei venuto e sciacquati la bocca prima di parlare dei Laziali. ( e cambia sta foto qua sopra che fa schifo)

  8. un sardo che disegna un Laziale con una pecora al guinzaglio è davvero comica…

    lei, sigorn telese, fa ridere sia come uomo che come giornalista…non si offenderà di tali parole, perchè come lei dice, da buon romanista è molto autoironico e spiritoso

    si sciacqui la bocca quando parla dei Laziali e della Lazio

  9. dove posso trovare il video su quello che ha detto sta merda?

  10. ma di cosa stiamo parlando….uno che rimane estasiato da una città intera e diventa tifoso quando si vince…
    cafone ci sarà lei…la ascolto anche per radio e non mi è mai piaciuto; con quell’aria da saccente. Peccato che una persona come Cruciani le permette di parlare. Cmq ho riuscito nell’intento di farsi pubblicità. Non le basterà per diventare un giornalista apprezzato. Rimarrà sempre nella mediocrità.

  11. a cojone..un’altra pisciata quando sarai freddo so do falla..il rolex farlocco ce l’hai te..me te compro e te metto nel giardino de casa..schifoso infame

  12. Sei un povero scemo !!!! non provare mai più a parlare dei laziali che non sei degno neanche di respirare!!!

  13. Quella di Telese è chiaramente una battuta, ma volevo comunque rispondere a chi ricordava come era nata la squadra giallorossa. La Roma è sicuramente venuta alla luce grazie all’intervento di Mussolini e nel periodo fascista sarà stata presumibilmente la squadra “ufficiale” del regime, questo nessuno lo mette in dubbio. Peccato che dopo il periodo fascista la composizione del tifo delle due squadre della capitale sia cambiata drasticamente, invertendo i ruoli. Quello che voglio dire è che oggi la Roma ha tifosi prevalentemente del ceto medio-basso, mentre la Lazio oltre a raccogliere il ceto più elevato della città riscuote un certo successo anche nelle altre province della regione ed in particolare nei paesotti di campagna dove non è raro incontrare personaggi come quelli descritti da Telese. Per concludere, la battuta di Telese ci sta ed un po’ di autoironia non guasterebbe dalla sponda biancoceleste.

  14. Emanuele facile, come si dice, fare il “frocio con il culo degli altri”, poi possiamo parlarci addosso e ipotizzare quello che ci pare ma se non si ha la controprova certa inutele ipotizzare(tale giornalista presume una maggiore spiritosaggine e autoironia dei giallorossi, mi chiedo solo se vive a Roma o in qualche bunker sotterraneo…)

    ti dimentichi comunque di aggiungere che la Roma, come lo stesso Telese testimonia, raccoglie molteplici consensi tra gli nuovi arrivi che non conoscendo la storia e i tifosi dei club cittadini e seguendo più o meno le quantità si buttano da una parte.
    Tornando a noi faccio mia la richiesta di Vincenzo, per quanto mi riguarda mi dispiace perchè tra l’altro è un regalo, ma nella libreria meglio avere spazio per ben altri libri, quindi cortesemente un recapito dove poter restituire “cuori neri”.

  15. complimenti. Oltre alla figura dell’ennesimo leccaculo cha ha bisogno di sparlare dei LAZIALi per ottenere consensi (atteggiamento tipico di chi ha ben poche risorse a tutti i livelli,sia dialettiche che cognitive),è riuscito a farsi una marea di amici DENTRO la città di Roma. In ogni caso,la mia domanda è la seguente : lei pensa che sia così dispregiativo per una persona possedere delle pecore? No,perchè se così fosse,sarebbe razzismo allo stato puro,e non si spiega come sia possibile avercela con chi possiede le pecore e non avercela con quella massa informe leggasi gregge che pascola per le vie di Roma dietro ad una squadra creata apposta per fornire un contentino ad un popolino sottoproletario che beve tutto,ma tutto, pur di dare un senso ,tramite piccole soddisfazioni quotidane, alla propria condizione subalterna,sia culturale che sociale,dove per sociale non si intende condizione economica ovviamente.
    Quando vedo gente così povera di argomenti,costretta a travestrisi da pagliaccio per tentare di affermarsi,mi dispiace davvero. Che pena ragazzi : fare il giullare per strappare un applauso o un sorriso sgangherato da qualcuno che non possiede pecore ma è pecora nella vita,è da poveracci seriamente.
    Ah,in bocca al lupo per le sue prossime dissertazioni in giro per la città,che sarà sicuramente IN BUONA PARTE benevola e tollerante nei suoi confronti. AUGURI!

  16. vogliono rubare il 4arto posto alla lazio….è uno scandalo che nel campionato piu chic del mondo ci sia la solita squada di roma che ruba..da roma deve scomparire lo spettro di bin
    ladren!!

  17. mavvaffanculo

  18. Ma magari te baciano freddo….

  19. Caro Telese è indicativo della sua personalita’ il fatto che prenda le parti della squadra che vince,insomma schierarsi nella massa per meglio nascondersi.Lei è della Roma e come tutti i romanisti manca di coraggio nelle scelte.Poi fa la battuta da squallida osteria cosi’ tutta la massa romanista numericamente per lei appettibile dira’ “gajardo sto telese”,insomma compitino facile facile.
    Lei dice:che tra tifosi ci si sfotta è il minimo.Pero’ lei è in tv quindi il cazzeggio da bar lo faccia al bar.
    Vergognoso e appecoronato

  20. Insulti, offese, persino minacce fisiche da denuncia penale. E per quale motivo??? Per “l’onore” di… una squadra di calcio. Ma non vi fate pena?Perché dall’esterno, cioè da uno che non gliene frega una ceppa del calcio, sembrate davvero persone con problemi mentali.

  21. laziale burino, forza perrottha!

  22. A frocio pezzo de merda te sei uno de quelli che i laziali vorrebbero incontrà pe strada
    cYa

  23. telese come sposini

  24. daniele conti se mai segna sempre alla roma,la seconda squadra della capitale, vatte a vede le statistiche

    fattelo un giro pe roma adesso….

  25. che tristezza… ho smesso di leggere i commenti perchè di fronte a tanta becera violenza mi vergogno di essere ROMANA!!! ma possibile che quando vi toccano il calcio diventate delle furie (o delle bestie?) mentre tacete di fronte a qualsiasi nefandezza politica o iniziativa scandalosa che affossa il nostro paese?????

  26. ogni volta che sento il suo nome lo accosto ad un’immagine che a distanza di tempo mi crea ancora un pò di disagio.

    ovvero quando, bacchettato da b.vespa riguardo le intercettazioni che avrebbero dovuto coinvolgerlo, si adoperò in una tristissima opera di mirror climbing per poi, appena spente le telecamere, a questo “appecoronarsi” (giusto per rimanere in tema…).
    provai compassione umana.

    …un giletti più paffutello.

  27. Caro Luca, la gente laziale che ti scrive qui proviene al 90% da un forum di laziesi dove invece di parlare della loro squadra si ha lo spettro della AS ROMA . A proposito di rolex falsi e di cafonaggine di faccio un copia ed incolla di quello che scrive un tipo in firma sui suoi post sul forum in questione, forum già da me segnalato come Avvocato per incitamento all’odio razziale :

    secondo me dovremmo introdurre un concetto nuovo, quello del razzismo verso di loro.
    ma inteso veramente, l’odio deve prevaricare i contorni del bon ton.
    dargli dei calabresi sudisti, fare analisi approfondite dei cognomi come fa mod, umiliazioni geografiche, sociali, economiche.
    devi mostrare la superiorità non con nonchalance, ma con fatti concreti che possano colpire il romanista nel profondo.
    li devi fà mette a piagne ricordandogli le origini, l’abruzzo, la puglia, la calabria, i buchi di merda, la luce attaccata in borgata e la pigione non pagata allo IACP, tutto ciò che differenzia noi e loro.
    serve odio razzista
    è il modello primario di integrazione sociale da parte del migrante medio, che parte dal buco di merda dove si trova verso roma pieno di sogni con la speranza di una vita migliore di quella che hanno vissuto i suoi antenati.
    e l’as roma, per le sue origini di “tifoso a cui è stata data una squadra e non viceversa”, nata nei quartieri dormitori della gente d’abruzzo e principalmente di una parte della stessa calabria, si rispecchia perfettamente in questa descrizione. viene tifata in cambio della promessa d’integrazione.si, forse siamo un po’ cattivi nei modi ma è la sana realtà. premetto che mi dispiace molto per chi è costretto, da situazioni precedentemente disagiate a partire per roma col fagotto con la banda in piazza e con gli striscioni “buona fortuna carmine” e con la lacrimuccia di un paese intero alla stazione. capisco anche che, probabilmente, sta gente de paese del sud è costretta a dormire in angusti 20mq col bagno in condivisione. è na presa a male e mi dispiace per loro. ciò di cui parliamo è il freddo e mortale abbraccio dell’as roma, una specie di carta verde americana, il meltin pot giallorosso, il crogiolo disforme di diverse etnie, non solo fuori dai confini regionali, ma anche fuori dall’unione europea e dalla NATO tutte unite, come fu fatto a corropoli nel 1927, in una specie di egualitarismo romano al ribasso, nel quale siamo tutti romoli e remi nonostante paesi e culture profondamente diverse .

    Cortesi saluti

  28. Chi vive a ROMA sa bene che i pochi laziali presenti in città vanno tutelati come si fa con le bestie rare o da circo.

    Per il resto a Roma il tifare va oltre..e sfocia spesso in filosofie d’accatto. Concordo con chi scrive che il calcio è l’oppio degli Italiani.

  29. Ha perso un’occasione per stare zitto ed una per chiedere scusa, con questa sua lettera in cui spiega che i romanisti sono più spiritosi…
    Ed ha perso anche un assiduo lettore della sua collana Radici del Presente, li ho tutti, aspettavo che uscisse la nuova pubblicazione per andarla a comprare… lo chieda pure alle ragazze della libreria di via Piave quanti ne ho comprati, regalati o fatti comprare dei suoi libri…. da oggi in poi… manco se t’ammazzi… coi soldi dei libri tuoi me ce compro uno sqatch VERO, perchè coi rolex, falsi o veri, ce sa fà più la Roma… è la storia che ce lo insegna.

    Buona giornata, e continui a ridere con quegli spiritosoni dei compagnetti suoi… e mi raccomando… il prossimo anno metta in cantiere un bel libro su Totti… vedrà quante copie venderà.

    Un suo EX ammiratore, Luca Di Michele.

  30. Signor Telese, spero che anche lei un giorno possa capire cosa vuol dire lavorare. Alessandro, romano, tifoso laziale

  31. Pronto… Pronto…è il blog di Luca Telese?
    @@@@one, @@@@@accia, @@@@@@@@@@@@@@@@@
    oh, mi scusi, ho sbagliato numero

  32. I ROLEX CHE LA FAMIGLIA SENSI REGALAVA AGLI ARBITRI ERANO VERI?

    ROMA MERDA

  33. ciao MERDA, senza offesa eh

  34. Luca Telese, “il comunista che scrive sul giornale”, ha fatto i soldi sfruttando la memoria di tanta povera gente deceduta negli anni di piombo. Di cosa vi meravigliate? Si muove come una banderuola nel vento dei poteri forti italiani, con genuflessioni tanto a destra quanto a sinistra. Non mi meraviglierebbe una sua ritrattazione in stile “sono stato frainteso”. Chi striscia non inciampa ama dire un comico genovese. Quale migliore definizione?????

  35. tu sei un povero deficiente!!!

  36. A Luca Telese come personaggio pubblico certe battute te le potevi risparmiare…queste cose le puoi dire al bar con gli amici non davanti alle telecamere senza qualcuno che ti possa replicare..sei un essere molto piccolo..ma piccolo veramente..

  37. ladri sei una merda

  38. povero deficiente da non incontrarti in giro

  39. A frocio pezzo de merda te sei uno de quelli che i laziali vorrebbero incontrà pe strada

  40. telese nascondete

  41. Caro Telese,
    sembri sceso da cielo… come non conoscere per nulla il mono del tifo e lo spirito dei tifosi. Se davvero un pressapochista… un pò goffo. Peccato perché ti stimo come gironalista. e in fatto di tifo, pensavo ne capissi qualcosa visto che nella tua collana hai pubblicato CUORI TIFOSI dell’ottimo giornalista Maurizio Martucci, che conosco personalmente e so essere grosso intenditore di calcio e di tifo. Consultati bene prima di aprire bocca e dargli fiato. I tifosi sono giocosi, ma offenderli li fa incavolare e non poco…

  42. telese sei un coglione sardegnolo infame

  43. Pulisciti la bocca quando parli della LAZIO!!!
    MERDAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

  44. leva er disegno con il Laziale con la pecora se no la paghi

  45. a pezzo de merda…
    occhio quando giri pè Roma…a stupido!

  46. Lei incarna lo stereotipo del romanista, un immigrato clandestino in questa città, proveniente da luoghi dimenticati da dio e dagli uomini, che dopo poco tempo trascorso nella MIA città si permette tali esternazioni, ergendosi a paladino di una storia e di una tradizione che non gli appartiene.
    Il popolo di Roma è sempre stato fiero e onesto, poi insieme all’immigrazione è arrivata anche la vostra squadra indegna di identificarsi con la storia di questa città.
    Vi odiamo in quanto razza culturalmente ed esteticamente inferiore, vi odiamo perchè costretti a convivere con il brutto.
    Un sentito As roma merda

  47. Te vojo bacià quando sarai freddo.

  48. Il solito burino arrivato a Roma che, forte dell’appartenenza al branco, si permette di offendere chi qui c’era da ben prima di lui.

    Ma d’altronde da uno che si è fatto un nome sfruttando le vicende di tanti camerati uccisi – e io il libro, Cuori Neri, l’ho letto – non ci si poteva aspettare di meglio…

    L’essere anche romanista di Telese è semplicemente una conferma.

  49. Peccato, sembrava una persona intelligente.

  50. E’ il modello primario di integrazione sociale da parte del migrante medio, che parte dal buco di merda dove si trova verso Roma pieno di sogni con la speranza di una vita migliore di quella che hanno vissuto i suoi antenati, e l’A.S. Roma, per le sue origini di “tifoso a cui è stata data una squadra e non viceversa”, nata nei quartieri dormitori della gente d’Abruzzo e principalmente di una parte della stessa Calabria, si rispecchia perfettamente in questa descrizione. Viene tifata in cambio della promessa d’integrazione. Si, forse siamo un po’ cattivi nei modi ma è la sana realtà. Premetto che mi dispiace molto per chi è costretto, da situazioni precedentemente disagiate a partire per Roma col fagotto con la banda in piazza e con gli striscioni “buona fortuna Carmine” e con la lacrimuccia di un paese intero alla stazione. Capisco anche che, probabilmente, sta gente de paese del sud è costretta a dormire in angusti 20mq col bagno in condivisione. è na presa a male e mi dispiace per loro. Ciò di cui parliamo è il freddo e mortale abbraccio dell’A.S. Roma, una specie di carta verde americana, il meltin pot giallorosso, il crogiolo disforme di diverse etnie, non solo fuori dai confini regionali, ma anche fuori dall’unione europea e dalla NATO tutte unite, come fu fatto a Corropoli nel 1927, in una specie di egualitarismo romano al ribasso, nel quale siamo tutti Romoli e Remi nonostante paesi e culture profondamente diverse tutti attacca.

  51. sei umo schifoso ladro

  52. Grande Luca ,come sempre!

    I laziali sono troppo compresi dalla loro frustrazione per apprezzare la vena ironica del tuo intervento
    Se non altro se ne vedono sempre di meno in giro per l’Urbe :non so se considerarla una disdetta o una benedizione:)

  53. MI dispiace per i commenti volgari che leggo qui sopra, però lei, come si dice a Roma, “intigne”.
    Non so se ne sia mai accorto, ma quello che è diventato (o è sempre stato?) il tifoso romanista assomiglia sempre di più a quello che è l’elettore medio del PDL: parla per slogan, irride l’avversario, è convinto (a ragione) che la farà franca nelle sue malefatte. Ha tanti vantaggi ma non solo non lo riconosce, si lamenta su tutti gli organi di stampa che ha a disposizione e si fa passare per vittima, portandosi dietro tutti quelli che non hanno voglia, o capacità, di ragionare con la propria testa.
    Gli viene preparato l’idolo da portare in trionfo e si scorda dei suoi veri problemi.
    Non capisco come possa uno essere romanista e antiberlusconiano… Sono due facce della stessa medaglia.
    Saluti

    PS: Conti ha fatto sicuramente più gol alla Roma che alla Lazio, nella sua carriera, però ormai, nel calcio come nella politica, una bugia ripetuta più volte diventa una verità.
    PPS: usare una vignetta con un laziale con una pecora al guinzaglio da parte di uno nato in Sardegna è come sentire Obama dare del negro a Bin Laden…

  54. Complimenti, ha appena guadagnato una disdetta all’abbonamento a “Il Fatto”.
    Lei è un maleducato, pressapochista, poco informato, e ovviamente, poco incline all’altrui rispetto.

    Con nessuna stima,

    – Paolo

  55. Quindi merda sei spiritoso, e non ti offenderai che ti do della merda.
    Vero?

  56. se ti incontro per strada e ti riconosco ti faccio male.lo giuro sulla tua famiglia che spero possa vivere di difficoltà.devi morire

  57. merda de giornalista merda uomo… a infame e ricorda noi semo nati nel 1900 a piazza della libertà voi non sapete manco da ndo cazzo siete usciti…spero de beccarte per roma….

  58. naturalmente merda è detto con ironia con il sorriso in viso come solo una merda romanista può capire

  59. A GRAN PEZZO DE MERDA ROMANISTA MO SO CAZZI TUA

  60. Siamo Nati a 100m da piazza del Popolo, il centro storico ( che non è testaccio) è prettamente bianco Celeste. Siamo nati 27 anni prima, siamo un puro Ente Morale eretto per Regio Decreto. Lei con le sue affermazioni denota una discreta ignoranza e una grande mancanza di rispetto solo per apparire e farsi notare nel colorato e coatto mondo mediatico dei cugini, mondo molto più semplice da affrontare.
    Mio Nonno ha impedito al Fusione nel ’27 per sentire poi persone come lei?
    Non credo e vada a studiare la storia che oggi di Rolex in giro ce ne sono molti dal 2001 c.a.

  61. Già dopo aver letto Cuori Neri ti stimavo molto, ora ti ammiro!

    Da grandissimo cronista hai fotografato perfettamente il tipico laziale, che in effetti non ha nessun complesso di inferiorità…E’ INFERIORE.

    Grande Luca!

  62. Ma davvero hai il tesserino da giornalista? …… comunque andate sempre oltre siete un popolo nato per ripicca ….. purtroppo essere spiritosi con voi giallozozzi non è possibile …. siete i tifosi più odiati al mondo ….

  63. adesso stai attento quando vai in giro per roma…quella faccia da stronzo che t’aritrovi se riconosce facile…anfame

  64. LE PECORE CE L’HAI TE IN SARDEGNA A GRANDE COJONE

  65. io non sono cafone e burino.

    ed in ogni caso meglio essere burino che PROVARE A TRADIRE LA PROPRIA MOGLIE!

    O VUOLE CHE LE RICORDO QUANDO DA SPOSATO CON PROLE BATTEZVA I PEZZI AD UNA MIA COLLEGA?

    VUOLE IL NOME?
    CHE DEVO FARE, INIZIO A SCRIVERE A DAGOSPIA OQ UI SUL SITO?
    MI DICA LEI

  66. ma che ha detto di sbagliato , Lazio Merda è assolutamente corretto

  67. certo che leggendo il tutto,la conferma che il calcio si possa associare con la parola “minorati mentali” è lampante.

  68. Luca sto e starò sempre con te… figurate che c’ho la madre e tutto il parentame laziale!
    E’ anche più bello leggere i commenti… poveretti, me fanno una pena.
    Vabbeh, peggio pè loro.
    Daje Luca!!

  69. sta zitto ciccione se te becco in giro ti buco quanto è vero iddio

  70. abbia pazienza Telese, é piú facile che lotito dica una frase comprensibile in lingua italiana piuttosto che un laziale abbia un po’ di autoironia…

    non ci faccia caso, d’altronde a Roma di questi giorni, abbiamo altro di cui preoccuparci, vista la piena del Tevere, riempito dalle lacrime di questi poveracci… che con 7 punti di vantaggio a 5 giornate dalla fine, si stanno giocando una qualificazione champions defecandosi nei pantaloni.

    in bocca a lupo (e crepi l’aquila) e non si preoccupi, tanto sono innocui , o meglio impotenti direi…

  71. Dai Maurizio fai il nome della tua collega,
    a cui il Telese “batteva i pezzi” nonostante fosse sposato e con prole.
    Così se famo 2 risate.
    Ma essendo sardo capirà che significa a Roma “battere i pezzi”?
    Spero d’incontrarti per strada.

  72. caro telese
    lei afferma che i romanisti sono più spritosi,
    Può darsi, ma quando si è tifosi di una squadra di regime come sono loro, si vedono le cose in modo diverso.A noi non ci difende nessuno, siamo orgogliosa e solitaria minoranza.
    Tuttavia chieda, se ne avrà possibilità a Cruciani della zanzara quante cose spiritose gli hanno scritto su facebook quei spiritosoni romanisti dopo brescia-roma, glielo chieda, probabile che si sentirà rispondere che la cosa più gentile sia stata “se ti incontro ti sparo in testa”.Cerchi di fare il suo lavoro un pò meglio (e di scrivere soprattutto un pò meglio) non si occupi di cose che non conosce.saluti

  73. ti sei fatto una bella pubblicita’ ed anche tanti amici, che fenomeno

  74. Lei da parte mia è scusato,e le spiego il motivo.
    Fin da piccolo mi hanno insegnato il rispetto per qualsiasi forma di cultura (anche se io di cultura ne ho molto poca).
    Da questo insegnamento non posso che considerare ignorante una persona che getta i libri per terra.E’ un gesto pessimo , a maggior ragione se trasmesso in TV.
    A prescindere dal contenuto e dall’autore ogni singolo libro deve essere rispettato e ognuno di noi deve insegnare questa forma di rispetto alle generazioni future.

    Per questo motivo la scuso , perchè lei non ha esitato a dimostrare anche in questa occasione, offendendo noi laziali, di essere una persona IGNORANTE.

  75. ernesto 66 sei tifoso di una societa fallita ladra e di mersa as roma merda

  76. è simpaticissimo leggere questi commenti dei laziali…. loro sono quelli che non piangono… che possono permettersi un lazio inter… e poi però dicono che loro sono l’esempio della sportività… ma con calciopoli sono o non sono stati condannati anche loro? sicuramente sarà stato un complotto….

    si può usare solo ironia per queste patetiche persone che tifano tutte le squadre tranne che la loro… che guardano solo le nostre partite e non le loro… naturlamente ora si indignano senza neanche vedere l’intervista…

    sono con lei telese… purtroppo però, in quanto cafoni, non riescono ad essere educati nemmeno sulla bacheca del suo sito… lei intanto, i loro commenti li tiene, io ho provato a metterne uno tranquillo ed educato su un loro sito e l’hanno cancellato… ma loro sono quelli sportivi! :)

  77. a ernesto 66 poveraccio sarai te e fatte becca in giro pezzo di merda tu telese e unicredit

  78. romanista pezzo di merda

  79. La cosa più triste è vedere gente che si lamenta per l’uso di uno stereotipo, salvo poi confermarlo in pieno con una sequela di insulti e frasi che oggettivamente fanno solo riflettere sul livello di inciviltà di chi le pronuncia.

    D’altronde Roma è così, quando si parla di calcio la ragione e l’educazione si eclissano, e lo dico da romano.

  80. hai fornito un ottimo assisst Valerio, Lazio Inter, e mi rifaccio alla spiritosaggine dei tifosi…la risposta ad uno “spiritoso” OH NOOO laziale furono centanaia di adesivi (spiritosi????) contro il povero Paparelli sparsi per Roma e provincia….

  81. Solidarietà Luca,
    tanto si sa che i laziali sanno solo rosicà.
    Ormai so anni che guardano prima che ha fatto la Roma prima de guardà la loro squadra.
    So’ complessati e in ogni dove c’è un “gomblotto”…ahahahahah

    Complimenti ancora !!

  82. si ma qui non si stanno giudicando gli imbecilli.. se la risposta ad uno spiritoso oh nooo (spiritoso il concetto, un pò meno la partita, voi che parlate di sportività) è qualcosa di offensivo, per me è offensivo è basta non faccio distinzioni tra lazio e roma.

    per me se uno è coglione può anche essere il primo ultras della mia squadra, sempre coglione rimane.

    per me quindi non è accettabile che ad uno sfottò la risposta sia un “se ti incontro per strada ti ammazzo” e epiteti vari addirittura sulla famiglia…. gran bella figura… complimenti.

  83. Grande Luca, giornalista vero. L’unco in grado di cogliere al meglio questo momento di parossismo pecoraro (dei pecocari…).
    Non sapevo fossi della “stramaggica”. Se fossi stato uno di quelli che ha portato il …cacio a Roma, ti avrei comunque apprezzato come cronista politico, ora sei il mio giornalista mito insieme a Travaglio (vabbé, é della juve…) e la Gabanelli (mi sa che di pallonari non si interessa…).
    Arigrande!

  84. Mi fanno davvero tenerezza i lazialotti che minacciano Telese di morte e di non poter più camminare liberamente per Roma, dimenticando che per poterlo incontrare, loro prima ci devono arrivare a Roma. In trattore.
    Mi fa sempre sorridere questo insistere dei lazialotti sulla fondazione della loro società podistica nel 1900, cercando goffamente di camuffare la loro triste esistenza, da sempre in contrapposizione di qualcosa di più grande e di maggior successo. Nel 1900 era la Ginnastica Roma, dal 1927 la AS Roma.
    Ma d’altronde tutti sanno che il laziale è un romanista con traumi infantili. Il laziale vorrebbe essere romanista, pensa sempre e solo alla Roma, ma qualche abuso subito da piccolo glielo impedisce.
    Però è indubbio che un primato ce l’hanno: sono coinvolti in tutti gli scandali del calcio italiano. Dal calcioscommesse, al doping, a calciopoli, ai bilanci truccati fino all’ultimo, quel Lazio – Inter dello scorso anno che li ha finalmente fatti conoscere al mondo intero.
    Mi spiace solo che la Ciociaria, così ricca di eccellenti prodotti caseari, debba essere appestata da certa gente.
    Chiudo con una citazione del grande Alberto Sordi:”Chi è nato a Roma è romanista.
    I laziali so quelli de fori le mura, che ce porteno l’ove fresche e le ricotte, e quanno arriveno in città, alzano la testa e dicono: “Guarda ‘nmbò che cielo limbido!”

  85. palmiro sei un coglione comunista e pezzo di merda

  86. ricordO a telese che i rolex noi li abbiamo falsi perchè quelli veri ce li hanno gli arbitri che ne venivano gentilmente omaggiati dal presidente della sua squadre del cuore, mi riferisco a sensi e non a cellino, visto che lui di squadre del cuore ne ha due……che tristezza. Per il resto dei commenti sui tifosi della lazio non ci trovo nulla di originale, è l’ennesimo personaggio pubblico che cerca di elemosinare un briciolo di popolarità in modo semplice schierandosi con i potenti e insultando i rivali di questi ultimi, stiamo in italia………che tristezza.
    Io sono diverso da lei e ne vado fiero e per questo non semtterò mai di ringrazziare il GENERALE VACCARO……….CHE GIOA!

  87. complimenti anche a maurizio… spero che un giorno queste minacce le facciano anche a te…. che piccolo uomo… orgogliosissimo di non essere come voi….

  88. stramaggica di rigori ladri

  89. The king of Lazio was never born

  90. voi calabresi napoletani telese ne è testimone. Ancora rosicate noi nati nel 1900 voi fusi nel 1927

  91. Grande Luca,
    In ita(g)lia quai a dire il vero… ti stimo

  92. a leo sai più cose te della Roma che io della lazie.. pensa quanto stai male.. rilassate.. è no sport…. ormai ce sognate pure de notte.. complessati… pensa alla squadretta tua… la terza squadra di milano…

  93. a valerio: ma chi cavolo ti conosce?
    non è una minaccia è la pura verità, se ha problemi coniugali sono cavoli suoi ed ognuno è quello che è e come si comporta.quindi pensa per te

  94. sei un degnissimo rappresentante dello spazio televisivo italiano attuale.

  95. Complimenti ai rosiconi laziali per aver trasformato un innocua polemica di costume in una squallida rissa da bar
    D’altronde l’insulto triviale e sguaiato è da sempre un vostro marchio di fabbrica

  96. da un commento di calcio passi ai commenti familiari.. pensa che schifo che sei… lui l’intervista l’ha rilasciata su sky e infatti qui lo offendete…lui le palle ce l’ha avute… vaglielo a dire in faccia o non te regge?

    tanto sportivi.. tanto diversi.. e poi riuscite a rispondere solo con insulti gravi o infamie? che tristezza di persone…

  97. Ecco, Telese, tenuto conto di tutto – delle reazioni sopra le righe da un alto, e del vociare scomposto, dall’altro, di chi ha trovato nella sua improvvida uscita una “pezza d’appoggio” per la propria guerra per bande – tenuto conto di tutto questo, sarebbe bene che lei chiedesse scusa e dicesse chiaro e tondo che ha sbagliato e che non lo rifarebbe.

    Lo deve a me ed a tutti gli altri suoi lettori, che non tifano, ma che sinora hanno creduto nella sua intelligenza. Ed in quella degli altri suoi lettori.

    Che brutta uscita.
    Forza, Telese, chieda scusa e chiuda questo increscioso episodio.
    E non ci ricaschi. Mai più

  98. A CATULLO SEGNALA STO CAZZO!

  99. Romanista razza mista…
    Telese nè è la conferma.
    Madre nata in Sardegna ma vissuta a Brescia padre di Torre Annunziata…e qui il cerchio si chiude!

  100. http://www.ultraslazio.it/verita.htm
    a telese, leggite un pò de storia, brutto immigrato che se professa romano…..poi non fare ironia usando le pecore, perchè nella terra da cui provieni sono compagne di tante serate e amanti fedeli per tanti pecorari come te……che a giudicare dall’aspetto fisico giusto co le pecore puoi andà…..

  101. voglio scopare coi laziali!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  102. AHO CE FOSSE UN ROMANISTA CHE SIA NATO A ROMA O ABBIA ALMENO UN GENITORE ROMANO..
    SARDI,NAPOLETANI ,CALABRESI,ED ORA PURE I MAGREBINI E I RUMENI.

    C’AVETE LA SOPPRESSSATA APPESA AL SOFFITTO.L’ESTATE TORNATE TUTTI AL PAESELLO DEL SUD E POI OVVIAMNTE DATE DEL BURINO AI TIFOSI DELLLA SSL 1900 PER ESORCIZARE I VOSTRI COMPLESSI E LA VOSTRA PROVENIENZA.
    NONOSTANTE NOI VI ABBIAMO ACCOLTO E VI OSPITIAMO NELLE PERIFERIE DELLA NNOSTRA CITTà.
    è PROPRIO VERO CHE NN BISOGNA ESSE TROPPO GENTILI CON LE PERSONE NN EVOLUTE

  103. Odio chi ha inventato le mungitrici automatiche

  104. P.S. MA LA MAMMA DI TELESE PREFERISCE PECORE O PORCEDDU ?

  105. sei un povero cretino.
    sfigato coi calli a una mano sola.
    ti mando affanculo e stop.
    perchè noi sei degno di altro.

    se cammino per strada e pisto una merda, lì per lì smadonno,
    ma poi mica me ce metto a discute.

  106. facce na pompa!!!!

  107. Luca Telese non chi sei e non ho sentito la frase in oggetto ma sicuramente sei riomico discendente dei Riomici che con Romani non ha nulla a che vedere…Studia la storia….Sei calabrese?sardo?marchigiano?o napoletano? Purtoppo sei degno rappresentate della riomanicità esilerante, pagliaccesca ed extraterritoriale.

  108. “quann’ero piccola io ero della LAZIO perché a Roma ce stava solo quella” cit. Sora Lella
    noi primi a Roma, fondati da Romani, nel cuore di Roma … poi c’è anche chi non sa nemmeno quando è nato, chi non E’ ma PROVIENE DA
    Adesso pure la presidenza americana, ce chiamano burini m aloro se chiameranno u.s. rome PRIDE OF BOSTON

  109. Romanista razza mista, Venditti molisano, Ferilli di Fiano Romano, Sensi Marchigiano, Conti di Nettuno, De Rossi di Ostia, Giannini di Frattocchie, il padre di Alberto Sordi di Valmontone, ninetto davoli calabrese…in poche parole, come Telese!

    Dal 1927 ospiti di Roma, chi è Romano tifa Lazio…perché? Semplice, dal 1900 la prima squadra della capitale e quanto vale!

    Ciao merde.

  110. Telese non riesce a vivere senza usare le categorie, in politica come nel resto. Abbiamo perdonato Osama Bin, perdoneremo anche lui……

  111. Per Giovanni, tu citi Alberto Sordi, il quale disse una frase cretina come questa:

    ”Chi è nato a Roma è romanista”

    Peccato che Sordi era figlio di un pastore di Valmontone.

    Io ti cito Sora Lella ” Sono della Lazio perché quando ero bambina c’era solo la LAZIO”

    Ti potrei citare anche Mario Brega, altro lazialissimo…

    Ma il romanista chi è? Essenzialmente un figlio di immigrati calabresi, abruzzesi(come il fondatore), campani, pugliesi e negli ultimi anni immigrati africani, asiatici ect.

    Il Laziale? Il romano vero, dal 1900.

  112. Andate a Roma e solo perchè siete attorniati da giallozozzi diventate automaticamente della riomma, siete così coraggiosi e caratterialmente forti che il solo pensare di tifare Lazio vi mette paura perchè sapete che dovete lottare tutti i giorni con gli sfottò dei vostri compagni di scuola o dei vostri colleghi a maggioranza giallozozza e allora per sentirvi parte della massa anche voi automaticamente mettete in mostra la vostra piccolezza diventando tutti romanisti, tutti coraggiosi eh !!!

    …e vi permette pure di parlare, almeno faceste finta di niente…

  113. leggere tutti questi commenti è fantastico.. rispecchia in pieno quello che è il tifoso della lazie…
    c’è la conferma di tutto quello che ha detto telese…. burini e cafoni

  114. sapete che differenza c’è tra un laziale e una mignotta?

    almeno la mignotta se fa pagà….

  115. Signor Telese, ha pubblicato il mio messaggio ma non ha accennato una risposta ad i punti sollevati. Peggio, ha provato la solita tristissima arrampicata sugli specchi per poi lasciarsi sfuggire la stilettata finale. Facendo figura ancora peggiore. Poteva provare a riempirsi il petto d’orgoglio e dar seguito alle baggianate dette in TV. Oppure poteva chiedere scusa. Niente.
    A me di lei come tifoso non frega nulla. Non mi frega nulla di lei neanche come uomo.
    Ma speravo in un professionista, speravo in un giornalista serio.
    Si può essere il peggior fascista ma avere un po’ di onestà intellettuale e fare per bene il proprio lavoro. Invece lei è un Caressa da quattro soldi ed, insisto, rappresenta perfettamente la pochezza della Sinistra attuale.
    Un cretino, tronfio per la pochezza dei propri mezzi. Basta!

  116. ma ti può rispondere uno a cui dai del cretino, del coglione e poi gli dici che ti fa pena?

    se lo facessero a te tu risponderesti?

    che finto….

  117. Hai ragione, alla fine il mio è solo uno sfogo che non serve a niente.
    Ma è tanta la tristezza nell’osservare la pochezza di chi dovrebbe “illuminarci”.

  118. “I romanisti sarebbero sicuramente stati al gioco, perché sono più spiritosi.”
    I romanisti sarebbero sicuramente stai al gioco perché non ci sarebbero arrivati, come Lei, nulla di nuovo sotto questo cielo (se nun c’arivi…tirace li guanti…), ampiamente dimostra.

    S.S. LAZIO 1900 – Piazza della Libertà – ROMA

    Luca Telese: “Sono nato a Cagliari, nel 1970… cuore giallo-rossoblu. Mia madre è sarda anche se è nata a Brescia, mio padre è di Torre Annunziata…….”

    “You are the one for me, for me, for me, formidable
    You are my love very, very, very, veritable…”

  119. anche perchè, io tifo Roma, ma onestamente di queste liti da stadio, me ne frega veramente poco…. mi infastidisce chi usa internet per fare accuse che poi di persona non avrebbe mai il coraggio di fare…ma al tempo stesso mi ha parecchio infastidito lo stesso Telese…

    cosa pensava? che non succedeva nulla? dove vive? qui purtroppo il calcio è vissuto male.. molto male, secondo me….. nonostante questo non è giustificabile…in quanto persona che rilascia un’ intervista è da FESSI non aver pensato alle reazioni….

  120. Art. 612 C.P. MINACCIA: Chiunque minaccia ad altro un ingiusto danno è punito, a querela della persona offesa, con la multa
    Se la minaccia è grave o è fatta in uno dei modi indicati nell’art. 339, la pena è della reclusione fino ad un anno e si procede d’ufficio

  121. qui vengono pubblicati tutti i msg.. a finto… smettila de scrive stronzate… non vivete in una realtà parallela.. siete merde e basta…

  122. per “x cbea di pecoranet”.

    schifo fari te che manco mi conosci.
    per quanto riguarda quel sito, rispetto ai siti vostri almeno è scritto in italiano e mi meraviglio infatti come hai potuto anche leggerlo e capirlo.
    mah

  123. Magari non c’entra, ma il sospetto è che lei Telese, quella battuta triste l’abbia tirata fuori per i suoi recenti personali rancori col suo collega de “Il Fatto Quotidiano” Stefano Disegni, noto laziale, che le ha da poco soffiato il posto…
    Ripeto magari non è così e lei si è solo lanciato improvvidamente in un luogo comune sciocco e trito.
    Guardi, c’è stata negli anni è c’è tutt’ora a Roma una sfilza di arrampicatori di audience che tende a farsi bella in tv o sui giornali spalando regolarmente merda sulla Lazio e sui laziali ed esaltando l’altra sponda e le gesta dei nuovi eroi popolari portatori sani di telefonini, libri di barzellette e beneficenza sbandierata (salvo sputare in faccia agli avversari, riempirli di calci, e mandare affa impunemente gli arbitri).
    Non si unisca pure lei ai vari Liguori, Caracciolo, Costanzo, Amendola e compagnia cesaronica con microfono a striscette giallorosse. Lei guardi anche i film e cerchi tifosi della Lazio nei personaggi positivi, troverà pochissimi casi. Il contrario invece lo troverà spesso e volentieri. Recente anche il caso di Mangia prega ama, dove l’amico di Julia Roberts, tifoso laziale nel libro, diventa per miracolo giallorosso nel film.
    Da una persona che scrive sul Fatto, mi aspetto qualcosina in più delle equazioni laziali = roma bene, elitaria e fascista quindi meschina e cafona e romanisti= roma popolare, schietta quindi genuina ed amabile.
    Di più, ripetere a pappagallo questa separazione la rafforza nell’immaginario dei ragazzi che arrivano a roma e fanno una scelta. Da abitante della periferia ho conosciuto personalmente molti immigrati e studenti fuori sede siciliani e calabresi che simpatizzano per la roma e non per la lazio proprio in forza di questi luoghi comuni.
    Falsissimi tra l’altro. Sappia che la sua seconda squadra del cuore è nata a tavolino nel ventennio e nei palazzi del ventennio. Pane e circo per il popolo. La prima squadra di Roma invece nasce spontanamente da un gruppo di ragazzi del popolo, su una panchina sulle rive del tevere.
    A me non interessa perché se ne è uscito così, avrà voluto fare una battuta e basta. Sappia però che i laziali non possono essere spiritosi con questa ciurma belante laziale burino e laziale col trattore, semplicemente perché prima che a lei hanno risposto garbatamente a tutti gli altri, e ora ne hanno le palle abbastanza piene, per dirla in 2 parole.
    MI stia bene e Forza Lazio.
    Adriano.

  124. Signor Telese,pensi alla sua splendida terra e all’ottimo pecorino che producete!Lasci stare,l’ironia è roba per pochi,pochissimi eletti!Ha capito o devo spiegarglielo in sardo?Mmm in lumbàrd?Ah no,che sciocco!Provo con l’idioma partenopeo?Insomma mi dica!Premesso che non ho nulla contro nessuna delle terre citate,ma quando leggo certe baggianate per avere due click in più non resisto!Telese,suvvia,vada a lavorare!

  125. teleseeeee teleseeeeee…..vieni a pescare con noi……..

  126. ah dimenticavo, visto che parli de pecore, tua madre mi pare venga dalla terra della pecorina no?! ops scusa, del pecorino……

  127. sig telese sappia che io sono un atleta della polisportiva piu’ grande e titolata del mondo
    sappia che i miei avi sportivi praticavano il nuoto nel tevere la pallanuoto nel laghetto di villa borghese il calcio al parco dei daini

    purtroppo cari inurbati fatevene una ragione asroma non esiste e’ solo un assenza di SS LAZIO e prima o poi arrivera’ la vostra apocalisse

  128. a telese, goditi ‘sti 10 minuti di notorietà e poi torna nel nulla da dove sei venuto.

  129. telese chi…?

  130. tanto…romani dha roma, romani daha lazio,…….sempre burini “siete”………………..

  131. Premesso che Telese ha fatto una “battutaccia” di cattivo gusto e di certo non condivisibile, sulla Lazio..8caro luca col calcio in questo paese non si scherza)…..ma il “becerume” che si raggiunge in alcuni post (che c’entrano gli insulti alla Sardegna, e ai genitori….) appena letti è veramente repellente e purtroppo è tipico di molta gente che vive in questa città.
    Facciamola finita con questa pretesa di superiorità romana (romanista o laziale qui c’entra poco) rispetto al resto d’Italia…….(vieni dal Paese, la valigia di cartone e i soliti luoghi comuni) da parte di chi non conosce affatto il resto d’Italia e magari è uscito dal Raccordo Anulare solo per farsi la vacanza a Sharm…..

  132. che pena fare il giornalista

    ma magari mori

  133. Mi chiamo Paolo .. sono della Lazio … e al polso destro ho un Rolex … grazie a lei ho scoperto che ne esistono anche di falsi … c’è sempre da imparare da tutti … anche da chi accogliamo nella nostra città …

  134. A MERDEEEEEEEEEEEEE …. SIETE E RIMARRETE SEMPRE BURINI

    CAPACI SOLO DI TIFARE CONTRO LA PROPRIA SQUADRA

    11 ANNI DI SERIE B

    2 SCANDALI DEL CALCIO ED IN TUTTI E 2 I CASI SEMPRE PUNITI

    E ANCORA TIFATE QUELLA SQUADRA DI MERDA

    ME FATE PENA MERDEEEEEE

    AHAHAHAHAHAHAHAH

    PS: SIETE SOLO CAPACI DE SCRIVE DIETRO NA TASTIERA

    MA POI SCAPPATE COME CONIGLI … COME SEMPRE

    AHAHAHAHAHAHAHAH

  135. Concordo con quanto scritto da Marco: le baggianate di Telese non possono far da sponda a razzismi e discriminazioni.
    Poi però uno guarda la vignetta che c’è su questa pagina e si chiede chi è che fomenta.

  136. Telese sciacquati la bocca prima di parlare dei Laziali!

  137. AN VEDI QUESTI ? MA CHI L’HA SCIORTI AHOO………………ma a volete fini’ de fa fa’

    queste figure de merda a’ capitale,…….. a capitale der monno ntero !

  138. Che delusione. Pensavo fosse un giornalista professionista e informato sulla realtà del tifo romano. Invece manca di professionalità e soprattutto dimostra di non sapere nulla riguardo al comportamento dei tifosi laziali. Complimenti vivissimi.

  139. Stiamo provvedendo tramite polizia postale a identificare gli IP di chi ha proferito minacce di morte . Ricordando agli astanti che, secondo gli estremi del Cp, tali reati sono perseguiti fino a tre anni di reclusione.

  140. telese vi minaccia tutti ma dovrebbero togliergli il patentino di giornalista per almeno 3 mesi . Almeno fine alla fine del campionato.

  141. a telese, te saluta Stefano Disegni, Laziale.
    quello che t’ha levato er posto.
    mica te brucia ancora un pò er sederino? o sei abituato ad “agevolazioni” più corpose, magari di brasiliana origine?

  142. Telese che delusione. ti ritenevo una persona “corretta” e invece fai parte pure te di quella schiera di pseudo giornalai che salgono sul carro dei “vincitori” per un pugno di lettori in più! Mi viene un dubbio? Sei così opportunista anche in politica? Dopo questo la mia risposta è SI.

  143. Caro Telese,
    anche lei come tanti altri coatti e ricottari della seconda squadra della capitale, tifa roma per integrarsi, e questo non fa altro che nuocere alla sua onesta’ intellettuale…distinti saluti da chi credeva che lei fosse di un altro stampo etico e morale. Giovanni

  144. Tifano roma pe sentisse romani…ma restano calabresi, pugliesi, sardi e napoletani!

    LE RADICI PROFONDE NON GELANO MAI!

  145. Sei un finto e tu lo sai…

    Le questioni personali mettile da parte. Sfigato

  146. AVVOCATO MARIANI UNIAMO LE FORZE!!!
    A BORSA CHIUSA LE INVIO UN FAX

  147. A Leo, che dio t’aiuti! Ma che dico… Troppo arduo anche per lui…

  148. Reja: «Lazio penalizzata». E’ vero, il padreterno é il primo colpevole…

  149. Qualcuno le ha consigliato di sciacquarsi la bocca prima di parlare di lazio, io le consiglio garbatamente di sciacquarsela dopo. Il pecorino é difficile da mandare via …

  150. Telese maiale !

  151. TELESE SEI UN CORNUTO BASTARDO
    SEI DELLA STESSA RAZZA DI MERDA DI CELLINO

  152. ci mancavano solo i troll da curva su questo blog. Ah Telese ma te le cerchi proprio, ci godi a far incazzare la gente e incartarla in polemiche la cui importanza si spreca nel tempo che si impiega a fare uno sbadiglio. Che palle, riesco ad evitare sia fisicamente che televisivamente il calcio con grande sforzo, solo ai mondiali mi ritrovo a seguire qualche partita distrattamente. Ma vedermelo piombare prepotentemente sul blog di Telese con tanto di cafonerie ed esagerazioni degne della peggiore osteria è davvero il massimo, non si può davvero sfuggire a questo sport del cazzo. E’ una condanna. Voglio andare a vivere in campagnaaaaaa

  153. abbasso il calcio.

  154. CAZZEGGIA CON TUA MADRE, I LAZIALI LASCIALI STARE
    BASTARDO

  155. e basta !!!!!

    sono d’accordo con breny: abbasso il calcio vissuto cosi’…….

  156. Fai vomitare come giornalista e come persona.. Mia nonna con mio nonno sono nati in trastevere e ci sono cresciuti! il padre di mia nonna aveva due pacore proprio a trastevere, ed erano il suo guadagno… gl’ altri due nonni erano di Pietralata e vivevano nelle baracche di vigna mangani ! La mia famiglia è Romana ‘de sangue vero e puro. E quando parli della Lazio e dei Laziali te de sciaqqua’ la bocca drent’ar bidè !! Ma forse ‘da ‘na parte è un bene per noi.. Noi cmq sia, siamo sempre gli stessi giorno dopo giorno.. Voi avete questa ondata di immigrati scafisti da tutte le regioni e nazioni a tifare al fianco vostro! noi no..Noi.ELITE! ciao bastardo telese, tifa sempre la roma me raccomando..anche se un giorno lontano magari vedra la retrocessione o addirittura il fallimento? servirari sempre l’as roma???

  157. Qualcuno si è lamentato per quella vignetta con la pecora. In effetti più che ovine queste reazioni sono ferine. Però sarebbe divertente fare la prova al contrario. Scoprire, cioè, se a una battuta di un laziale sulla Roma avrebbe potuto corrispondere un semtimento speculare di frustrazione rabbia e di complessi, come quello che emerge da molti di questi allucinati messaggi.

  158. Adesso farò leggere questi commenti ad altri due miei amici laziali (Vittorio Zincone e Adalberto Signore) e li piglierò per culo per un mese sul livello medio del tifoso biancazzurro….

  159. Telese non istigare e checcazzo XD

  160. Mi complimento con Luca per la reazione tanto composta quanto decisa,da vero romanista:)

  161. Caro Luca,
    a me delle pecore e delle battutacce, da laziale, non importa nulla. Non so a chi potrebbe offendere, ma lo trovo un modo patetico e infantile di fare satira. Non mi fa ridere nemmeno l’ironia sui romanisti di alcuni laziali, sulla loro coattaggine etc. Ma non può pretendere una scomposta battuta sui laziali cafoni e sui rolex falsi passi inosservata. Voglio dire, mi insospettisce tutto questo flame. Lei utilizza una vignetta con la pecora a voler rimarcare la presunta extraterritorialità dei laziali. e dice di essere nativo e originario sardo, campano etc. E’ normale, in questo modo, attirarsi commenti a boomerang, civili o meno.
    Saluti.

  162. Sig. Luca Telese,(scusi x il Sig.) crede veramente in cio’ che scrive e disegna? io mi auguro di no, altrimenti saremmo di fronte ad una persona purtroppo x lui fuori di testa o di melone (oggi si dice anche cosi’)! Mi auguro x coloro che un po’ la seguono,(purtroppo anche io) che termini presto la sua “carriera” di giornalista, xche’ fa solo del “male” al buon senso della gente x bene e non.Con queste sue uscite stupide, irriverenti, spesso FALSE, lei istiga VIOLENZA allo stato puro.Io personalmente, mi auguro di poterla incontrare a Roma (la mia citta’) non la sua….non lo sara’ MAI, ma non per offenderla o minacciarla, ma semplicemente x ridergli in faccia. Un saluto da un LAZIALE DOC DE ROMA!!!!!!!!

  163. Tu poi pia per culo quanto te pare.. ma a Roma sempre ospite sei !! sei nato in una citta’ di pastori e te permetti de raffigura il laziale con la pecora? Ma quando l hai fatta non te sei vergognato da solo?? vieni da una citta’ di contadini senza denti con i pezzi de formaggio sotto la lingua e ce dici a noi burini? e sei pure un codardo, invece de tifa la tua citta’ tifi quelle degli altri..solo per lavoro! pupazzo

  164. ROMANISTA RAZZA MISTA…!!! A TELESE GIA’ TE STANNO A CERCA’ MERDA!!

  165. Forza Lazio! daTrastevere

  166. Caro Mauro, il disegnino non è mio, l’ho trovato in rete. E poi non istigo proprio nessuno. Direi, semmai, il contrario.

  167. Quanto alle battute razziste, beh, che dire? Io sono orgoglioso delle mie origini meridionali, o “Terrone”. La vera romanità è sempre stata inclusione. Abito e vivo a Roma dal mio primo mese di vita, ma quando leggo quelli che pensano di offendermi dandomi dell’extracomunitario, ovviamente, mi dispiace di non esserlo fino in fondo.

  168. caro telese, ancora una volta perde un’occasione per tacere, dimostrando di non conoscere assolutamente nulla di come viene inteso a roma il tifo, soprattutto dalla sponda giallorossa.
    lei parla di presunte reazioni “simpatiche” romaniste se quest’ultimi venissero presi in giro.
    fa davvero sorridere quest’affermazione sulla “simpatia” dei romanisti, quando gli stessi a distanza di 30 anni rivendicano con gioia l’omicidio paparelli, cospargono roma di scritte infami come “tzigano eroe”, “paparelli te sei perso i tempi belli”, “28/10 oh nooo” [molte delle quali recenti] e non ultima il coro “un ragazzo è morto con un razzo dentro l’occhio”.
    le consiglio, ancora una volta, di documentarsi.

  169. Complimenti Luca per l’aplomb dimostrato nel replicare alle ‘feroci’ minacce partorite da questa minoranza rancorosa
    ‘Je rimasta solo la chiacchera’ direbbe qualcuno…

  170. Emiliano: hai centrato il problema. Ogni tanto, e non si sa bene per quale astruso motivo (io un’idea ce l’ho ma me la tengo per me visto che in questo spazio si corre il rischio di essere minacciati di denuncia…oh svegliateve belli, le vostre denunce utilizzatele per cose un po’ più serie, siete il Fatto Quotidiano) si sveglia qualche giornalistone della causa giallorossa che vorrebbe “insegnarci” l’ironia. Quale ironia? Quella su Paparelli? Quella sul laziali burino? Non è razzismo quello? No, il razzismo è solo quello dei laziali. Come si dice a Bolzano e mi sia consentita la parolaccia, visto che siamo in tema di sfottò: ma annatevene riccamente affanculo.

  171. ma cosa c’entrano questi commenti con due squadre di calcio che partecipano ad un campionato ed i rispettivi tifosi che si fanno qualche sano sfotto’?

    Bha, piu’ che allo stadio la domenica mi sembra che frequentiate il colosseo delll’antica roma ?

    anche tu luca pero’……………………………..ma guadagni un tanto a commento?

  172. …………………..secondo me luca se le scrive da solo……………………………………………….

  173. Sarai anche venuto ad abitare un mese dopo.. e tu madre co tu padre?? tu nonna co tu nonno? so de nati qua’? .. ripeto, sei un pezzo di merda e basta, senza che provi a difendete e addirittura a manifesta’ romanita’.. stai zitto alemeno ! i rolex falsi.. se te becco pe strada te sputo dritto dritto ‘nfaccia, senza usa mani o piedi… te sputo!!e prego la madonna dell’urione de beccate tra l’occhio e il naso !! e poi se me dici qualcosa, schiaffone!

  174. C’e'il presidente espressione della piu’grande democrazia occidentale che definisce l’esecuzione di un’essere umano(e di chi listava vicino) un atto di giustizia.Le forze militari americane violano la sovranita’nazionale del Pakistan in spregio delle piu’elementari norme del diritto internazionale,e il populino italiano suddito di Mafiopoli e del Regno del Bunga-Bunga che fa?Si scorna sulla fondamentale rivalita’tra la Roma e Lazio.Come e’che diceva quel tedesco?”Italia semplice espressione geografica!”

  175. Senza polemica, ormai siete scontati, è come quel Granata da Siracusa allo stadio con sciarpone della Roma, più siete lontani come natali dalla capitale e più avete bisogno di queste battute per legittimarvi. Che tristezza di vita!

  176. di la verita’ luca……………………………ti hanno estromesso dal giornalismo politico!

    ma non eri affranto dai precari?

  177. Leggendo questi commenti mi convinco sempre di piu’che questo paese si merita Berlusconi e la sua cricca fasciomafiosa.Al sig.Telese invece consiglio di meditare sul livelloo medio del popolo italiano.Altro che Lazio e Roma qua siamo nella merda fino al collo e non ce ne rendiamo conto.

  178. (ARI) Sig. Luca Telese, non vedo xche’ mi debba dare del(caro), semmai poteva scrivere Mauro Antonelli, in quanto il cognome e’ dato proprio x farci riconoscere.Se il disegnino non e’ suo poco importa, in quanto lei lo ha pubblicato, e x quanto riguarda il fatto che non istiga violenza e semmai il contrario, mi viene solo da “ridere” xche’ leggendo i commenti “vedo” una marea d’insuli.Io sono nato a Roma, ma a questo punto credo di avere origini sarde e campane….

  179. Caro telese, con quella pecora lei sta offendo non solo una tra le piu’ belle regioni d’Italia la sardegna, ma soprattutto lei stesso che e’ di quelle parti. Forse era meglio mettere in mano al tifoso romanista un verme, e non si sarebbe messo contro la sua regione natia, e la regione che gli permette di sfamare la sua bocca. In (amicizia). Francesca

  180. Per Antonio:
    Bel minestrone, non c’é che dire.
    Se devi ricorrere all’argomento dell’omicidio di Vincenzo Paparelli per attaccare Telese (come se lo avesse commesso lui, o si divertisse a farle lui le scritte di cui parli..) stai proprio alla frutta!
    Il punto é semplice, secondo Telese: in generale, i laziesi sopportano con molta fatica, o affatto, lo sfotto’ da parte dei tifosi della squadra della città.
    E’ vero o non é vero? Punto.
    Ad oggi,3 maggio 2001, é vero!
    Vuoi degli esempi? Avete vinto lo scudetto nel 2000, nel 2001 é toccato a noi. Che avete fatto? Ve siete rintanati (non c’erano piu’ laziali…).
    La maggior parte di voi, tornando indietro, avrebbe rinunciato al proprio scudetto pur di non doversi strappare le interiora nell’assistere alla festa di Roma vestita dei colori che la storia le ha donato.
    Sareste capaci pure di regalare la partita all’Udinese se foste certi del non ingresso della Roma in CL (d’altra parte siete l’unica tifoseria che ha esultato al gol della squadra avversaria. Che vergogna!).
    Personalmente, come la maggior parte dei tifosi della “stramaggica”, io tifo ROMA sempre! Anche a Udine l’ho fatto. Senza calcoli. Vince chi é piu’ forte.
    E invece voi “…speriamo che la juve nun se ‘mpiccia…”, ” …speriamo che l’Inter ce rende er servizio…”.
    Hai visto come te l’hanno reso il servizio…
    Chi di inciucio ferisce … Il resto metticelo tu.

  181. Palmiro, la tua menzogna non conosce vergogna, ti sei scordato quando voi fintomoralisti, avete dato tre punti al Torino per non farlo andare in serieb? E il figlio che ha confessato di aver pagato l’arbitro di roma-dundee? E’ proprio vero piu’ aprite bocca e piu’ cacciate sterco…
    Siete la schiuma del Tevere.

  182. Tutte notizie provenienti da fonti attendibili, non c’é che dire…
    Sarebbe lo zio del nipote che l’ha riportato all’orecchio ecc… Per la serie “Chi, come dove, quando e perché”!
    Comunque, tutto quanto ho scritto é avvalorato dalla compostezza del tuo intervento. Approposito di schiuma… :)

  183. Voi di Roma siete la parte sporca e analfabeta come il vostro capitano…sputacchiere…
    Attaccatevi a Lazio-Inter, fintomoralisti da tastiera, o allo scudetto dove eravate 80 milioni al circo massimo, piu’ di quello non andate…frustrati e complessati…e sotto la cappella di andreotti da mezzo secolo…fate piu’ pena (per non dire schifo) di lui…siete la feccia di Roma.

  184. Gentile e pacata Francesca, quanto all’analfabetismo, se di tanto in tanto mettesi qualche virgola, sarebbe piu’ semplice leggerti, anche se mi rendo conto che non é colpa tua se la maestra t’é morta che eri piccola.
    Quanto alla frustrazione, il tono e l’educazione con cui argomenti (complimenti! Gran signora…) sono essi stessi la migliore delle risposte.
    L’esser complessati, poi, é vostro pane quotidiano, ma capisco che essere ospiti, a volte maltrattati, di questa città é difficile da accettare.

    Forza ROMA, France’ (Toh! Hai lostesso nome del piu’ grande giocatore Italiano…) e buona sera, bile permettendo… :)

  185. TELESE MI PIACE SEMPRE DI PIU’.FILOMISSINO E ROMANISTA.
    DAJE.

  186. Me cunsenta signur Telese, io songo nu tifoso della Romma di Frusinone, tengo le pecure e li maiali, mi zio fa pure lu pecurino, nun capisco tutto questo astio in confronti nostri. Mo nu contadino nun po ezze tifoso de a maggica?? Quali sarebbero li problemi sua? Guardi che noi romanihisti semo persone dabbene!!!
    Noi gampamo bene in provingia, famo pure l’olio bbono, si me viene a trova ie faccio lecca li baffi e parlamo nu poco de a Romma nostra e prennemo un pò per culo, me scusi lu termine, un vicino de casa mia che è della Lazie, quelli si che so burini!!!

  187. dato che sei romanista e nn te offendi … MORI VERME — qnto semo goliardici noi laziali …..

  188. Sei un poveraccio e mi stavi pure simpatico e ti seguivo su LA7 IN ONDA…da oggi non ti vedrò più e avverto anche gli altri amici di fare la stessa cosa. Mi fai pena…

  189. Caro Telese, gliel’ho scritto anche su Facebook: lei è solo un guitto arrogante, ignorante e presuntuoso. Non si può offendere e poi dire “scherzavo”. Che fa, come Silvio Berlusconi? A proposito, poi… sappia che in città quelli bori, col catenone, il Rolex d’oro e il bruco in auto siete voi romanisti. La sciarpa giallorossa tutto l’anno, il lupetto al portachiavi, Marione, er pupone… qui i rozzi siete voi!

  190. Tranquillo Luca, che se guido, i suoi amici e tutti i laziesi spengono la televisione, ammesso che trovino l’interruttore (quelli che hanno portato il cacio a Roma non hanno ancora dimestichezza con cotanto prodigio della tecnologia…), perdi al massimo una quarantina di telespettatori…

  191. Come allo stadio siete sempre di meno, caro Palmiro? ‘ndo stanno i tifosi daaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa rioooooooooooooooooooooooooma quest’anno? ‘ndo stanno? ‘anfatti, ‘nvedi, normale che…………………. ‘aho…………

  192. Cmq, caro telese, se lei per una sera non occupa il video non è che succede qualcosa, eh? IInsomma, non è che sentiamo la sua mancanza!

  193. Dai Arma’, su! Fai vedere a Telese che ha torto, non fare il complessato… :)

  194. beh, ha detto na cretinata. capita. non e’ uno spiritoso, e’ uno con un grande ego. enorme. ipertrofico. uno spiritoso avrebbe detto una cosa spiritosa. lui no, lui dice quello che puo’ come puo’ quando puo’ (e lo scrive pure). quello che non capisco e’ perche’ la gente si incazza. ma che vi aspettavate? ma che era un vostro idolo e vi ha deluso? ma che vi frega di quello che dice questo tizio?

  195. Palmiro if your ignorance do not allow you to understand Italian, i can write you in English.

  196. Basta sentirvi parlare, in città. Basta vedere i vostri abiti, le vostre auto… leggere i vostri titoli di studio.. ma poi, in fondo, di che parliamo? Di un tifoso del Cagliari che tifa anche per la Roma. Un “bastardo”… in fondo la Roma cos’è? Una squadra di “bastardi” nata dalla fusione di sette squadre sotto il fascismo nel 1927. Basta saperla, la storia. Non è difficile. A meno che non si scriva sul Fatto quotidiano….

  197. Un cagliaritano che tifa per una squadra nata a Corropoli (Teramo) e che si è messa nome roma si commenta da sé.

  198. Madame Conti, si vous le préférez je peut vous répondre en Français, mais je vois bien qu’en anglais (dans des frases pas trop compliquées, bien-entendu…) vous n’avez pas oublié le virgules.

    Anyway, I recommend you to learn Italian before trying to communicate in other languages and to use LH-translator instead of Babylon (It’s more user friendly for the rookies as you are!).

  199. Francesca my dear ,please spare us your crappy English
    My guess is that you have trouble understanding your own language,so there’s really no need for you to embarrass yourself any further;)

  200. Caro dott. Telese,lei ,che è persona intelligente,giornalista abbastanza bravo e con sicura carriera di successi,cosa ha fatto di male per andare a pestare una mina grossa come una casa. Se avesse potuto ascoltare il nostro scemo (mica tanto)del paese che gridava all’ingresso del campo sportivo :”con il gioco del pallone – tutti i cervelli in confusione” beh…penso proprio che la mina l’avrebbe scansata. O nò?

  201. Ma cos’hanno stasera casini e tosi?

  202. E Epifani? Dov’è adesso a far danni? Lo sapevo ….. non me lo ricordo.
    E di Mentana il saggio, che dire?
    E meno male che Piggi c’è!

  203. What a miserable peoples you twos are, listen to me please, forget everything about roma and LAZIO, there’s not competition between them, LAZIO is the pride of Rome, as roma is the drain of Rome oh sorry of Italy…and you are their little mouses…
    Do not make me laugh any further about yours stupidity, yours ignorance, and yours languages translated with babel fish…
    You’re just ridicolous…speak facioli co le cotiche, festeggia e scoreggia, peperones frustrato…
    GO LAZIO GO LAZIO GO GO GO.

  204. Absolutely phenomenal Francesca, have a laugh to them….
    Ahahahahahahahahah
    LAZIO TILL WE DIE….

  205. “You twos” é proprio forte, bhuahahah!!!!!
    A France, in amicizia, lascia perdere l’inglese, parla la tua lingua madre, il Frusinate, che é meglio.
    Se sei caruccia di do qualche ripetizione… “You twos” non si puo’ leggere.
    Buona notte France, m’hai fatto veramente ridere stasera.
    Bhuahahahaha

  206. ‘oh sorry of Italy’,you say?

    maybe you meant ‘how sorry’ ,you dumbshit!

    now crawl back into that maverick hole you came out of

  207. di do è superiore. grande palmiro itagliotto

  208. Devo ammettere che anche “yours stupidity”, “yours ignorance” e “yours languages” erano forti.
    Se fossimo stati in tre quante esse mettevi?
    Bhuahahahahahaha
    Notte Franceschi, ti voglio quasi bene…

  209. Lo vedi che sei ignorante you twos e’ plurale. Studia.

  210. Ops, siete ignoranti, studiate l’italiano prima di tutto la base.

  211. Hai usato un pronome possessivo al posto di un aggetivo possessivo e hai anche il coraggio di fare le lezioncine?
    Vai a dormire va che ne hai combinate abbastanza oggi ,zoticona!

  212. A France, mannaggia; mannaggia …
    Va bene dai, se hai 8 anni passi l’errore, ma il plurale coi numerini non si fa in inglese.
    Cosi’ come non si accorda il numero con la seconda persona anche se parli al plurale.
    Se fossi stata una mia studentessa ti avrei rimandato.
    Se sei carina, comunque hai sempre la carriera bunga bunga…
    Notte France

  213. daje tutti a mangiare una bella sosspressata e caciocavallo al rommhha club di vibovalentia e nn se ne parla piu.
    qui siamo tutti veri romani e romanisti

  214. Come si vede che siete limitati al raccordo anulare ricottari, fatevi un giro in Inghilterra capre, ma non a fare figure barbine e meschine degne della vostra pochezza come avete fatto a Manchester. E poi parlate burini, analfabeti…..bwhahahahahahahahahahahahahahahahaha
    FORZA GRANDE LAZIO.
    Ps. E non provate a parlare inglese con la traduzione del computer.

  215. L’ignoranza non é non sapere, ma perseverare nell’errore.
    Quanto perseveri bene…
    PS “,,” ti restituisco le virgole che hai dimenticato, devi solo metterle al posto giusto, ce la puoi fare. Te lo lascio per esercizio. Mi raccomando! Domani ti interrogo…

  216. francesca nn perdere tempo a rispondere a sti due poveri sfigati- sono da una giornata intera a scrivere su sto flame-
    palmiro e gino fateve na vita oppure fidanzatevi tra voi.

  217. A clabre’, pure tu é parecchio che stai da queste parti.
    Una curiosità: la tua maestra é morta nello stesso incidente?
    Notte notte.

  218. palmiro analfabeta di do

  219. palmiriello nn offendere la calabria-qui siamo tutti romani e romanisti doc. come fotia,come caracciolo,come telese,come la ferilli,come bruno conti,come giannini,come francoNanosensi ecc.ecc. vieni a mangiare la n’duja romana eromanista e porta pure ginuzzo tuo

  220. Nella storia delle macchiette, quelle che vestono le maglie luccicanti per rendersi attraenti agli spettatori distratti, sputare contro la prima squadra della Capitale e contro i Suoi tifosi ha sempre portato molta sfortuna. Ma, a differenza del suo attacco gratuito (per lei e non certo per gli abbonati paganti) fatto nominando la S.S. Lazio, la liquido augurandole buona fortuna per il programma che, ne sono certo, avrebbe riscosso più successo senza che il conduttore (lei) avesse indossato la maschera da “Truculentus”. Quella che ha cancellato in un paio di minuti tutto il buono del suo giornalismo. Ora c’è da chiedersi: si può spazzare via una carriera in due minuti? Si, se quest’ultima è senza radici e se la rabbia che soffia è tanta. Distanti saluti.

  221. Le rinnovo l’invito a fornirmi un suo recapito ( va bene anche quello di un suo collega amico se ha qualche timore) dove recapitarle il suo libro Cuori Neri ( del quale ribadisco i miei apprezzamenti, in effetti mi sorge il dubbio che non sia farina del suo sacco, visto lo scarso livello intellettivo che dimostra) perchè un autore come lei non merita di far parte della mia libreria.
    Se poi ci dovesse confessare che quel libro in realtà è stato scritto da altri e lei lo ha solo firmato, allora andrebbe benissimo così, magari mi faccia sapere il nome dell’autore così lo correggo a penna.
    Per quanto riguarda gli insulti faccia meno lo spiritoso, se li è cercati del resto lei che è ironico li accetterà di buon grado. A proposito perchè ora non provi ad alzare un pochino il tiro? Mi faccia ora anche una fotografia, sempre goliardica e ironica, non so dei ragazzi dei centri sociali di sinistra o dei ragazzi di Forza Nuova?
    PS Piccolo appunto ad una paio di tifosi Laziali che hanno scritto su questo blog: va bene tutto ma lasciamo perdere i morti, non è nel nostro stile, lasciamo i 10 100 1000 Paparelli ai compagni di merende di Telese.

  222. Si lamenta del livello medio del tifo Laziale, noi potremmo tranquillamente lamentarci del livello medio del giornalismo italiano. Costretto a parlare di Lazialità per avere 222 repliche in due giorni. Alcuni dei suoi articoli hanno zero repliche e tutti hanno una media di 10 messaggi al massimo…un blog molto seguito non c’è che dire. Ci sono persone che lavorano 8 10 ore al giorno e la sera riescono a curare forum, blog sportivi, musicali mille volte più seguiti del suo.
    Forse questo la infastidisce e dopo aver cavalcato l’onda emotiva dell’estremismo nero, ora sta tentando la carta del calcio. Però ancora non mi sembra che sia riuscito ad aumentare il suo audience. Guardi, le voglio dare un consiglio, perchè nella sua pochezza mi sta quasi simpatico, contatti Marione e paghi di tasca sua per diventare opinionista nella sua radio, sarà un investimento per il futuro. Potrebbe diventare in breve un nuovo idolo del popolo giallorosso ( magari chissà fra qualche anno potrebbe diventare l’erede di carlo zampa come speaker dell’olimpico) e noi avremmo un inutile giornalista politico in meno.

  223. a’ Palmì, ma che t’è preso? Eri partito con Lazio-Inter e sei finito a farti le pippette su Francesca. Ma Telese ti stipendia per scrivere ste stronzate sul suo blog?

  224. Hai ragione, ma é talmente vasta e profonda l’ignoranza di taluni caciottari che per mero altruismo cerco di migliorare la loro insulsa vita.
    Si tratta comunque di esseri umani. O no?

  225. A Telese ma ti sei visto?faccia da maiale sembri la caricatura di Hitler

  226. a Palmiro fai poco l’acculturato che di mestiere fai il fruttarolo

  227. E’ allucinante la reazione di certa gente. Ho letto minacce. Ma stiamo a scherzare o cosa?
    E poi cosa s’arrabbiano…che il laziale vada in giro con la pecora al guinzaglio ci sta nell’immaginario collettivo…

    Dateve una regolata …

  228. A palmiro va a venne i carzini ar semaforo va’….

  229. IVoi laziali vi prendete troppo sul serio………………fatevela una risata ogni tanto, anche se capisco che solo guardandovi allo specchio, vi passa anche la voglia di ridere………….

  230. Ce bastate voi pe facce ride…

  231. Non so, ma forse sono stato uno di quelli che inizialmente ha dato il via a tutto, con un post scritto su un forum.
    Perche’ io, la sua intervista l’ho vista eccome quel pomeriggio.
    E non mi venga a dire che il suo era un tono scherzoso, perche sia io che lei sappiamo che non e’ cosi, e’ proprio dal tono che ci sono rimasto male, perche’ fosse stato uno scherzo sarebbe finita li.
    E mi sono domandato perche’ e a che serviva.
    E sul fatto che i romanisti siano piu’ spiritosi….bhe lei e’ un giornalista, sapra’ sicuramente andare in archivio e scoprire che per esempio Massimo Giuliani, colpevole di aver fatto un imitazione di totti e’ dovuto prima sparire da roma e dalle tv, e poi chiedere scusa in diretta nazionale in radio..e ci sono altri esempi che evito di citare.

  232. Quella che i coatti della roma chimano ironia e’ solo veleno presunzione, e frustrazione, poveracci….

  233. Ma non è che stai ancora rosicando per la storia di Disegni (Laziale) e perchè Travaglio ti ha “dato una pettinata” e ti sfoghi cosi un tanto al chilo per mera frustrazione? Pensa come stai…..
    E dire che da abbonato al fatto ti stimavo pure, ora spero proprio che ti caccino a calci in culo, tanto non morirai di fame, un posto a riomaciannel o da porchettaro sotto la sud lo trovi.

  234. lascia perdere l’inglese è meglio :)…

    sai argomentare o sai solo offendere?

    te e come altri qui… la polemica inizia ad essere stucchevole…

    se anche telese avesse offeso, il risultato è “ti ammazzo”?

    così tanto per capire a che livello di civiltà siamo arrivati.

    sono il tipico romano che tifa juve… ed tra stadio, radio, trasmissioni, sento cose allucinanti su di noi… la domanda è: che ti ho fatto? posso dire in tranquillità che la roma ruba o che allo stadio i laziali so cafoni? o la risposta deve essere “ti ammazzo”?

    perchè il livello del tifo italiano è così? questa bacheca da veramente l’idea di quanto facciamo schifo tutti noi.

  235. a francè.. me sa sei na bella bocchinara… la frustrazione è la tua.. in quanto laziale sei inferiore… ahahaha.. sempre a parlà de noi… ma le partite della squadra tua le vedi? me sa che conosci più le partite nostre…
    io quando gioca la lazie me guardo un film.. esco.. tu me sa che sei così brutta e frustrata che te rimane solo da vedette le partite…

  236. Dr. Telese,prima di tutto Lei con le Sue affermazioni,dimostra di non conoscere assolutamente il “tessuto” della tifoseria delle due squadre romane.Si avventura su un terreno(spero in buona fede…) che non conoscendo,inevitabilmente la porta ad inciampare con grossolane inesattezze.Tra le tante ,mi preme sottolineare l’affermazione sul presunto (da Lei…) spirito dei tifosi della squadra nata da un “incrocio” nel ’27….! Guardi Dr Telese,tutto si può sopportare ,scusare,tollerare nelle Sue affermazioni,ma una fesseria sesquipedale come questa affermazione,proprio no….!Dal momento che Lei non è ovviamente tenuto a credere al sottoscritto,La invito a fare dell’ironia che so, magari sull’icona del “loro” Dio in terra ed in mutande che risponde al nome del noto “letterato” Franceschino e poi ne riparliamo.Una tifoseria più egocentrica,presuntuosa,roomanocentrica,più “nessuno come noi…”, proprio non esiste e se Lei non mi crede (ma sono certo che Lei lo sappia benissimo…), ci provi se ne ha il “cuore” e poi vedremo questo “spirito”,questa “goliardia”. So benissimo che eviterà accuratamente di seguire questo mio suggerimento e ne comprendo anche i motivi….ovvio!
    La saluta uno dei “burini” che ha portato il calcio a Roma,nato a Roma nel 1945 in Via del Plebiscito (P.zza Venezia),con mamma romana da 7 generazioni e papà straniero (posso….???)i,quando a Roma non c’erano un milione e passa di immigrati da Sicilia,Campania,Marche,Molise,Puglia,Basilicata e dai migliaia di extra comunitari che per “sentirsi” romani ed integrati, si affrettano ad indossare le sciarpe con quei “bei” colori……Se vorrà….ci rifletta!
    Buon lavoro daSergio Hovaghimian

  237. A simone, torna alle scuole ed impara prima di dare giudizi, gia’ che sei juventino e romano, te dovresti fa schifo da solo. A quell’altra specie di persona che non ha neanche il coraggio di mettere il suo nome ed il suo cognome, dico solo che i bocchini li fa tua madre e al primo che passa quindi mettetevi in fila tutti.

  238. francesca, vedo che è inutile colloquiare con te.
    il turpiloquio è il tuo forte. io fortunatamente ho altro a cui pensare.
    buona giornata e ricordati che avvelenarsi fa male al fegato.

  239. Simone se tu oltre a non saper parlare, oltre a non saper leggere e oltre a non saper stare zitto, e’ un problema tuo, curati. Io ti ammazzo non l’ho mai pensato e non l’ho mai scritto, quindi ti invito a rileggere il tutto, a curarti, e solo dopo a riaprire ulteriormente quella bocca o quello sfintere, decidi tu.

  240. state discutendo con una tifoseria che l’anno scorso espose uno striscone affermando “mou uomo vero in un calcio finto”… pensate quanto capiscono di calcio e della vita.

  241. CHE BELLO BATTIAMO IL RECORD DEI COMMENTI !!! SIAMO A 240 . come le giornate che la 7 dovrebbe dare di squalfica a telese .

  242. Stefano, Stefano, Stefano Disegni, noi c’abbiamo Stefano Disegni!

  243. Ho letto tutti i post, rimango basito e disorientato dal livello di minacce contenuto in questa pagina, minacce di morte, di percosse, di sputi… forse è lo specchio del livello dell’attaule società. Ho 49 anni e ho avuto la fortuna di vivere un altro calcio di derby allo stadio (sono romanista) vissuto insieme ad AMICI laziali ne ho vissuti tanti e tutti finivano a SEMPLICI sfottò. I miei migliori amici tifano lazio e guai a chi m e li tocca !!
    Il laziale burino e il romanista calabrese/abruzzese esiste da quando sono bimbo, ma mai e poi mai si è arrivato a questo. Sono rattristato e lo scrivo davvero sinceramente, era bello quando si andava allo stadio 4 ore prima, i posti erano su panche di legno, l’olimpico non aveva coperture e sulla Tribuna Monte Mario c’erano le bandiere di tutte le squadre messe in ordine di classifica… altri tempi, altro calcio, altra gente e altra società. Poi non ci stupiamo però se ci sono morti assurde per violenza, non ci stupiamo se gli stadi sono vuoti e non ci stupiamo se per una stupidggine nel traffico un ragazzino di 18/20 anni è pronto a prendere il crick… siamo tutti bravi a chiudere il recinto dopo che i buoi sono scappati, facciamolo prima e riportiamo la discussione a quello che era, un semplice sfottò.
    SCUSATE SE MI SONO DILUNGATO E GRAZIE PER AVERMI LETTO
    MARCO

  244. Che pena….
    Da una parte una tifoseria che ride
    dall’altra una massa di decerebrati che minaccia.
    Poi, fortunatamente, ci sono i laziali-intelligenti (scusate il palese ossimoro) che cercano di ragionare.
    Luca Telese ha chiaramente portato uno stereotipo al quale non crede nessuno… cos’hanno fatto alcuni laziali? Hanno confermato lo stereotipo… GRAZIE! Ancora Grazie e per sempre Grazie!!
    Il vero problema a Roma, per il calcio, soprattutto (Anzi quasi esclusivamente) quello di sponda bianceleste è il prendersi sul serio, il sentirsi legionari di una milizia elitaria portatrice di valori assoluti. Una mostruosità già di suo, se poi applicata al calcio una stupidagine di proporzioni apocalittiche.
    Comunque caro telese, alla luce di quanto letto quì sopra, potrebbe cambiare stereotipo: ormai il Laziale é una specie di “samurai” che per il padrone darebbe la vita. In pratica un uomo senza dignità, senza amor proprio e senza cervello. Così, forse, rimpiageranno il “cafone”

  245. Bhe e’ facile nel Web far vedere che arrivano i post con commenti di minacce o parolacce, basta non moderare i post e il gioco e’ fatto.
    E’ un vecchio giochetto, ma pensavo si facesse oramai solo sul forum del Pdl.

  246. Tanti sociologi da due soldi qui dentro. A partire da Telese che ci illustra le differenze antropologiche fra il laziale e il romanista (tra l’altro ribaltando gli stereotipi).
    Prendo le distanze da tutti gli insulti personali e le minacce ma il vero istigatore qui dentro è il padrone di casa. Cosa non si fa per riprendersi i propri 15 minuti di celebrità (quotidiani, nel caso di Telese)…

    (Tutto il resto l’ha sintetizzato benissimo il signor Salvetti nel post 123)

  247. Cacciato via da “Il misfatto”(e menomale aggiungo io), a beneficio del grandissimo STEFANO DISEGNI (noto tifoso Laziale).
    Fosse questo il problema?

  248. Cacciato via da “Il misfatto”(e menomale aggiungo io), a beneficio del grandissimo STEFANO DISEGNI (noto tifoso Laziale).
    Fosse questo il problema?

  249. Telese, credevo che nel tuo piccolo cervello albergasse un briciolo di intelligenza ma mi sbagliavo sei un essere piccolissimo però ti faccio i miei complimenti ci hai ingannato in molti. Dunque sei così nella vita così come nella professione: uno squallido opportunista prezzolato.

  250. Egregio signor telese,sono un tifoso laziale e da un po vivo a londra
    sono un lettore del fatto e amico anche di alcuni suoi amici.
    Quello che mi da fastidio e ‘ che lei insiste.
    Anziche’ dire ho fatto una cazzata(perche’ si cazzeggia in privato non in un intervista per quanto gogliardica)lei insiste.si giustifica e cerca di stabilire una romanista superiorita’ di spirito.
    non giustifico la pioggia di becerume che fatalmente le viene vomitata addosso,non accetto le minaccie,non posso giustificarle
    ma quale superiorita’ quale ironia?
    quella dei mario corsi?e lei di ex nar dovrebbe saperne qualcosa?
    quali differenze?
    le curve sono in mano a i figliocci di fiore e morsello
    la fanzine della curva sud si chiama black shirt..
    di che stiamo parlando?
    lei e’ al pari degli storace ……meglio frocio che laziale…al pari degli amendola e di tanti altri
    che sputano merda e non ironia su una societa’ che ha una storia esemplare.non come la roma fondata per ordine di mussolini.
    si ricordi dei curzi e dei tanti laziali che adesso non ci sono piu ma che a quel paese l avrebbero mandata.
    comunque ci pensi la prossima volta e si occupi di politica.
    anche se devo dirle che questa sua ingenuita mi fa pensar male di lei
    e vedo un ombra di furbizia e di opportunismo che fatalmente le fanno perdere credibilita’ come giornalista
    mi saluti vittorio

  251. Credo che il signor Carmelo abbia dato la definizione che più le compete: “lei è un romanista, ma non nell’accezione di tifoso calcistico (perchè c’è gente rispettabile tra questi), bensì nell’accezione politica del termine”.

    Caro Telese, lei non è diverso da nessuno, nuota bene in questo marasma di mediocrità riuscendo ad avere anche un’adeguata visibilità. Lo dimostra il fatto che, non avendo la più pallida idea del perchè un tifoso laziale possa recriminare su certi avvenimenti, evidenzia solo i comportamenti spropositati e ci apostrofa semplicemente come “popolo permaloso”, riducendo il tutto ad una mera questione di SIMPATIE e ANTIPATIE come quando si andava a scuola. In pratica prendendo per il culo un po’ tutti.
    La ringrazio, ma questo, per me, non è giornalismo.

    Tanto per fare un discorso a 360 gradi, affatto permaloso, la scusa della democrazia della rete vi sta portando alla deriva. Ma non vi accorgete che non basta più far utilizzare “democraticamente” a tutti gli “strumenti virtuali” per potersi autodefinire APERTI?
    C’è bisogno di coerenza nella difesa di valori e principi, servono i contenuti, quelli VERI, che stanno diventando sempre più importanti perché sempre più rari e quindi molto più distinguibili in mezzo a questo mare mondiale di roba inutile e vuota.
    Ma la gente che come lei non se ne rende conto è quella che necessita di un pubblico accondiscendente che le faccia compagnia e non la lasci mai sola perché questa è l’unica cosa che da forza alle vostre argomentazioni: il favore di un pubblico ammaestrato.

    Tante cose Sig. Telese, è stata una rivelazione.
    Felice di averla SCOPERTA.

    Alma

  252. STEFANO DISEGNI,
    OOOOOOOOLEEEEEEEE’

  253. MA CHI CAZZO E STEFANO DISEGNI?????

  254. Visto che sei nato a Cagliari la pastorizia è molto più nel tuo DNA che nel mio.
    Saluti
    Roberto

  255. viste alcune foto di lei mi viene un dubbio
    ma mica si credera’ bello? perche le pose sono da persona che ci crede ,ma le tolgo ogni dubbio
    e’ bolso, goffo ,e poco disinvolto,bruttino fortee veste pure in un modo che e’ una via di mezzo tra buscaglione e un travet…

    mica si offende vero lei e’ superiore di spirito e’ romanista…

  256. ps non e’ che il suo sarto e’ laziale?

  257. “oltre a non saper stare zitto” fortuna che ci sei tu francesca a decidere quando e come si può parlare.. come faremmo senza di te?

    “e solo dopo a riaprire ulteriormente quella bocca o quello sfintere”… complimenti.. che classe!

    poi però non vi arrabbiate se telese usa la parola “cafoni”!

  258. Visto che lo sfintere non sai neanche sia….simone uso allora il tuo stesso linguaggio quello che vi contraddistingue come beceri coatti ufficiali della Capitale.
    Chiudi quer bucio de culo che te ritrovi ar posto della bocca.

  259. * che cosa sia

  260. Sono Laziale , non mi intendo di pecore , e non sono cafone , come sicuramente lo è chi mi insulta o pensa di farlo in questo modo.Dimostra di non conoscere questa città ,infatti viene da lontano..perchè non ci torna?

  261. tutti leoni da tastiera… vi lascio al vostro destino.. a te Francesca da tifoso laziale consiglio di non trascendere in linguaggi che non ci appartengono… fai pessima figura !
    SSLAZIO1900

  262. Telese cerca pubblicità nel più semplice dei modi..nel luogo comune e nei numeri..ma essendo di Cagliari non sa cosa significa Roma e la sua prima e più antica tifoseria.
    SS Lazio 1900

  263. E’ vero gulp, grazie, l’ho fatto solo per farmi capire, talmente elevata e’ la loro ignoranza, che bisogna abbassarsi a quel livello…altrimenti non ci arrivano.

  264. Salve mi dite chi ha proferito minacce di MORTE?
    Vorrei delle risposte.Grazie

  265. minacce :
    post. 56
    post. 63
    e sopratutto post. 69

    Hai avuto le risposte che volevi.

  266. telese che dirle????una caduta di stile notevole da un personaggio come lei che ho sempre apprezzato specialmente per il libro CUORI NERI……….va beh!!!!comunque le consiglio vivamente di evitare per il futuro certe cose…….e si studi bene la città di roma e cos’è la SS LAZIO, com’è nata e cosa rappresenta per la città di roma!!!!E comunque la Lazio è una cosa troppo bella e speciale per la capitale……e se dio vuole siamo in pochi a godere di questo privilegio!!!!arrivederci!!!!comunque continuerò a seguirla su la 7……..Luca

  267. Sono Laziale, orgogliosa di essere Laziale e felice oggi di sapere che sei romanista.

    Non c’era posto per te tra di noi. Laziali si nasce, non ci si diventa…quelle infatti sono prerogative romaniste.

  268. Un pò come la sortita di Gaia De Laurentis durante una Domenica Sportiva di qualche anno fa…: maldestra e fuori luogo.

    Se la poteva risparmiare… pazienza, saluti.

    PS: “Una bugia ripetuta molte volte diventa una verità”.

  269. Ma tu davvero Luca Telese carissimo, pensi che si possa fare una media dell’intelligenza dei laziali e dei romanisti ???? Davvero fai questa domanda ????

    Luca Telese, carissimo, qui si ha bisogno come il pane di un passo in più !!!

    E tu sei ggiovane. Non fare tu il babbione, ti prego, ti prego, ti prego.

    Attenzione !!!
    In mancanza della malsana competizione ideologica degli anni ’70, quella che tu hai studiato e raccontato, ecco su cosa ci si apre il fegato a Roma – è lo stesso sai ?
    Attenzione !!!
    E’ una roba assurda, irrazionale, che fa morti !!! Morti intendo morti, coi razzi negli occhi o proiettili in pancia !!
    Attenzione non coltiviamo l’oscuro irrazionale.
    A voi maschi piace, lo so, ogni tanto, fare il guerriero che lotta contro il male (=lazio ? = roma ?). A noi femmine piace, lo so, accarezzare la barba incolta rabbiosa dei nostri (falsi) eroi.
    ma la famo finita che siamo nel 2011 ?
    Grazie !!!!!!!

    che ci fanno queste anime
    davanti alla chiesa
    questa gente divisa
    questa storia sospesa

    a misura di braccio
    a distanza di offesa
    che alla pace si pensa
    che la pace si sfiora

    due famiglie disarmate di sangue
    si schierano a resa
    e per tutti il dolore degli altri
    è dolore a metà

  270. Le pecore,er trattore, so tutti burini, er rolex…..No ma il romanista non è razzista, è spiritoso, goliardico, i razzisti sono chiaramente gli altri.

  271. dottore, legga. questo scrivono sul “romanista”. commenti, la prego.

    Lunedì 21 Marzo 2011 01:25
    TONINO CAGNUCCI
    Uno avrebbe voglia di dargli un figlio. Per un minimo senso di gratitudine e per l’ansia di assicurarne la memoria. Ma l’eternità Francesco Totti se l’è già presa scegliendo il per sempre con la Roma. Non è vero che i giocatori passano e la Roma resta. Gli slogan sono falsi, e ci sono giocatori che la Roma se la meritano, se la cercano, se la sono sognata. Ci sono certi che non l’hanno nemmeno avuta e l’avrebbero tanto voluta. I tifosi. I tifosi della Roma sono la Roma. I giocatori tifosi della Roma hanno il privilegio di indossare il loro sogno. E questi giocatori non sono come gli altri. Di Bartolomei resterà sempre la voce seria, il cipiglio sicuro nella notte, un nostro padre, o un fratello maggiore, e il ricordo più geloso e prezioso in fondo al cuore (come un ago). Rocca te lo immaginerai sempre correre a sinistra. Rocca è stata la corsa tra la Rometta e la Roma campione, quasi si fosse sacrificato per questo scatto. Rocca s’è fatto male perché è stato un giocatore che ha saputo correre attraverso due epoche. Di Rocca avrai sempre il rimpianto per quel ginocchio. Ci sono giocatori e giocatori della Roma. E poi c’è Totti.

    Totti è una giornata della nostra vita. Ci ha già assicurato l’accompagno. Ha segnato da mezzogiorno, come ieri, a mezzanotte circa (il rigore con l’Arsenal). Ha segnato da Palermo a Udine. Da Silkeborg, che sta dalle parti del castello di Amleto, ai Giochi del Mediterraneo. Ha segnato tutti i mesi dell’anno, anche a giugno – persino un gol scudetto – a luglio – in Europa League – ad agosto – in Supercoppa. La sua stagione dell’amore è l’unica che non viene e va. Ha giocato tutti i giorni della settimana, una volta persino di lunedì, proprio qui al Franchi dove ha scelto di segnare il 200esimo (e quello seguente) perché lì vicino ci sono gli Uffizi. La prima doppietta nella storia dell’arte da incastonare fra l’Adorazione dei Magi di Leonardo (che non è quello dell’Inter) e il Giudizio di Salomone di Giorgione (che – tranquillizzate i laziali – non è Chinaglia). Totti è una decisa presenza, una chiara presa di posizione e quindi è sempre contro le mode. Contro chi s’acchitta gli idoli naif. Una volta c’era chi gli preferiva Di Canio! Vero, è successo a Roma. Per dare il senso della stronzata si potrebbe fare un giochetto per bambini: per esempio, tra i gol di Di Canio in serie A (30) con quarantadue squadre diverse e quelli di Totti bisognerebbe aggiungere quelli di Maradona (81), Platini (68) e Zico (22). Fate, fate: 30+81+68+22=201. E non dà ancora la misura, perché c’è qualcosa di ingiusto nel celebrare Totti solo per i gol, e non solo perché ha giocato da prima punta solo un terzo della carriera. I gol sono come i premi per i grandi ricercatori, conta quello che si fa ogni giorno, ciò che ti porta al titolo. La quotidianità passata da Porta Metronia al Torrino: l’intero sistema solare.
    Se sei della Roma Totti è un’imposizione, un matrimonio deciso dai padri, se lo rifiuti sei fuori. E’ il Sinai. E’ così. E’ religione e costituzione senza bicamerali o leghe. In questi tempi di fast food e di globalizzazione, Totti rappresenta l’eccezione che salvaguarda l’antica regola dell’appartenenza. Parolacce in disuso come fedeltà. Non è un caso che Totti sia l’anagramma di se stesso. E’ rimasto qui. E’ rimasto così. E così è rinato tante volte senza mai essere finito. Un creatore di gioco, quindi di mondi.
    La cosa più poetica di ieri, in fondo, è l’aver segnato l’unico gol della partita controvento. In direzione ostinata e contraria. L’azione di chi ha scelto una maglia nel mondo del finto pluralismo a buon mercato, la lana pesante e vera della nonna e non quelle insegne luminose che – il filosofo Giovanni Lindo Ferretti insegna – attirano sempre e solo gli allocchi. La cosa più bella è che s’è tenuto i sogni così. E parlando di gol, il record più bello non è tanto riprendere Baggio (in anticipo sul suo stupore) o pensare già a Meazza o – perché no? – a Piola. Il record più bello da prendersi è quello di Nordahl che ha segnato 210 gol con una stessa maglia, il Milan. Solo che Nordahl poi ha indossato anche un’altra divisa (proprio quella della Roma). Totti sta per diventare definitivamente il calciatore che in Italia ha segnato più volte con la stessa maglia. Quando si è ragazzini e quasi subito ci si innamora del pallone, si hanno due sogni. Quello di giocare per la Roma (o per un’altra squadra, per chi crede all’esistenza di altre squadre) e di segnare. Di fare gol. E correre sotto la Curva Sud. E tutti sono pe’ te. Ecco Francesco Totti è come quel “gabbiano ipotetico” di cui cantava Giorgio Gaber, due sogni in un corpo solo. Soltanto che il suo non s’è mai rattrappito. E permette a noi di farlo. Di sentire ancora vivo n questo calcio moderno senza senso – questo sentimento che continuiamo a chiamare Roma.
    Così si può ragionevolmente credere che oggi sia primavera apposta (un equinozio, un 2-2, fra le ore di buio e di luce come ha voluto ieri il Sole) e tra una settimana esatta è il 28 marzo. Quel giorno nel 1993 esordì in serie A. Sono passati 18 anni. Tra una settimana Totti diventa maggiorenne. Significa che c’è tempo ancora per tutto. Anche per i figli.

    la lazio è una scelta di vita.
    la roma è una scelta del cazzo.

  272. No scusami volevo saperlo dal Sig.Telese(di cui io sono un efferato sostenitore).Condivido i tre commenti “stolti” segnalati da te per un gioco ma volevo sapere direttamente da lui,cortesemente,a chi avere sporto querela. Grazie

  273. Un cordiale saluto a lei signor Telese.

    Ricorda Anna Magnani?

    http://www.youtube.com/watch?v=h22r0s2VK08

    Sinceramente non comprendo il livore di certi messaggi. Come innamorato di Lazio e soprattutto come antiromanista orgoglioso di esserlo, io non posso che ringraziarla.
    Comunuqe comprendo benissimo il motivo per cui un non romano come lei decida di scegliere di diventare peperones, credo sia inevitabile e storicamente giusto, capisco meno come uno nato a Roma con nonni romani possa incappare nella sua stessa disgrazia e mettersi a fare il tifo per una squadra fondata da un incrocio di squadre in abbruzzo da un gerarca fascista ventisette anni dopo la Lazio.
    La scelta della vignetta del laziale con la pecora è spettacolare. Molti che hanno scritto non hanno colto la sua autoironia di sardo e di persona brillante.
    Proprio ieri su sky guardavo un collegamento in diretta, praticamente c’è un giornalista che vive lì a Trigoria, e sullo sfondo c’era un gregge di pecore che pascolava. Anche in quel caso credo si sia trattato di una roba per farmi ridere.

    Passo ad altro…

    Pensi che miracolo… sono un laziale di sinistra, pur non riconoscendomi in nessun partito politico di questo disgraziato paese, che è cresciuto nel mito di Guevara, ha una passione per Bruce Springsteen, per il cinema di Loach e Malick, e riesco persino a leggere! Non è sconvolto? Pensi che una volta durante un derby ho persino lasciato lo stadio disgustato per alcuni striscioni razzisti della curva laziale, curva che ho abbandonato in favore di altri settori quando avevo 16 anni.
    Io nasco da una famiglia di sinistra, mio nonno è stato partigiano, una famiglia più vicina al ploretariato che alla borghesia. Pensi che il solo orologio che possiedo l’ho trovato per strada in un ristorante vicino Bolsena, sinceramente non saprei proprio cosa farmene di un rolex se non metterlo all’asta su ebay.

    Questo per sottolineare quanto sia un esercizio poco intelligente quello di ragionare per stereotipi e per categorie.

    Lei scrive che i tifosi romanisti avrebbero reagito con maggiore ironia… aveva già ampiamente dimostrato di non sapere cosa sia la Lazio e i suoi tifosi, ma questo credo sia inevitabile, con questa dimostra di conoscere poco anche i suoi tanti amici abruzzesi, molisani e calabresi che in massima parte costituiscono il tifo della squadra che ha vinto gli stessi trofei europei del Ladispoli.

    Non legga una nota dispregiativa nel mio sottolineare la provenienza geografica della maggioranza dei tifosi romanisti, è solo un dato storico. Personalmente amo molto ogni posto di questo mondo e mi piace conoscere le persone prima di poter dare un giudizio su di esse.

    Le volevo sottolineare un altro aspetto che lega questa sua uscita alle differenze esistenti tra il modo di essere laziale ed il modo di essere riomanista.

    Sandro Curzi, che lei ricorderà, è stato un grande tifoso della Lazio. Un signore e un giornalista vero, non aveva niente del cafone e non portava rolex finti. A differenza di quanto ha fatto lei in questi giorni non è mai stato protagonista di uscite simili alla sua, e la invito a ricordare un personaggio noto tra attori, giornalisti o artisti dichiaratamente laziali che si siano resi protagonisti di uscite simili alla sua nei confronti dei nostri nipoti (definirvi cugini sarebbe un falso storico). Io le potrei citare centinaia di peperones, più o meno famosi, che a vario titolo e quasi tutti per accreditarsi verso un certo pubblico più numeroso e più predisposto ad esaltarsi per uscite come la sua, si sono resi protagonisti di coattate o uscite infelici.

    Nel salutarla le volevo rivolgere il più sentito ringraziamento per il suo vero capolavoro. Un romanista che assegna l’etichetta di cafoni ad una tifoseria come quella laziale è un capolavoro che nemmeno Walt Disney fatto di LSD sarebbe riuscito a tirare fuori… a Roma si dice, “Il bue che dice cornuto all’asino”…

    Le auguro le migliori fortune nel giornalismo, spero che in futuro il suo percorso sia più vicino a quello di un Sandro Curzi che a quello di un Pierluigi Diaco qualsiasi…

    p.s. A proposito della “sua” vignetta… Si faccia un giro sul sito dell’Uefa mi faccia sapere se trova trofei europei vinti dalla “A.S. Rioma”… poi faccia lo stesso con la Lazio… mi faccia sapere… ah ah ah ah ah!

    Dexter

  274. “Visto che lo sfintere non sai neanche sia….simone uso allora il tuo stesso linguaggio quello che vi contraddistingue come beceri coatti ufficiali della Capitale.
    Chiudi quer bucio de culo che te ritrovi ar posto della bocca.”

    Il mio stesso linguaggio? cioè inizi a parlare in italiano e non in un linguaggio veramente volgare? non avrei mai pensato fossi capace.

    Fortunatamente la tua frase finale sgombra ogni dubbio.

    Sicuramente non sarai tu a dire cosa devo fare.

    i beceri coatti sarebbero i tifosi della roma? io già ti ho detto che sono juventino. in cosa sarei coatto? fino a prova contrario i ti faccio domande normali e tu rispondi offendendo. Sai argomentare o no?
    Si riesce a capire cosa vuoi da me? che cosa ti devo rispondere?

    Ribadisco che questa violenza verbale in queste risposte mi pare allucinante.

  275. da parte mia, solo applausi a quanto appena scritto dal sig. Andrea Cefrolini!

    si può anche ribattere senza livore inutile.

  276. Anvedi aho, ducentosettantascinque commenti!
    (il romanesco non è il mio forte)

  277. caro Luca, sono stupefatto dalle reazioni che hai suscitato. Mentre leggevo ero un pò divertito e a tratti preoccupato. Mi sa che qualche aquilotto rosica… Comunque… Forza Roma!

  278. basta parlare di calcio, su …. perchè non parliamo un po’ di bocce?

  279. Vedi Simone sarebbe stupido e soprattutto non avrebbe senso provare livore nei confronti del signor Telese. Dopo aver scritto questo mio lungo commento ho dato una sbirciatina e mi sono accorto che Telese ha scritto altra roba. Inizialmente si era affrettato a sottolineare che si era trattato solo di uno scherzo, poi è arrivato qualcuno per niente coatto in sua difesa, mentre risultata evidente che da quella notte tremenda vissuta quando aveva 12 anni, da quel trauma infantile, è entrato incosapevolmente in un percorso mentale che lo ha portato in queste ore ad assomigliare drammaticamente più a uno dei tanti beceri con sciarpa al collo camicia aperta e catenone, che si rischia di incontrare al bar più che ad una persona normale. La colpa comunque non è assolutamente sua, e questa cosa non pregiudica in alcun modo le sue possibilità di crescita professionale ed umana. Sono convinto che se a 12 anni Marguerite Cleenewerck de Crayencour, non un Telese qualsiasi, avesse vissuto un’esperienza drammatica come quella di scoprirsi peperones una puntina di coattume alla “SO DA MAGICA! E VOI VENITE CO LI TRATTORI!” sarebbe albergato anche in lei…

  280. …..piu’ che altro, ma chi c…o e’ luca telese

  281. luca , se volevi battere il guinness degli insulti, mi sembra che il risultato sia veramente egregio………………………….specie se pensi che mai nessuno era riuscito nell’impresa di avere anche quelli dei suoi fans………complimenti davvero !

  282. Er go de turone era bbbono.

    (Ah, Telese: nel commento 197 ho dimenticato di scrivere che hai anche il cognome originario del Beneventano, c’è un paese che si chiama così…)

  283. Ma che è successo? Sono sconcertata per la “qualità” dei messaggi.Premetto che il calcio non mi interessa minimamente ma non credevo che i tifosi sfegatati (in questo caso i laziali) arrivassero a esprimere concetti demenziali e/o razzisti.Essendo parte in causa mi ha colpito che qualcuno abbia fatto riferimento alla valigia di cartone e al pecorino sardo. Sono meravigliata che delle persone che seguono questo blog siano le stesse che con questi post rivelano un livello culturale davvero infimo.

  284. Davvero curioso il tuo concetto Cilios, a te infastidisce il riferimento al pecorino sardo e alla valigia di cartone e a noi laziali non dovrebbe infastidire il termine cafoni?
    Ad una azione (il cafone al Laziale) è corrisposta una reazione, sono concorde sul fatto che qualcuno esagera, ma molti (la maggioranza direi), hanno risposto in termini educati ed accettabili

  285. Mi stupisco che lei si stupisca. Una volta mi è capitato di discutere con un tifoso della Lazio che ad un concerto degli U2 aveva con se uno zaino con sopra il disegno di una piccola svastica. La confusione e l’ignoranza sono figlie di questa società, il calcio non fa certo eccezione anzi spesso amplifica il fenomeno.

  286. Comunque vorrei fare un appello ai peperones che si prodigano per difendere il signor Telese. Facendo così non l’aiutate affatto. Io mi sono sentito in dovere di intervenire proprio per dare un contributo atto alla riflessione del signor Telese. Trattori, pecore, cafoni e minchiate del genere sono roba che non dovrebbe appartenere ad un giornalista importante ma ad uno che fa radio ascoltate da uno così…

    http://www.youtube.com/watch?v=OvduUAlfw8A&feature=related

  287. “Il calcio l’oppio degli Italiani” o se vogliamo dirla con altre parole Panem et Circenses.

    La cosa più triste caro LUCA TELESE è che il tuo post INUTILE sul calcio ha attirato un sacco di commentatori come mosche sul miele. Su post ben più seri (vedi il caso di Adro) non mi ricordo che ci sia stata questa partecipazione.
    Mi ricordo ancora gli scioperi, qualche anno fa, dei tifosi del Catania perché la loro squadra era finita in serie B. O di quelli del Genoa. E’ proprio vero: la gente non ha altri problemi più seri. E allora ci meritiamo questo manipolo di gente che ci governa e ci comanda, e non c’è da meravigliarsi se si trova qualcuno di questi che di fronte alla crisi economica risponde che non è vero perché la domenica le autostrade sono intasate ai caselli delle località di mare, o che la gente ha più di un cellulare.
    Finché la maggioranza della gente è come quella che ha postato qua sopra non cambierà mai niente. Derubala di tutto ma guai a togliergli la Partita.

    Michele, amante del calcio ma solo di quello giocato in prima persona.

  288. Su via Flamina… rigore netto per la lantzie non fischiato, solite ingiustizie, c’avevano la champion in task… ci vorrebbe una task force… sento un tintinnio di manette…
    a ridicoliiiiiiiiiiiiiiiiiiii…
    A ROMA SOLO L’AS ROMA

  289. certo 13 rigori… inesistenti… tanto per ridere guardatevi sto video…

    http://www.youtube.com/watch?v=uBVZ2Kj3l6Y&sns=fb

  290. caro reccanello d altra parte viviamo nello stesso paese che ha fatto fare a pezzi un alternativa politica nelle strade di genova nel 2001,permettendo a berlusconi di campare x altri vent anni (politicamente intendo)
    quindi siccome la vita di una persona e’ fatta di luoghi delle idee ,di luoghi fisici e di luoghi dell anima ,la lazio e’ per noi questo: un luogo dell anima.
    visto che x me la politica mi interessa meno delle previsioni del tempo,resta la lazio insieme ad altre cose ovviamente a farmi compagnia fino all ultimo giorno

    e io permetto a uno dei miei tanti amici della roma di insultarmi dopo un derby,ma non al primo stronzo che passa.
    per me per i miei amici e per l amore di quella societa’ cosi diversa da tutte le altre la LAZIO

  291. Caro Marco…sono uno che ha letto il tuo post (243) e la speranza che dimostri con il tuo appello finale,mi ha fatto un pò tenerezza. Mi ha fatto tenerezza come tu possa auspicare il buonsenso in un campo dove l’idiozia ne è la padrona (dimostrata da un’altra cinquantina post,e chissà quanti altri ancora). Te lo dice uno che ha l’età che potrebbe avere tuo padre,e che ne ha viste,e passate,di tutti i colori ,ma arrivare a tanto delirio per una battuta sul mondo pallonaro,è una amara constatazione che il Bel Paese si debba meritare la classe politica che lo dirige.

  292. @291 Certo la colpa adesso del paese che segue le partite anziche i vari santoro travaglio e altri estremisti di sinistra che guadagnano milioni di euro parlando del popolo oppresso. VOI SIETE SOLO DEI FACINOROSI E PROPRIO DEFICIENTI !!! FORTEBRACCIO QUA L IDIOTA SEI TU !!!!!!!

  293. Mi ero astenuto fino a questo momento perchè non capisco di calcio nè tantomeno della diatriba tra laziali e romanisti,ma appena ò visto la firma dello xenofobopensiero (292) non ò resistito. Popolo del blog ! tenete in mente questa firma ! è la massima espressione del pensiero umano, e, quando leggerete i suoi post, auguratevi che tutti i soggetti di destra siano a questo livello. (oddio….sarebbe come volere troppo dalla vita)

  294. 287 pieer paolo

    … meno male una squadra di calcio qualsiasi è un luogo dell’anima…
    Contenti coloro che vivono di o per queste amenità.

    A proposito di Genova non so dire se quella fosse una alternativa, ma chi ci ha partecipato pensava di avere il diritto di dire la propria, di far sentire la propria voce giusta o sbagliata che fosse. E non certo di assaggiare calci, pugni e manganelli in una caserma a Bolzaneto.

    @Fortebraccio 291

    Sulle prime dopo che ho letto il contenuto di questo post e i commenti seguenti ho pensato ignorare il tutto. Poi però a prevalso il mio senso di critica nei confronti fel GIORNALISTA autore di questa INUTILE prodezza. Concordo quindi in pieno con il tuo pensiero.

    PS: discutere dell’ argomento del post è una INUTILE guerra di religione e penso che come la religione dovrebbe essere una faccenda personale, intima. Non un inutile tentativo di proselitismo.

  295. @ xenofobo 292

    Il sig. Fortebraccio ha risposto con estrema educazione ad un mio post, io ho 49 anni e se dice che potrebbe essere mio padre vuol dire che comunque non è una persona giovanissima. Il tuo nick già presuppone che di testa non ne hai… l’unica cosa che posso dirti è VERGOGNATI per quello che hai scritto . Se vuoi rispetto porta rispetto, dare dell’idiota e deficiente ad una persona che con pacatezza ed educazione ha espresso un suo parere è un non senso. Ripeto… VERGOGNATI e fallo in silenzio… se scrivi ancora fai solo altri danni… ma a te stesso !

  296. DAI SU CI STIAMO DIVERTENDO SIAMO A 295 . MA NON ERA TELESE A LAMENTARSI DELL USCITA DI GIOVANARDI SULLO SPOT IKEA??? TELESE PRENDITI UN PO DI VACANZA CHE PERDI COLPI !!!!! HAHAHA

  297. @295 il signore del 291 ha dato dell idiota a chi fa parte del mondo pallonaro . Secondo me invece gli idioti siete voi ma anche tanto .

  298. Popolo del blog!….Cosa vi avevo predetto nel mio precedente post (293)? Ne avete la conferma !…godetevi le esternazioni dello xenofobopensiero!…andrete a dormire con lo spirito sollevato dalla sublime acutezza di cotanto cervello. Buona notte popolo !…

  299. Scusatemi seogni tanto scrivo puttanate

  300. TRECENTO !!!

  301. Guidoriccio, non ho ancora avuto tempo di vedere Habemus papam.
    Spero di andare presto …. le multisala però mi fanno orrore.

    Telese, voltiamo pagina pliiiiiis ????

  302. non andare ! i film di moretti fanno schifo

  303. no dai, non dirmi così …

  304. telese pezzo di merda

  305. bravo….il leccasedere di travaglio! (dovete vedere come se lo alliscia !?)

    Ti dico che l’ultima uscita del genere l’avevo sentita da Gaia (ingoia) De Laurentis….
    se ne sono perse le tracce

    ps. secondo me ti conviene tornarci all’isoletta tua….male che vada farai la fine di gaia ingoia…desaparesidos

    ciao lu…se salutamo adesso!

  306. UN POVERO E SQUALLIDO LECCACULO APPECORONATO

  307. Premessa: per quanto questo blog possa essere interessante, non è certamente il solo spazio in cui ognuno di noi può avere l’opportunità di scrivere e interagire su cose molto più serie. Quindi commenti del tipo: “come mai non siete intervenuti su cose molto più serie”, mi sembrano fuori luogo.

    La mia partecipazione a questa discussione, apprezzabile o meno che sia stata, nasce da una segnalazione che mi è stata fatta e per quel che mi riguarda ho da tempo un approccio ben preciso nei confronti dei peperones che sparano cazzate. Li uso a scopo ricreativo. Svolgono per me la stessa funzione che il giullare di corte svolgeva nei confronti del Re… mi divertono e ogni tanto mi fanno staccare la spina dai problemi veri della nostra società. Per me il romanista medio è una specie di entità a parte, un qualcosa da studiare… una specie di extraterrestre, una roba carpenteriana alla ESSI VIVONO… sono ovunque, Sky ormai sembra Trigoria, e ci credono. Ecco, la cosa che emerge con evidenza è che anche una persona apparentemente insospettabile e rispettabile come Telese, ad un certo punto non ce la fa a reprimere quel modo d’essere peperonico… e svacca, si marionizza… Per me il romanista che ci crede va tutelato e protetto più dei panda. Racconto a Telese un episodio veramente accaduto… ricorda quando Varenne vinceva tutto ed era famoso in tutto il mondo… una volta su raidue è stato intervistato… e il cavallo ha risposto: “Sono tifoso della Roma”… pure quel poro cavallo avete rovinato… il romanista è da sempre questo e sarà sempre questo. Meno male, aggiungo io.
    A me piace definire i romanisti con tre parole che li descrivono a 360 gradi.
    ILLUSI DA SEMPRE.

    Detto questo però, non posso nascondere un FORTE disagio per certi commenti razzisti, beceri e figli di un’ignoranza sin troppo manifesta che ho letto in risposta a Telese. Non se ne sentiva il bisogno. Non se ne dovrebbe sentire mai il bisogno.

    p.s. Per quel che mi riguarda la ricreazione è finita. Quando si tratterà di sbeffeggiare i nipoti illusi fatemi un fischio perché il divertimento per me è sempre assicurato, ma se la cosa si deve trasformare in un omaggio a quel coglione di Adolf Hitler allora non contate su di me.

  308. Perdonatemi ma vorrei fare una piccola eccezione al mio ragionamento precedente, e abbandonare solo per un’istante la pacatezza che mi ha contraddistinto…

    Vorrei inviare un messaggio a Carlo Zimmatore…

    Concludendo un intervento tutto sommato sensato il Zimmatore scrive:

    “Comunque caro telese, alla luce di quanto letto quì sopra, potrebbe cambiare stereotipo: ormai il Laziale é una specie di “samurai” che per il padrone darebbe la vita. In pratica un uomo senza dignità, senza amor proprio e senza cervello. Così, forse, rimpiageranno il “cafone””.

    Le posso rispondere citando qualcosa da cui emerge il meglio della mia formazione culturale?

    Posso Zimmatò? Ci sei?

    http://www.youtube.com/watch?v=dgfow7Fa_pM

  309. @ Breny, un tizio facente parte della categoria umana citata dal sig. Fortebraccio,si è appropriato dello pseudonimo da me usato per scrivere gli ultimi quattro post,per cui,non appena il blog si sarà disintossicato dal calcio,avremo sicuramente altre occasioni per colloquiare. P.S. è autentico quello sullo xenofobopensiero.(293)

  310. hahaha

  311. Ah ecco, mi sembrava bene, Guidoriccio.
    Però, che buontemponi si incontrano in rete!

  312. solamente ora capisco …il problema si chiama Disegni…bè che dire uno tosto,

  313. Ahahahahahah! Che belli i commenti, mica li avevo letti. Il metodo panem et circenses evidentemente funziona davvero anche con quelli della lazzie.

  314. Visto che parla di “cazzeggio”, “cazzeggi” offendendo i romanisti. Noi Laziali, storia di Roma, sappiamo benissimo chi sono i cafoni in questa città, ed ora che si è presentato, sappiamo anche perchè lei simpatizza per loro. Bgiornata

  315. SS LAZIO 1900…..as roma 1927………..QUANTO ROSICATE CHE NUN SETE LA PRIMA SQUADRA DELLA CAPITALE!

  316. MA NUN TE VERGOGNI A METTE STA FOTO………QUANTO SEI BRUTTO GIUSTO DA RIOMA POTEVI ESSE……

  317. questo post si chiude con l’ennesima cazzata… i romanisti so più spiritosi…ah si prova a fare una battuta in tv contro la roma, finisci definitivamente di scrivere e fanno pure un’interrogazione parlamentare…uno di sinistra che si schiera con la squadra per eccellenza dei poteri forti creata dai poteri forti e tutelata nagli anni dai poteri forti:asroma 1927

  318. Luca, io ti stimo come giornalista in primis, e sono MOLTO selettivo, non ti porrei MAI al livello di un Floris o anche di un Santoro, che per me sono fin troppo CHINI al governo, dato che amano invitare continuamente ospiti magari leghisti e sconosciutissimi che LORO STESSI poi trasformano in vere e proprie stars (vedi il caso Cota)… andrebbe bene se s’invitasse qualcuno dell’opposizione (non uso il termine “sinistra”, che deve rifondarsi, oggi è in disuso), ma Santoro SI RITIENE ESSERE LUI STESSO LA “SINISTRA”, ed ecco che ospiti “di sinistra” non ce ne sono MAI. Di Pietro e Travaglio, ci sono loro due, che “di sinistra” non sono, peraltro… però, almeno s’oppongono… ma davanti all’esercito dei Castelli, dei Cota, dei Tremonti, degli Alfano, dei Sallusti, dei Porro, ONNIPRESENTI, che puoi fare?
    Insomma, Luca, ti seguo e centellinando ti SCELGO, e caso vuole che io sia anche tifoso romanista…
    Certo, hai scelto di dirla bella grossa sui laziali, devo ammetterlo… io ne dico anche di peggio, anche davanti a loro, avendone due come amici davvero “del cuore”: per me è sfottò, lo è anche per loro, per altri CAPISCO CHE POSSA NON ESSERLO… perché l’hai fatto in TV. E’ lì che cambia tutto. L’hai fatto pubblicamente. L’hai “istituzionalizzato” senza repliche, capisci? E’ come tutti i film comici anni ’70-’80 che pendevano nettamente per noi romanisti, salvo però dipingerci perennemente come coatti e ignoranti… ma sempre meglio che i laziali, dipinti perennemente come perdenti e zotici…
    E’ come il Corriere dello Sport, che sa d’avere una maggioranza d’utenza giallorossa, e quindi spesso scrive più di Roma che di Lazio…
    E TI STO DICENDO QUESTE COSE DA ROMANISTA!
    Perché sotto sotto a me farebbe piacere avere tutt’altra “pubblicità”, è ora che si svecchi l’immagine del romanismo, come si tentò di fare negli anni di Liedholm…
    E quindi DEVI ASPETTARTI da parte laziale ogni tipo di risentimento, loro soffrono questa nostra predominanza GIA’ A LIVELLO CITTADINO (numerico, intendo), figuriamoci nei confronti dei “media”…
    In fin dei conti, essere romanista è più che accettato a livello mediatico, perché il tifo romanista è molto più “generico” e meno “politico”, è un tifo davvero esclusivamente calcistico e popolare… la Lazio è sempre stata connotata da caratteri così chiaramente (e, per molti di loro, orgogliosamente) di estrema destra da essere invisa a livello mediatico.
    Per me, se la vanno a cercare, perché a furia di proporsi come tifoseria “pariolin-fascista” poi t’arriva quello che t’arriva, ed è troppo tardi per lagnarsene, poi… se scegli di fare quella parte, ne devi accettare le conseguenze: a Glasgow, i protestanti tifano Rangers, i cattolici Celtic; due tifoserie identiche a livello sociale, working class, ma una dichiaratamente britannica, l’altra irlandese… quindi una vista come “establishment” (essendo anche maggioranza cittadina), l’altra come “ribelle”. I Rangers si beccano l’accusa di essere bigotti colonizzatori e repressori, il Celtic si becca l’appoggio al terrorismo dell’I.R.A. e – dall’altra parte – la vicinanza col Vaticano.
    Pensi che al tifoso medio di entrambe le fazioni interessi qualcosa di tutto questo?
    Macché, loro hanno accettato del tutto queste etichette, tanto quello che conta E’ SOLO IL FOOTBALL, la maggioranza schiacciante di quelle tifoserie è fatta comunque di classe operaia scozzese, cosa vuoi che gliene freghi delle etichette?
    E allora, i laziali accettassero certe rappresentazioni, se vogliono continuare a proporsi in quel modo, e i romanisti pure… perché a me non piace affatto vedermi ogni volta rappresentare da sosia di Claudio Villa dediti alla forchettata de spaghetti alla Albertone… ma alla fine CI STO, perché CONTA IL FOOTBALL, stop. Poi, CI PENSO IO DA SOLO a dimostrare chi sono e come sono fatto…
    Quindi, Luca, t’ho cercato di fare un quadro della situazione, tutto qua: anche tu, se vuoi esporti pubblicamente a questi livelli, sappi a cosa vai incontro, come facciamo tutti, in fin dei conti, no?
    Cordialmente.
    Gianmaria.

  319. Caro Luca Telese, il “caro” sta per consuetudine non per rispetto verso di lei.
    Per prima cosa quando si offende qualcuno, lo si fa con una controparte all’altezza, altrimenti senza repliche siamo tutti bravi,forti e gagliardi, ma nella realta senza palle, perchè il microfono delle volte è peggio di un coltello.
    Ma dai comunisti siamo abituati a cose ben peggiori, vedasi i cori della sinistroide curva sud con il CUCS verso un ragazzo morto tale V. Paparelli, per 20 anni ma dico 20 anni, cosa che poi con l’avvento della destra in Sud non è piu successa, onorando anche qualche volta il buon vincenzo che ha lasciato moglie e 2 figli, ma mai nessuno tifoso di quella sponda maleodorante ha pensato di dire basta.
    Quello che ha fatto lei non ci è nuovo, lo faceva Amendola nei film, M. Giuliani nella terza C etc, ma noi tifosi laziali nati a roma nel 1900 e non nei dintorni di roma come loro, siamo fieri ed andiamo oltre.
    La sua presunta fede gialloroscia dimostra come lei da buon NON ROMANO ma cagliaritano subito si e’ buttato con la massa, come fa l’egiziano, l’algerino, il marchigiano, il pugliese etc rinnegando le proprie origini, come se poi il leccare il culo alla massa porti qualcosa in tasca.
    Complimenti poi per la pecora nella vignetta, esempio di grande goliardia (?), infatti lei da buon Leone(!) cattivo e forte con il petto in fuori subito si è schierato con i più numerosi, con la massa, per avere vita facile e senza troppi patemi, classico sintomo simboleggiante l’assenza di midollo osseo oltre che l’assenza di muscoli virili.
    D’altronde cosa ci si poteva aspettare da chi per anni ha scritto per Berlusconi nel “Il Giornale” ed ora scrive invece per la sinistra. GRANDE COERENZA LA SUA. Sig. Telese lei è un maestro dell’arte circense. Un equilibrista.
    Quello che dice e scrive, per me, vale meno di zero.
    Oggi insulta a gratis poi domani va in TV a difendere i sindacalisti…. Ottimi principi morali i suoi.
    Si ricordi che la SSLAZIO 1900 è la PRIMA SQUADRA DELLA CAPITALE NATA A PIAZZA DELLA LIBERTA’ (visto che lei è sardo guardi su google dov’è), nata per un ideale sportivo e non da una fusione di 15 squadre per volontà di Benito Mussolini…..Altro che sport….
    Cafone sarà lei, impari l’educazione, anzi spero la insegni meglio ai suoi figli visto che con lei è stata un ‘impresa ardua.

    DIA RETTA A ME TIRI FUORI LE PALLE E TIFI PER LE SUE ORIGINI, ALTRIMENTI FA LO STESSO GIOCO DI CHI NASCE A ROMA E TIFA JUVE, MILAN , INTER, E POI VEDONO non piu di UNA PARTITA L’ANNO DELLA PROPRIA SQUADRA.
    MEGLIO POCHI MA BUONI e ROMANI che arruolare extifosi del Cagliari, dato che suo nonno era sardo e gli parlava sempre di GigggiRiva e del Cagliari campione d’italia.
    Lei è l’esempio di come loro assoldano sempre gente a casaccio per usarla e per insultare gli altri.
    Avrà notato come spesso ho scritto LORO e non VOI perchè lei è solo un numero acquisito di quella specie di esseri viventi.
    Si ricordi poi che La SSLazio è la squadra dei veri tifosi, della gente normale non di chi si schiera coi politicanti,con i “VIP” coi “FAMOSI” perchè in maggior numero giallozozzi.
    Quello che ha fatto lei non ci è nuovo, lo faceva Amendola nei film, M. Giuliani nella terza C etc, ma noi tifosi laziali nati a roma nel 1900 e non nei dintorni di roma come loro, siamo fieri ed andiamo oltre.
    La sua presunta fede gialloroscia dimostra come lei da buon NON ROMANO ma cagliaritano subito si e’ buttato con la massa, come fa l’egiziano, l’algerino, il marchigiano, il pugliese etc rinnegando le proprie origini, come se poi il leccare il culo alla massa porti qualcosa in tasca.
    Complimenti poi per la pecora nella vignetta, esempio di grande goliardia (?), infatti lei da buon Leone(!) cattivo e forte con il petto in fuori subito si è schierato con i più numerosi, con la massa, per avere vita facile e senza troppi patemi, classico sintomo simboleggiante l’assenza di midollo osseo oltre l’assenza che di muscoli virili.
    D’altronde cosa ci si poteva aspettare da chi per anni ha scritto per Berlusconi nel “Il Giornale” parlando male della sinistra ed ora scrive invece per la sinistra. GRANDE COERENZA LA SUA. Sig. Telese lei è un maestro dell’arte circense. Un equilibrista.
    Quello che dice e scrive, per me, vale meno di zero.
    Si ricordi che la SSLAZIO 1900 è la PRIMA SQUADRA DELLA CAPITALE NATA A PIAZZA DELLA LIBERTA’ (visto che è sardo guardi su google dov’è), nata per un ideale sportivo e non da una fusione di 15 squadre per volontà di Benito Mussolini…..Altro che sport….
    Cafone sarà lei, impari l’educazione, anzi spero la insegni meglio ai suoi figli visto che con lei è stata un ‘impresa ardua.

    DIA RETTA A ME TIRI FUORI LE PALLE E TIFI PER LE SUE ORIGINI, ALTRIMENTI FA LO STESSO GIOCO DI CHI NASCE A ROMA E TIFA JUVE, MILAN , INTER, E POI VEDONO non piu di UNA PARTITA L’ANNO DELLA PROPRIA SQUADRA.
    MEGLIO POCHI MA BUONI e ROMANI che arruolare extifosi del Cagliari, dato suo nonno era sardo e gli parlava sempre di GigggiRiva e del Cagliari campione d’italia.
    Lei è l’esempio di come loro assoldano sempre gente a casaccio per usarla e per insultare gli altri.
    I COLORI DEL CIELO, IL SIMBOLO DELL’IMPERO: LA CAPITALE è NOSTRA E LA DIFENDEREMO.

    francesco

  320. Riguardo l’ultima frase di Telese” i romanisti sarebbero stati molto più spiritosi” mi faccio una grassa risata..vabbè telese convinto tu..convinti tutti…prova pure a scrivere o a dire qualcosa contro la magggiiicccaaaa.a…
    poi quando ti cominciano ad arrivare minaccie e lettere minatorie..ne riparliamo..per ora la saluta con(senza)cordialità

  321. A quale squadra segnava sempre Conti?
    Beccate er quinto!

    Bella pe’ te, Tele’!

  322. hahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahhahahahahahahhahahahhahahahahhahahah ma la riomma ndove stà ma la riomma ndove stà? ndove stà ….la riomma ndove stà?

  323. A parte Signor telese che il rolex è un orlogio alal portata del volgo anche se a rate e anche di scarso gusto estetico, pertanto inconfondibilmente da romanista, volevo dirle che non mi stupisce affatto che l’ennesimo personaggio venuto da fuori le mura si affezioni alla seconda squadra della capitale. è naturale e giusto cosi’. assimilazione integrazione nessuna tradizione.

  324. Il romanista, a differenza del Laziale, non indossa rolex.
    Li regala agli arbitri.
    Saluti romanissimo telese.

  325. come rosicano sti lazialotti.
    Io er rolecs ce lo’ vero colla foto der cappetano sulla cassa.

  326. Veramente di cattivo gusto,caro il mio giornalista-terrorista.Le chiacchere da bar se le tenga appunto PER IL BAR,cercando di avere più rispetto per il pubblico televisivo(che non è il suo amico con cui si trastulla davanti a una birra)…davvero professionale paragonare le due situazioni…complimenti un giornalista di quelli seri che più seri non si può.Questo senza entrare nel merito della sua infelice affarmazione.

  327. GRANDISSIMO TELESE!!!!!

  328. Sig. Telese. Non sono aduso al giudizio e alla condanna. Sarà la sua stessa e imbarazzante qualità animica a collocarla dove merita.
    La Polisportiva S.S. Lazio 1900, oltre al calcio, comprende oltre 37 discipline
    sportive
    Nel corso della sua storia, la più grande polisportiva d’europa, la società sportiva LAZIO, ha ottenuto un innumerevole quantità di successi, questi sono i principali:
    - 7 Ori olimpici
    - 16 Titoli mondiali
    - 26 Titoli europei
    - 70 Titoli italiani assoluti
    - 600 Titoli italiani individuali
    - Circa 1000 Titoli giovanili
    Non sto qui ad erudirla sui valori fondanti della S.S. Lazio 1900 e sulla sua collocazione
    geografico-cittadina che ne rappresentano il segno distintivo, poiché altri prima di me lo hanno già fatto.
    Le lascio questi versi, di cui sono autore, nella esigua speranza
    che possano illuminarla sulla differenza sostanziale che c’è tra “romanità e “romanismo”

    Nulla può onorar più Roma
    di quest’aquila mai doma
    La città che l’amor conquista
    di chiunque ne abbia vista
    non è un logo per mercanti,
    per coatti o saltimbanchi.
    Essa è vivida fierezza, ha
    l’alloro sulla testa e non
    al collo una capezza.

    Stefano Felici pag facebook: L A T I U M M C M FANS

  329. Luca Telese nato a Cagliari da madre nata a Brescia e padre nato a Torre Annunziata….
    la realtà supera la più fervida fantasia!

  330. Caro Luca, ne è passata di acqua sotto i ponti… come se fosse una droga, non posso fare a meno di commentare questa tua uscita. Che, è vero, è una provocazione bella e buona, per quanto scherzosa, ma ha anche il vantaggio di essere un esperimento sociologico a buon mercato. Ed è un’ottima testimonianza di come certe cose vengano vissute e interiorizzate quasi fossero dei valori assoluti… questi tifosi biancocelesti che fanno dell’essere nati prima dei cugini il loro punto d’orgoglio, che parlano di supremazia razziale nei confronti di altri italiani, che vanno a ricercare le origini proprie e altrui in chissà quali archivi e memorie, che mirano quasi esclusivamente all’umiliazione dell’immigrato (italiano… figuriamoci lo straniero…), che dileggiano in alcuni messaggi la povertà e l’indigenza come fossero crimini, la casa popolare come fosse un’infamia o la periferia come una colpa… che infine, a parte un’esigua minoranza, rivendicano più o meno velatamente l’appartenenza ad un’ideologia di estrema destra. Non senza contraddizioni, tuttavia, visto che l’Italia per loro si ferma alla purezza della romanità, che il Sud e la sua gente andrebbero umiliati quotidianamente, che le case popolari (volute dall’amato regime) diventano un motivo di discriminazione, che la povertà del “popolo” è un fattore di scherno e che la stessa fondazione della Roma, a quanto pare pretesa da Mussolini, non viene riconosciuta degna. Il tutto condito da un certo snobismo non da ceto alto, non da borghesia “nera”, ma da piccola borghesia urlante e conservatrice. Che destra è mai questa, mi chiedo non senza ironia… così come mi chiedo se tutti i commentatori arrivino dai Parioli, da Vigna Clara, da Prati e zone-bene varie (sebbene anche il quartiere di residenza sia ormai segno di arricchimento provinciale, di status economico e non sociale… vedi Fiorito e appartamenti vari).
    Tempo fa, Francesco Merlo ebbe l’ardire di scrivere un’ode a Del Piero, confrontando la sua sobrietà in campo e fuori con la cafonaggine e la maleducazione di Totti: apriti cielo. Come in questo caso, commenti a pioggia in difesa del “Capitano”, conditi da minacce e insulti verso il giornalista, reo di aver espresso, sul suo blog, un’opinione maliziosa ma in fin dei conti efficace.
    Se i tifosi di qualsiasi squadra e di qualsiasi provenienza capissero di essere veramente tutti uguali e soprattutto mettessero davanti alle esasperazioni dell’istinto un po’ di cervello, forse questo sarebbe un paese migliore. Forse, nel caso specifico, Roma sarebbe una città migliore. Ma no, meglio una distinzione fatta su basi irrazionali e stupide, col risultato non solo di sembrare idioti in preda ad una crisi di rabbia ma anche feccia peggiore di quella che si vorrebbe criticare. Un saluto.

  331. Caro Luca, passa l’acqua sotto i ponti e passa il tempo e nessuno fa tesoro delle altrui osservazioni, ognuno perso dentro i fatti suoi.
    Si spolverano delle pompose e zuccherose litanie inneggianti al “volemose bene”, “Siamo tutti fratelli” “fate l’amore non fate la guerra”.
    Ovviamente chi può replicare a banalità di questo tenore?
    Poi ci si accorge che il 95% delle squadre di calcio ha il nome di una città o di un comune.
    Che significato ha questo? Lo chiedo al Signor Giuseppe! Sembra che questo gioco (horribile dictu) sia basato sul campanilismo.
    Tra città e città, regione e regione, quartiere e quartiere, contrada e contrada, e chi non ha un “nemico” naturale se lo crea.
    Non siamo neanche i soli. Provate a dire a un catalano che è castigliano …..
    Caro Giuseppe il tuo ecumenico “Se i tifosi di qualsiasi squadra e di qualsiasi provenienza capissero di essere veramente tutti uguali….” È un inno disarmante all’ovvietà ! Ovvietà al piattume con una unica logica risposta : ”Non ci sarebbe il calcio!”
    Ma voglio addirittura oltrepassarti ! Se gli uomini di qualsiasi razza, origine e provenienza capissero di essere tutti uguali questo sarebbe un mondo migliore!!!
    Credo di essermi superato!!!
    Poi, però, nella Storia c’è sempre un romanista! Un lestofante che inserisce il tarlo della discordia, un triste personaggio che pur essendo a perfetta conoscenza di essere un cadetto millanta la primogenitura e rimescola le carte parlando di origini e vantando natali che non gli appartengono. Qualcuno che cambia la Storia.
    Qui si parla di numeri e di fatti ! perché il briccone deve spacciarsi per qualcosa che non è? Che cosa gli costa ammettere i fatti?
    Invece no! Ostinatamente persevera con l’errata affermazione di essere l’ultimo discendente di una Patria che non rappresenta.
    Non gli basterebbe innalzare bandiere incolori (o arcobaleno) che rappresentino l’unica fede che ha:
    la Pace e la solidarietà?
    Patria…. La terra del padre…. Toh!
    Il perverso vuol significare che questa è la terra di suo padre…
    Ora io credo di essere estremamente tollerante e, poi, Roma (città) è la Città dell’accoglienza, del pellegrinaggio da secoli ma perché il novello pellegrino deve ostinarsi a pretendere la primogenitura?
    Non è un peccato essere gli ultimi ma non è nemmeno peccato essere i primi.
    Se c’è un “2” ci deve essere anche un numero “1”.
    I numeri si possono sicuramente abolire ma in qualsiasi momento si rimettano in gioco c’è sempre un numero 1.
    Giuseppe spiegaglielo tu! Non deve vergognarsi di nulla! Ci si può addirittura vantare di essere secondi!
    Ultima considerazione…
    Nell’universale messaggio di fratellanza, secondo la visione di Giuseppe, Luca è un compiaciuto tifoso romanista, orgoglioso sardo, compiaciuto nunziatese, illuminato fratello di tutti…. ma Laziale mai!!!!
    Vale atque vale.

  332. Telese ,

    mi sa che lei ha le idee leggermente(si fa per dire) distorte su chi sono I laziali ed i romanisti .

    Glielo spiego io che so de Roma da tre generazioni

    I laziali so nati ar centro della Città, Piazza della Libertà rione Prati XXII, fondati da 8 Romani de Roma e col simbolo dell’Aquila imperiale Romana per esplicita volontà di rappresentare L’impero stesso ,ed essendo stati i primi sono i VERI ROMANI , nel senso che all’epoca tutti I cittadini romani (che erano I veri Romani da più generazioni) tifavano per la Lazio La A.S. Roma è stata fondata a Corropoli a piu di 100 Km da Roma nel 1927.
    Pensi che anche il nome “Roma” è stato usurpato(grazie ai fascisti )e CONTRO LEGGE visto che che esisteva già dal 1890 La società ginnastica Roma tutto oggi esistente.
    Per quanto riguarda i tifosi I romanisti ce ne sono di due tipi.
    Quelli che abitano a Roma ma sono originari del sud Italia , quando nel dopo guerra ci fu una forte emigrazione verso Roma per motivi di lavoro e quelli di fuori Roma nelle varie provincie della regione e non solo.
    Pertanto la pecora la dovrebbe associare al tifoso Romanista , questa è realta e storia.

    La invito a studiare meglio la storia del Calcio della Città che la ospita prima di parlare la prossima volta.

  333. Telese ,

    mi sa che lei ha le idee leggermente(si fa per dire) distorte su chi sono I laziali ed i romanisti .

    Glielo spiego io che so de Roma da tre generazioni

    I laziali so nati ar centro della Città, Piazza della Libertà rione Prati XXII, fondati da 8 Romani de Roma e col simbolo dell’Aquila imperiale Romana per esplicita volontà di rappresentare L’impero stesso ,ed essendo stati i primi sono i VERI ROMANI , nel senso che all’epoca tutti I cittadini romani (che erano I veri Romani da più generazioni) tifavano per la Lazio La A.S. Roma è stata fondata a Corropoli a piu di 100 Km da Roma nel 1927.
    Pensi che anche il nome “Roma” è stato usurpato(grazie ai fascisti )e CONTRO LEGGE visto che che esisteva già dal 1890 La società ginnastica Roma tutto oggi esistente.
    Per quanto riguarda i tifosi I romanisti ce ne sono di due tipi.
    Quelli che abitano a Roma ma sono originari del sud Italia , quando nel dopo guerra ci fu una forte emigrazione verso Roma per motivi di lavoro e quelli di fuori Roma nelle varie provincie della regione e non solo.
    Pertanto la pecora la dovrebbe associare al tifoso Romanista , questa è realta e storia.

    La invito a studiare meglio la storia del Calcio della Città che la ospita prima di parlare la prossima volta.

  334. Lei purtroppo non solo ha fallito come giornalista, editorialista e direttore di testata ma visto che si doveva fare un pò di pubblicità allora ha seguito il carrozzono del potere mediatico.finanziario-politico, rappresentato dai vanzina e i coatto popolari, le banche strozzine e cravattare ed i politici parassiti che pascolano in tribuna monte mario ed ha attaccato la più grande polisportiva d’Europa ed ante morale. Vergogna fallito !

  335. 26 Maggio 2013

    Roma – Lazio 0 – 1

    Mettici una pezza….

  336. Buonasera.
    Che brutte le offese alle persone.
    Sono laziale, ma non approvo nulla che sia partorito dalla mancanza di rispetto.
    Lo sfottò, quello pungente, ci sta bene e ci deve essere. Ma qui non diventa più lo sfottò. Diventa solo un modo per insultare il prossimo che non nobilita nessuno. Peccato.

    Buon lavoro

  337. Quante espressioni di lazialità!
    Non mi stupisce che vengano a piagnucolare su questa pagina.
    Mi permetta di ribadire lazio merda senza fine.

  338. Se soffri cosi tanto a sentire la lazialità maledici i tuoi nonni marchigiani !

  339. Sono un tifoso viola capitato qui per caso. Sono abbonato in curva fiesole da 20 anni, e allo stadio ho visto molte volte sia i laziali che i giallorossi. Posso dire che se fossi nato a Roma o dintorni sarei sicuramente laziale. Mi sembra sia insita più identità, più compattezza. I giallorossi invece mi sembrano l’esatto fax-simile dei napoletani.

  340. Da tifoso della Lazio e romano del quartiere Appio Latino, la invito, egregio dott. Telese, a stare attento a ciò che scrive e che dice, soprattutto in questa città… Le ricordo, a titolo informativo, che una signora figlia di papà, la figlia del presidente del Napoli de Laurentiis, una volta, nel 2004, in diretta tv, disse una frase offensiva verso la Lazio ed i suoi tifosi… risultato, fu minacciata di morte e dovette ricorrere ad una scorta per parecchi mesi…. cercò di scusarsi, ma una così idiota finì solo per peggiorare le cose, dicendo che era una battuta che le aveva suggerito un suo amico romanista ed imbecille, aggiungo…. ergo, in questa città, la Lazio (ma anche la Roma) è sacra per i suoi tifosi, faccia attenzione che persone pronte a vendicarsi se ne trovano a decine….
    N.B: la comunità sarda a Roma è foltissima ed è, principalmente, simpatizzante della Lazio…..

Lascia un commento