Dicono di me

2 Febbraio 2010
Tetris, “Così racconto il potere italiano”

Il guaio è che lui si diverte. C'è chi accusa la sua trasmissione di essere un tritacarne mediatico, un ring dove inevitabilmente si finisce a insulti. Luca Telese non arretra di un millimetro: «E' vero, con gli ospiti sono "equiferoce". Ma la tele-rissa fa schifo quando è artefatta. Io cerco il momento-verità, quello in cui salta la facciata. E questo accade quando si arriva al cuore dei problemi».
Il guastafeste dei talk-show nostrani torna domani mercoledì 3 marzo in prima serata sugli schermi di La7 con la nuova edizione di "Tetris". La formula è quella collaudata della scorsa stagione: due ore di trasmissione che incastrano l'alto e il basso, la politica e lo spettacolo, il volto noto e il perfetto sconosciuto. Quando il dibattito in studio arranca, entrano in scena linguaggi meno convenzionali. Vale tutto: fumetti, videoclip, parodie dei film con i personaggi dell'attualità, filmati presi da YouTube.
Ma "Tetris" fa informazione o satira?
«Entrambe le cose. La distinzione tra politica e spettacolo è stata abolita nel 1994 da un signore che si chiama Silvio Berlusconi. Il muro è caduto».
Ci risiamo. Di nuovo tutta colpa del Cavaliere?
«No, anche la sinistra si è adeguata candidando un plotone di mezzibusti. Dalle mitiche Frattocchie siamo passati alla scuola di Saxa Rubra. E la vicenda di Marrazzo insegna che a volte va a finire male. Oggi l'unica chiave per raccontare la realtà italiana è il surreale. Per questo nel programma c'è una giuria che valuta gli ospiti».
Insomma, siamo al casting del potere?
«L'idea è nata quasi per gioco. La sorpresa è stata scoprire che politici apparentemente spensierati sono andati a lamentarsi dai giurati per non essere stati votati».
Fuori i nomi
«E' successo con tanti, mi vengono in mente la Santanchè e Velardi. Solo Borghezio disse che la Lega se ne fregava dei giudizi tipicamente borghesi».
In questo marasma dove si colloca l'uomo della strada?
«L'intenzione è quella di riproporre i personaggi del genio italico. Come l'inventore dei “Gormiti” (mostriciattoli di plastica per bambini, ndr.). Oppure Mario, il mitico meccanico di Berlinguer. Nella passata edizione i picchi di share li abbiamo fatti con loro».
Ma anche la rissa, in termini di ascolti, paga.
«Certo. La differenza è che negli show vaselinati e patinati il momento di scontro è pro forma, per il resto ci si annoia. Io cerco le contrapposizioni forti ma a “Tetris” la drammaturgia del conflitto è salvifica perché è vera».
Il conduttore non dovrebbe essere "super partes"?
«Io detesto la tv della finta imparzialità. A “Porta a Porta” emerge chiaramente da che parte sta Vespa anche se non lo dichiara. Io preferisco dire qual è il mio punto di vista. Floris mi sta simpatico ma è così garbatamente di centro-sinistra che la trasmissione è prevedibile. Anche gli ospiti sono sempre gli stessi. E' una televisione che spesso ha come obiettivo la rappresentazione del potere».
Non salva neanche Sanotoro?
«Ad "Annozero" è diverso perché il conflitto è sempre trasparente e leggibile. E Michele sa creare una drammaturgia intensa».
Come valuta l'uso della fiction?
«Non ho nulla in contrario ma io preferisco il fumetto. Può sembrare paradossale ma è più realistico».
E crea meno polemiche…
«Questo non è vero. Ricordo che l'anno scorso mandammo in onda un disegno che raffigurava la scuola quadri delle veline di Berlusconi. Finiva con il Cavaliere che arringava le ragazze con una promessa solenne: "Vi porto in Europa". Capezzone mi chiamò e chiese una smentita del fumetto. Pura follia…».
Qual è il suo approccio con l'ospite?
«Cerco di essere severo con tutti. Io mi chiedo: "Perchè bisogna offrire indulgenza e garantismo agli inquisiti di sinistra ed essere spietati con Cosentino"?».
Ce lo dica lei.
«Infatti così non funziona. E' uno scandalo che Cosentino resti un uomo di governo ma è altrettanto scandaloso che Del Bono non volesse dimettersi. I politici di centro-sinistra vanno trattati con la stessa inflessibilità che si usa per l'altra sponda».

Gabriele Martini – lastampa.it

Condividi:

 

2 commenti »

  1. @salsicciottodell’informazionepreconfeZZionatadelpiddì)alias Luca Telese)

    e così t’hanno ridato il via per ripartire col tuo talkshow di mezze calzette e passerelle per politicanti inutili. A te si e a Crozza(programma di successo)o Luttazzi(ancora più di successo)no. Bell’affare LA7-Telecom-banche .. proprio una TV di cui non si poteva fare a meno!!
    PS:ma quei falliti di Cruciani e Barbareschi hanno ancora il LORO show?! Motivo in più per tenerla spenta la TV ..

  2. It’s an unusual privilege to read quality articles these days. Your article has the qualities of great professionally written content that’s unique, original and interesting.

Lascia un commento